Apri il menu principale

Mary Poppins (film)

film del 1964 diretto da Robert Stevenson
Mary Poppins
Mary Poppins.JPG
Mary Poppins (Julie Andrews) e Bert (Dick Van Dyke) in una scena del film
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1964
Durata138 minuti
Generecommedia, musicale, fantastico, avventura
RegiaRobert Stevenson
Soggettodai romanzi di P. L. Travers
SceneggiaturaBill Walsh, Don Da Gradi
ProduttoreWalt Disney e Bill Walsh
FotografiaEdward Colman
MontaggioCotton Warburton
Effetti specialiPeter Ellenshaw, Eustace Lycett, Robert A. Mattey
MusicheRichard M. Sherman, Robert B. Sherman, Irwin Kostal
ScenografiaGino Pellegrini, Carroll Clark, William H. Tuntke
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
  • Julie Andrews: pettirosso
  • David Tomlinson: pinguino cameriere, fantino, steward, signor Binnacle, ombrello
Doppiatori italiani

Mary Poppins è un film del 1964 diretto da Robert Stevenson, basato sulla serie di romanzi scritti da Pamela Lyndon Travers.

TramaModifica

Londra, 1906.[1] Bert, un uomo tuttofare, è tra le altre cose un uomo orchestra di strada. Una sua buffa esibizione viene interrotta dal vento dell'Est, che gli fa pensare che "qualcosa di strano" stia per accadere. Egli conduce quindi lo spettatore "errante" verso Viale dei Ciliegi, dove vive la famiglia Banks, passando davanti all'insolita dimora del puntualissimo Ammiraglio Boom.

 
Mary Poppins, mentre canta Basta un poco di zucchero, duettando con un pettirosso

Al numero 17 di Viale dei Ciliegi, George Banks, integerrimo bancario di Londra, gestisce la propria casa in maniera ferrea e precisa pretendendo sempre che le cose funzionino perfettamente. Le improvvise dimissioni della governante Tata Ketty causate dai due vivaci figli, Jane e Michael, portano la famiglia Banks a scegliere una nuova governante. Dubitando che la sbadata moglie e suffraggetta Winifred sia in grado di trovare per l'ennesima volta una tata efficiente, Banks fa pubblicare un annuncio sul Times coi requisiti che una governante dovrebbe avere a suo parere. Anche Jane e Michael, rammaricati per il dispiacere provocato al padre, scrivono un loro annuncio nel quale decantano la loro tata ideale: il signor Banks, indispettito, la straccia e la getta nel caminetto.

Il giorno dopo, alle 8 in punto, una lunga fila di nuove governanti attende di venire esaminata dal signor Banks. Un forte vento alzatosi all'improvviso spazza via tutte le aspiranti lavoratrici: richiamata dalla bizzarra lettera dei due piccoli, pervenuta fino a lei attraverso il camino, scende dal cielo con un ombrello la "supertata" Mary Poppins, praticamente perfetta sotto ogni aspetto. La donna fa il suo ingresso nella casa, presentando la lettera dei bambini come annuncio al quale ha risposto, sbalordendo il signor Banks; in un'inversione di ruoli, sarà proprio Mary Poppins a esaminare il datore di lavoro e a comunicare che farà un periodo di prova di una settimana, per poi decidere se accettare il posto.

 
Bert mentre balla con i pinguini dentro il suo disegno

In questo periodo di prova, con grande gioia di Jane e Michael, capiterà ogni sorta di avventure: giochi fantastici, come "Chi ben comincia è a metà dell'opera" dove Mary Poppins intona la celeberrima canzone "Un poco di zucchero", viaggi nei disegni urbani di Bert, dove giocheranno su una giostra carosello, Mary e Bert passeggeranno insieme fino a un piccolo bar dove prenderanno un tè accompagnati da dei pinguini danzanti, parteciperanno ad una strana caccia alla volpe e ad una corsa con i cavalli, a cui Mary Poppins si classificherà prima.[2] Una volta tornati a casa i due bimbi verranno cullati dalla ninna nanna magica della tata. I bambini si affezionano subito molto alla tata e vorrebbero che lei restasse con loro per sempre: Mary Poppins però fa loro presente che dovrà andarsene quando cambierà il vento. Avranno anche modo di far conoscenza con Albert, lo zio di Mary, che offrirà loro un tè sul soffitto della sua casa, con effetti esilaranti.

Le mirabolanti e divertenti iniziative della tata nei confronti di Jane e Michael non sono viste di buon occhio dal signor Banks, il quale la rimprovera ritenendo il suo modo di lavorare troppo frivolo e dunque non adatto per i suoi figli: egli vuole che ricevano un'educazione rigida e severa come è lui caratterialmente prendendo come esempio il suo modo preciso di lavorare in banca. Con un po' di furbizia, Mary Poppins gli consiglia di portare con sé i figli a visitare la banca per far loro osservare le regole ferree e precise da lui preferite. Durante il tragitto, i bambini e il papà incontrano presso la Cattedrale la signora dei piccioni, di cui Mary Poppins aveva loro parlato.

Michael vorrebbe donarle i 2 penny da lui risparmiati, ma il padre non glielo permette e lo porta in banca come da programma e cerca di convincerlo coi superiori a depositare lì il suo denaro. Spaventati da quel mondo avido, i bambini scappano tra lo scompiglio generale. Fortunatamente incontrano Bert, che adesso lavora come spazzacamino, e saranno da lui riaccompagnati a casa. La signora Banks, non avendo tempo per badare ai bambini, esorta lo spazzacamino a lavorare da loro e così, nella curiosità, i bambini vengono aspirati dalla canna fumaria finendo su per i tetti. Tutto ciò si trasformerà, in compagnia di Mary Poppins e Bert, in una splendida passeggiata notturna sui tetti di Londra; infine, il quartetto verrà raggiunto dagli amici spazzacamini di Bert, tra canti e danze.

Una volta a casa, i bambini scopriranno che la disavventura alla banca quel mattino sta per determinare il licenziamento del signor Banks, e così Michael consegna a suo padre i 2 penny. Paradossalmente, in tale situazione egli impara quale sia il giusto tono della austerità e della precisione: tutto si sistemerà nel migliore dei modi per la famiglia Banks, che ritrova gioia e affetto tra i vari membri.

 
Mary Poppins, alla fine del film, mentre vola via

Il signor Banks, dopo aver usato i penny di Michael proprio per sistemare l'aquilone dei bambini trovato nel parco, esce a farlo volare con la famiglia, e lì ritrova i dirigenti della Banca, i quali lo reintegrano dopo la morte del banchiere più anziano, il direttore della banca, stroncato dal troppo ridere, causato da una battuta recitatagli dal Mr. Banks stesso, che a sua volta l'aveva sentita da Michael.

Il vento è nel frattempo cambiato: Jane e Michael corrono a far volare l'aquilone, mentre Mary Poppins, "praticamente perfetta sotto ogni aspetto", torna da dove è venuta, salutata da Bert che ora vende aquiloni.

PersonaggiModifica

La protagonista indiscussa del film è Mary Poppins - una magica tata che arriva al numero 17 del Viale dei Ciliegi volando giù dal cielo durante una giornata col vento che soffia da Est, attaccata ad un ombrello nero con il manico a forma di testa di pappagallo parlante - che si occupa dei fratelli Jane e Michael Banks nel momento di maggior difficoltà della famiglia. I ragazzi infatti hanno mandato via tata Ketty, l'ultima di una lunga lista di istitutrici.

Loro padre, George Banks, lavora alla banca di Londra, e non ha tempo da dedicare ai suoi figli. Quando viene licenziato, invece di essere distrutto, è allegro e canta insieme alla sua famiglia; mentre la madre, Winnifred Banks, è una suffragetta a tempo pieno, che partecipa a molte manifestazioni sull'emancipazione femminile.

Il compagno delle avventure di Mary Poppins è Bert, un simpatico e galante spazzacamino, artista e musicante di strada, che sembra già conoscere le doti magiche della tata fin dal principio. È molto bravo a dipingere scenari raffiguranti paesaggi tipici inglesi e parchi. Ha un grande talento nel canto e nel ballo, e in tutte le arti in generale. Da alcune scene si intravede qualche indizio su una possibile relazione amorosa tra lui e Mary Poppins, alimentata dalla canzone "com'è bello passeggiar con Mary", idea poi smentita più e più volte dalla stessa scrittrice.[3]

Altri personaggi compaiono nel film, con un ruolo secondario, come zio di Mary Poppins, Albert, che ogni volta che ride di gusto si solleva dal suolo e non riesce a scendere, se non pensando a cose tristi; la vecchietta dei piccioni, che vive sulla scalinata della cattedrale di St. Paul e vende dei sacchetti di briciole ai passanti per sfamare gli uccellini. Il padre di Jane e Michael, George, lavora nella banca di Londra, gestita dal sig. Dawes e da suo figlio, il sig. Dawes Jr., che possono essere etichettati come gli apparenti antagonisti del film, in quanto costringono Michael a dare loro i suoi due penny, e licenziano George, ma che dopo aver raccontato una barzelletta al sig. Dawes Padre, che muore letteralmente dalle risate, viene riassunto come socio.

Nel Viale dei Ciliegi abitano anche l'ammiraglio Boom, ex della Marina di Sua Maestà imperiale, che ogni ora spara dal suo cannone per segnare l'ora; la signorina Lark, con il suo cane Andrew e la signora Corry con le sue figlie, Anne e Fanny, che posseggono un negozio di pan pepato. A casa dei Banks lavorano Ellen, la cameriera, e mrs. Brill, la cuoca.

ProduzioneModifica

SviluppoModifica

Nel 1934, P. L. Travers, pseudonimo dell'australiana Helen Lyndon Goff, pubblica il romanzo Mary Poppins, che narra la storia della magica tata volante che scende dal cielo per aiutare la famiglia Banks. Nel 1935 pubblica il seguito, facendone una collana, a cui seguiranno altri sei romanzi, pubblicati fino al 1988. Il primo romanzo, però, è la base principale da cui è stato tratto il film. Secondo la storia narrata in Saving Mr. Banks e dai contentuti speciali del DVD in edizione speciale del 2004, la figlia di Walt Disney, Diane, si innamorò dei libri della serie, e fece promettere al padre di produrre un film con base i suoi amati libri. Il primo tentativo di Disney di comprare i diritti dalla Travers, nel 1938, tuttavia, venne rifiutato dalla scrittrice, che era convinta che una versione cinematografica dei suoi libri non avrebbe reso giustizia alla sua creazione. Per più di vent'anni, Disney cercò di convincere la Travers a produrre un film di Mary Poppins, ed ebbe successo solamente nel 1961, anche se la scrittrice domandò per ottenere il diritto di approvare la sceneggiatura del film. I fratelli Sherman composero la colonna sonora e aiutarono la stesura del copione, suggerendo di spostare le vicende dagli anni trenta all'Età edoardiana. La pre-produzione e la composizione delle canzoni richiese due anni.

La Travers svolse il ruolo di consulente durante la stesura del copione del film, però non approvò il modo in cui il carattere di Mary Poppins, nel libro severa e dura, venne "diluito", facendola diventare dolce ed amorevole. Ebbe da ridire anche riguardo alle canzoni, che per lei erano troppe, e odiò anche le sequenze animate che compaiono in più punti del film.[4] La scrittrice obbiettò anche riguardo ad altri aspetti, che vennero di fatto messi nel film. Al posto delle canzoni originali, ella voleva che la musica rispecchiasse le caratteristiche dell'Età edoardiana, in cui è ambientata la storia. Una delle cose su cui la Travers era irremovibile era la presenza del colore rosso nel film, che lei voleva eliminare in qualsiasi scena. Alla fine, Disney le porse troppe regole, così lei fu obbligata ad accettare il contratto. Molte parti della corrispondenza tra Disney e la Travers è parte della collezione presente nella biblioteca di New South Wales, in Australia. La relazione tra i due è scritta in dettaglio nella biografia della Travers Mary Poppins, She Wrote, di Valerie Lawson, base di due documentari sulla vita della scrittrice: La vera Mary Poppins e L'Ombra di Mary Poppins, quest'ultimo di Lisa Matthews.[5][6][7] La loro relazione durante la produzione di Mary Poppins è raccontata in versione drammatica nel film Saving Mr. Banks, prodotto dalla Walt Disney Pictures nel 2013.

RipreseModifica

 
titolo tratto dal trailer originale del film

Le riprese del film sono state girate interamente presso gli Walt Disney Studios di Burbank, California. Ogni scenario venne ricostruito dentro gli studi, comprese le viste di Londra dall'alto. Alcuni di questi disegni scartati, realizzati a mano, sono stati utilizzati per la ouverture del sequel del film.

I pinguini che servono il tè a Mary Poppins e Bert sono stati doppiati, nella versione originale, da James MacDonald che cura anche gli effetti sonori del film.

David Tomlinson recitò con un paio di baffi finti per volontà di Walt Disney.

CastingModifica

 
Julie Andrews e Dick Van Dyke, riuniti nel film per la televisione Julie and Dick at Covent Garden (1974), diretto dal marito della Andrews, Blake Edwards

Le altre attrici considerate per la parte di Mary Poppins furono Bette Davis e Angela Lansbury. Julie Andrews accettò di interpretare Mary Poppins solo dopo che Jack Warner ebbe dato a Audrey Hepburn il ruolo da protagonista nel film My Fair Lady, nonostante fosse la Andrews ad interpretare Eliza Doolittle nel musical originale di Broadway.[8]

Quando Disney si è avvicinato per la prima volta alla Andrews per assumerla, ella era incinta di tre mesi e quindi non era sicura di dover prendere il ruolo. Disney le assicurò che all'equipaggio sarebbe andato bene aspettare ad iniziare le riprese fino a dopo che lei avesse partorito, in modo che lei potesse recitare la parte.[9]

La Disney offrì la parte di Bert a Dick Van Dyke dopo averlo visto nel The Dick Van Dyke Show, che ottenne poi la parte, nonostante l'autrice del libro, Pamela Travers, non lo ritenesse adatto per il ruolo, ma furono presi in considerazione anche Fred Astaire e Cary Grant. Dopo aver ottenuto il ruolo, Van Dyke chiese di ottenere anche il ruolo del Sig. Dawes Padre, ma Disney pensava fosse troppo giovane per la parte. Comunque, Van Dyke ottenne la parte.[10] Nonostante egli sia famoso principalmente per questo film, il tentativo di Van Dyke di riprodurre un accento Cockney è etichettato come uno dei peggiori accenti della storia del cinema, citato da attori come una cosa da evitare.[11]

In un sondaggio del 2003 della rivista cinematografica britannica Empire, che racchiudeva i peggiori accenti della storia del cinema, Van Dyke è arrivato secondo[12], e disse che il suo maestro di accenti era l'inglese J. Pat O'Malley, che "non fece un accento migliore del mio".[13] Nel 2017, Van Dyke venne scelto per ricevere un premio per il suo lavoro nella televisione dalla British Academy of Film and Television Arts, meglio conosciuto come premio BAFTA, occasione in cui disse: "Apprezzo quest'opportunità per scusarmi con i membri della BAFTA per aver inflitto loro il peggior accento Cockney della storia del cinema." Un amministratore delegato dell'associazione ha risposto: "Attendiamo con impazienza il suo discorso di accettazione, con qualsiasi accento egli scelga durante la notte. Non abbiamo dubbi che sarà supercalifragilistichespiralidoso."[14]

DistribuzioneModifica

Mary Poppins ha tenuto la sua première americana il 27 agosto 1964, al Grauman's Chinese Theatre di Los Angeles. Alla prima non fu invitata la Travers, ma decise di andarci lo stesso ed ottenere un invito da Walt Disney. Nell'after-party, Richard Sherman ricordò che la Travers andò da Disney e gridò che la parte animata andava scartata dal film, ma lui disse: "Pamela, la nave è partita", e se ne andò.[7]

Data di uscitaModifica

Il film è uscito nelle sale statunitensi il 27 agosto 1964, mentre in Italia il 2 ottobre 1965.

Edizioni Home VideoModifica

Il film Mary Poppins è stato pubblicato sia in VHS sia in DVD. La VHS uscì in diverse edizioni e riedizioni con copertine quasi sempre diverse tra loro. Nel 1999, in occasione del 35º anniversario del film, il VHS di Mary Poppins fu distribuito anche in un confanetto in tiratura limitata assieme alla videocassetta del classico Disney Lo scrigno delle sette perle. Mary Poppins è stato anche uno dei primi film Disney a essere distribuito in DVD nel 1999 per la Disney Italia dalla Warner Home Video. Un anno dopo la Buena Vista distribuirà la sua versione DVD del film, con disco uguale a quello dell'edizione Warner.[15] Nel 2004 il film è uscito anche in una edizione speciale DVD a due dischi e, in occasione del 40º anniversario del film, la pellicola è stata completamente restaurata in digitale. Nel 2013 esce una nuova edizione speciale del film in DVD e per la prima volta anche in Blu-ray Disc. Ricordiamo inoltre che il film uscì inizialmente in una versione da 96 minuti, poi fu pubblicato in DVD in versione da 169 minuti.[16]

In Italia il film è uscito in VHS nel 1985, nel 1989 (mantenendo sempre la data 1985 in copertina), nel 1999 e nel 2004; è stato pubblicato in DVD nel 2004 e nel 2014, e in BD nel 2014. In Italia nell'ottobre 2017 esce in DVD e Blu-Ray nell'edizione Special Pack con una copertina grafica nuova, il DVD include anche il cartonato con il titolo in rilievo argento, mentre il Blu-Ray manca di cartonato, gli audio i sottotitoli e contenuti extra sono diversi tra il DVD e Blu-Ray, l'altra differenza è il retro del DVD e Blu-Ray, nel retro del DVD è presente in piccolo la locandina di una delle edizioni simili alla Special Edition e al 45th Anniversary Edition, mentre nel retro del Blu-Ray è presente in piccolo la locandina dell'edizione 50th Anniversary Edition.

AccoglienzaModifica

IncassiModifica

Il film ha incassato 31 milioni di dollari nel Nord America nella sua edizione iniziale.[17] È stato poi ripubblicato in sala nel 1973, in onore del 50 ° anniversario della Walt Disney Productions, e ha incassato circa 9 milioni di dollari, sempre nel Nord America, incassando complessivamente 102 272 727 $.[18][19] Fu riproposto nei cinema nel 1980, dove incassò altri 14 milioni di dollari .[20] Mary Poppins è stato il ventesimo più popolare film musicale del ventesimo secolo nel Regno Unito con un incasso di 14 milioni.[21]

Mary Poppins è stato molto redditizio per la Walt Disney Company, e, realizzato con un budget stimato di $ 4,4-6 milioni, Walt Disney ha utilizzato i suoi enormi profitti dal film per acquistare terreni nella Florida centrale e finanziare la costruzione di Walt Disney World.[22][23][24][25]

CriticaModifica

Mary Poppins ha ricevuto critiche positive dai critici di tutto il mondo. Il sito Rotten Tomatoes riporta una lista, in cui il film è incluso, che racchiude tutti i film da essi valutati col 100% di voti postivi, basati su 46 recensioni con una media complessiva di 8.3/10.[26] Su Metacritic, il film ha ottenuto un punteggio di 88 su 100 basato su 13 recensioni.[27]

Il magazine Variety ha apprezzato le sequenze musicali del film, soprattutto quelle di Van Dyke e della Andrews.[28] Il magazine Time ha lodato il film dicendo: "I set sono lussureggianti, le canzoni cadenti, lo scenario spiritoso ma impeccabilmente sentimentale, e il cast di supporto è perfetto."[29]

Colonna sonoraModifica

 
I fratelli Sherman il 17 Novembre 2008 mentre ricevono il National Medal of Arts dall'allora presidente degli Stati Uniti George W. Bush

La colonna sonora del film Mary Poppins è stata composta da Richard M. Sherman, Robert B. Sherman e Irwin Kostal, ha raggiunto la prima posizione nella Billboard 200 per 14 settimane ed è stata vincitrice di un Oscar, un Golden Globe e di un Grammy Award nel 1965. Nell'edizione del 1965 dei premi Oscar, il film si aggiudica anche il premio come miglior canzone originale per Can-Caminì.

Canzoni EliminateModifica

Altre canzoni vennero scritte apposta per il film dai fratelli Sherman, ma vennero scartate a causa di motivi di tempo, come The Chimpanzoo, Practically Perfect e Mary Poppins Melody. Richard Sherman, nell'edizione speciale del 2004 del DVD, disse che vennero scritte più di altre trenta canzoni nelle fasi di preparazioni del film. Nessuna registrazione da parte del cast venne pubblicata, ma solamente versioni incise dai compositori. Alcune delle canzoni sono state poi utilizzate in altri progetti della Disney, mentre altre sono state riutilizzate nel musical di Broadway.

Special Edition (2004)Modifica

La colonna sonora di Mary Poppins viene ripubblicata ufficialmente il 16 novembre 2004, in un'edizione speciale di 2 CD, per celebrare il 40º anniversario, conseguentemente alla pubblicazione del film in DVD che ha la stessa immagine di copertina.[30]

  • 2004 – Walt Disney's Mary Poppins "Special Edition".

Disco 1Modifica

  1. Overture
  2. One Man Band
  3. Sister Suffragette
  4. The Life I Lead
  5. The Perfect Nanny
  6. Air Mail / Admiral Boom / The Not-So-Perfect Nannies / Mary Poppins Arrives (strumentale)
  7. A Spoonful of Sugar
  8. Pavement Artist
  9. Jolly Holiday
  10. The Carousel Horses
  11. Supercalifragilisticexpialidocious
  12. Pavement Artist (Reprise)
  13. Stay Awake
  14. Trouble at Uncle Albert's (strumentale)
  15. I Love to Laugh
  16. A British Bank (The Life I Lead)
  17. Feed the Birds
  18. Father's Footsteps (strumentale)
  19. Fidelity Fiduciary Bank
  20. Panic at the Bank (strumentale)
  21. Chim Chim Cher-ee / March over the Rooftops
  22. Step in Time
  23. A Man Has Dreams (The Life I Lead / A Spoonful of Sugar)
  24. Mr. Banks Is Discharged (strumentale)
  25. Let's Go Fly a Kite

Disco 2Modifica

  1. The Children Write Their Own Advertisement
  2. The Line of Applicants and Mary Poppins Arrives
  3. Notes on Mary Meeting the Banks
  4. Up to the Nursery
  5. Bert and the Talking Pictures
  6. A Carousel Horse Ride to the Seashore
  7. The Return Home
  8. The Next Morning We Meet the Sweep and Uncle Albert's
  9. A Change in the Wind and an Adventure With Admiral Boom
  10. The Bird Woman
  11. Mr. Banks and the Compass
  12. The Compass Sequence: Timbuktu
  13. The Compass Sequence: The Land of Sand
  14. The Compass Sequence: Tea in China
  15. The Compass Sequence: The North Pole
  16. The Return Home
  17. Cherry Tree Lane
  18. Mr. Banks Decided to Hire a Nanny Himself
  19. The Children Write Their Own Advertisement
  20. The Line of Applicants and Marry Poppins Arrives
  21. Notes on Mary Meeting the Banks
  22. Up to the Nursery
  23. Bert and the Talking Pictures
  24. A Carousel Horse Ride to the Seashore
  25. The Return Home
  26. The Next Morning We Meet the Sweep
  27. Uncle Albert's
  28. A Change in the Wind and an Adventure with Admiral Boom
  29. The Bird Woman
  30. Mr. Banks and the Compass
  31. The Compass Sequence: Timbuktu
  32. The Compass Sequence: The Land of Sand
  33. The Compass Sequence: Tea in China
  34. The Compass Sequence: The North Pole
  35. The Return Home
  36. Everyone Descends on Cherry Tree Lane
  37. Mary Departs

Edizione italianaModifica

Supercalifragilistichespiralidoso e le altre canzoni in originale cantate da Julie Andrews, in italiano furono cantate da Tina Centi.

La versione italiana della colonna sonora del film Mary Poppins è stata pubblicata anche in CD, nel 1995 dalla Sony Music.

Una seconda ristampa della colonna sonora viene pubblicata il 18 maggio 2018.

  1. Ouverture – 4:04
  2. La tata perfetta – 1:40
  3. Suffragette, a noi! – 1:41
  4. Io vivo come un re – 1:51
  5. Un poco di zucchero – 3:00
  6. Com'è bello passeggiar con Mary – 2:06
  7. Supercalifragilistichespiralidoso – 2:00
  8. Stiamo svegli – 1:45
  9. Rido da morire – 2:43
  10. L'educazione dei bambini – 1:58
  11. La cattedrale – 3:50
  12. Due penny in banca – 3:47
  13. Cam-caminì – 2:48
  14. Tutti insieme – 2:03
  15. Le amarezze della vita – 4:20
  16. L'aquilone – 1:50

Edizione speciale anniversario 50 anni – Disney Legacy CollectionModifica

Nel 2014, in occasione dei 50 anni dall'uscita del film, Disney ha deciso di ripubblicare la colonna sonora in edizione speciale a 3 dischi.[31] Il cofanetto, oltre alla colonna sonora del film, contiene numerose tracce in versione demo ed estratti audio dall'incontro tra l'autrice Pamela Lyndon Travers, Don DaGradi e i fratelli Sherman (autori delle musiche). Il tutto racchiuso in un'edizione a libro con una nuova e inedita illustrazione di Lorelay Bove.[32]

Disco 1Modifica

  1. Buena Vista Fanfare
  2. Overture
  3. One Man Band
  4. Sister Suffragette – Lead Vocal: Glynis Johns; Vocals: Hermione Baddeley and Reta Shaw
  5. David Tomlinson – The Life I Lead
  6. Karen Dotrice and Matthew Garber – The Perfect Nanny
  7. Air Mail · Admiral Boom · The Not-So-Perfect Nannies · Mary Poppins Arrives
  8. A Spoonful of Sugar – Vocal: Julie Andrews; Whistling: Julie Andrews
  9. Dick Van Dyke – Pavement Artist
  10. Jolly Holiday – Lead Vocals: Julie Andrews and Dick Van Dyke; Additional Vocals: Bill Lee, Ginny Tyler, Paul Frees, Marc Breaux, Marni Nixon e Thurl Ravenscroft
  11. Jolly Holiday (Reprise) – Lead Vocals: Julie Andrews and Dick Van Dyke; Penguin Waiters: Daws Butler, Peter Ellenshaw, Dal McKennon, J. Pat O'Malley, Richard Sherman and David Tomlinson; Kazoo: Richard Sherman
  12. Penguin Dance – Belly Slap Soft Shoe: Irwin Kostal; Kazoo: Richard Sherman
  13. The Carousel Horses
  14. Supercailfragilisticexpialidocious – (Lead Vocals: Julie Andrews and Dick Van Dyke; Pearlie Chorus: Richard Sherman and J. Pat O'Malley)
  15. Dick Van Dyke – Pavement Artist (Reprise)
  16. Julie Andrews – Stay Awake
  17. Trouble at Uncle Albert's
  18. Ed Wynn, Julie Andrews and Dick Van Dyke – I Love to Laugh
  19. David Tomlinson e Julie Andrews – A British Bank (The Life I Lead)
  20. Julie Andrews – Feed the Birds (Tuppence a Bag)
  21. Father's Footsteps
  22. Fidelity Fiduciary Bank – Lead Vocals: David Tomlinson and “Nackvid Keyd”; Banker Chorus: Arthur Malet, Bill Lee, Thurl Ravenscroft, Allan Davies, William R. Cole
  23. Panic at the Bank
  24. Chim Chim Cher-ee • March Over the Rooftops – Vocals: Dick Van Dyke, Julie Andrews, Karen Dotrice and Matthew Garber
  25. Step in Time – Lead Vocals: Dick Van Dyke, The Chimney Sweep Chorus and Cast
  26. A Man Has Dreams (The Life I Lead/A Spoonful of Sugar) – Vocals: David Tomlinson and Dick Van Dyke
  27. Mr. Banks Is Discharged
  28. Let's Go Fly a Kite – Lead Vocals: David Tomlinson, Dick Van Dyke and the Londoners

Disco 2Modifica

  1. Richard M. Sherman e Robert B. Sherman – The Perfect Nanny
  2. Richard M. Sherman e Robert B. Sherman – Jolly Holiday
  3. Richard M. Sherman and Robert B. Sherman – The Pearly Song (Supercalifragilisticexpialidocious)
  4. Richard M. Sherman – Stay Awake
  5. Richard M. Sherman e Robert B. Sherman – Chim Chim Cher-ee
  6. Richard M. Sherman e Robert B. Sherman – I Love to Laugh
  7. Richard M. Sherman – Tuppence a Bag [Feed the Birds (Tuppence a Bag)]
  8. Richard M. Sherman and Robert B. Sherman – Let's Go Fly a Kite
  9. The Lost Chords of Mary Poppins
  10. Richard M. Sherman and Robert B. Sherman – Mary Poppins Melody (Pre-Demo)
  11. Kate Higgins – Mary Poppins Melody (New Recording)
  12. Richard M. Sherman – Admiral Boom (Demo)
  13. Randy Crenshaw, Jeff Gunn and Dennis Kyle – Admiral Boom (New Recording)
  14. Richard M. Sherman and Robert B. Sherman – The Right Side (Pre-Demo)
  15. Juliana Hansen – The Right Side (New Recording)
  16. Richard M. Sherman – The Chimpanzoo (Demo)
  17. Bob Joyce, Jeff Gunn, Randy Crenshaw and Dennis Kyle – The Chimpanzoo (New Recording)
  18. Richard M. Sherman and Robert B. Sherman – The Land of Sand (Pre-Demo)
  19. Kate Higgins, Juliana Hansen, Jeff Gunn and Bob Joyce – The Land of Sand (New Recording)
  20. Richard M. Sherman – The North Pole Polka (Pre-Demo)
  21. Jeff Gunn, Bob Joyce, Richard M. Sherman, Kate Higgins and Dennis Kyle – The North Pole Polka (New Recording)
  22. Richard M. Sherman – The Eyes of Love (Pre-Demo)
  23. Juliana Hansen – The Eyes of Love (New Recording)
  24. Overture (Album Version)

Disco 3Modifica

  1. The Mary Poppins Story Meetings
  1. Hollywood Spotlight Microphone
  2. The Sherman Brothers Reminisce About Their Work on Mary Poppins

RiconoscimentiModifica

Nel 2013 è stato scelto per essere conservato nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti d'America.[36]

CortometraggioModifica

Nel 2004, per celebrare il 40º anniversario del film, viene girato un cortometraggio, The cat that looked at a king, tratto da Mary Poppins apre la porta e con protagonista Julie Andrews. Questo cortometraggio è presente nel DVD dell'edizione del 45º anniversario.

Saving Mr. BanksModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Saving Mr. Banks.

Nel 2013 la Disney realizzò un film sulle origini del film e della battaglia dei diritti che Walt Disney ha dovuto affrontare con la scrittrice del libro P. L. Travers. Il film fu diretto da John Lee Hancock.

SequelModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Il ritorno di Mary Poppins.

Il 19 dicembre 2018 nei cinema statunitensi è uscito il sequel del film intitolato Il ritorno di Mary Poppins (Mary Poppins Returns) diretto da Rob Marshall con Emily Blunt nel ruolo di Mary Poppins al posto di Julie Andrews . Nei cinema italiani è uscito il 20 dicembre.[37]

NoteModifica

  1. ^ In originale la storia si svolge nel 1910, come detto da Mr. Banks nella versione originale della canzone "The Life I Lead". Tuttavia, nella traduzione italiana Mr. Banks data gli eventi al 1906.
  2. ^ Questa sequenza, con le ambientazioni animate a mano, doveva essere scartata secondo il volere della Travers, ma venne deciso di tenerla dopo che Disney si impose.
  3. ^ "No, no, no. Assolutamente nessun'ombra di una storia d'amore tra Mary Poppins e Bert.", Saving Mr. Banks, 2013
  4. ^ Melinda Newman, 'Poppins' Author a Pill No Spoonful of Sugar Could Sweeten, in Variety, 7 novembre 2013. URL consultato il 7 novembre 2013.
  5. ^ Kevin Nance, Valerie Lawson talks 'Mary Poppins, She Wrote' and P.L Travers, in Chicago Tribune, 20 dicembre 2013. URL consultato il 21 aprile 2014.
  6. ^ Shadow of Mary Poppins, su Shop for a Film, Ronin Films, 2003. URL consultato il 23 novembre 2015.
  7. ^ a b Flanagan, Caitlin, Becoming Mary Poppins, su The New Yorker, 19 dicembre 2005. URL consultato il 9 novembre 2014.
  8. ^ "Julie Andrews", Broadway, The American Musical, PBS; Thomas Hischak The Oxford Companion to the American Musical, New York: Oxford University Press, 2008, p.517
  9. ^ Julie Andrews Recalls Making 'Mary Poppins', in YouTube, 16 ottobre 2012. URL consultato il 14 febbraio 2015.
  10. ^ Robert J. Elisberg, Super-Cali-Fragilistic-Expial-Atrocious, in Huffington Post, 30 marzo 2010. URL consultato il 26 marzo 2015.
  11. ^ BBC NEWS – UK – Magazine – How not to do an American accent, in bbc.co.uk. URL consultato il 14 febbraio 2015.
  12. ^ Staff writers, Connery 'has worst film accent', in BBC News, 30 giugno 2003. URL consultato il 6 luglio 2008.
  13. ^ Dick Van Dyke Plays Not My Job, in Wait Wait ... Don't Tell Me!, 23 ottobre 2010.
  14. ^ Nadia Khomami, Dick Van Dyke sorry for 'atrocious cockney accent' in Mary Poppins, in The Guardian, 21 luglio 2017. URL consultato il 1º gennaio 2019.
  15. ^ "Mary Poppins- DVD Warner", su "Disney: Tapes & More". URL consultato il 25 agosto 2019.
  16. ^ Erin Strecker, 'Mary Poppins' star talks 50th anniversary and 'Saving Mr. Banks', su Entertainment Weekly, 13 dicembre 2013. URL consultato il 5 aprile 2019.
  17. ^ Variety "All Time Box-Office Champs", January 4, 1967 p. 9
  18. ^ (EN) Mary Poppins, su Box Office Mojo. URL consultato l'8 ottobre 2017.  
  19. ^ "Big Rental Films of 1973", Variety, January 9, 1974 p 19
  20. ^ Caitlin Flanagan, Becoming Mary Poppins, in The New Yorker, 19 dicembre 2005.
  21. ^ The Ultimate Chart: 1–100, British Film Institute, 28 novembre 2004. URL consultato il 21 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 3 agosto 2012).
  22. ^ Michael Coate, Supercalifragilisticexpialidocious: Remembering "Mary Poppins" on its 50th Anniversary, in thedigitalbits.com.
  23. ^ Box Office Information for Mary Poppins, The Numbers. URL consultato il 5 marzo 2013.
  24. ^ È stato riportato da Cobbett Steinberg che il film è stato quello che ha incassato di più nel 1965.
  25. ^ Cobbett Steinberg, Film Facts, New York, Facts on File, Inc., 1980, p. 25, ISBN 0-87196-313-2.
  26. ^ Mary Poppins (1964), in Rotten Tomatoes, Fandango. URL consultato il 17 settembre 2018.
  27. ^ Marry Poppins Reviews, su Metacritic, CBS Interactive. URL consultato il 17 settembre 2018.
  28. ^ Review: 'Mary Poppins', in Variety, 31 dicembre 1963. URL consultato il 13 dicembre 2013.
  29. ^ Cinema: Have Umbrella, Will Travel, in Time, 18 settembre 1964. URL consultato il 13 dicembre 2013.
  30. ^ Richard M. Sherman And Robert B. Sherman, Irwin Kostal, Julie Andrews, Dick Van Dyke (2) – Mary Poppins, Discogs. URL consultato il 12 gennaio 2016.
  31. ^ Walt Disney Records The Legacy Collection Mary Poppins Three Disc Set Available August 26 (Press release), Burbank, California, PRNewswire, 1º agosto 2014. URL consultato il 29 maggio 2015. Formato sconosciuto: Press release (aiuto)
  32. ^ Walt Disney Records The Legacy Collection: Mary Poppins
  33. ^ 37th Academy Awards (1965) Nominations and Wins for Mary Poppins, in oscars.org. URL consultato il 28 marzo 2019 (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2009).
    «Scrivere "Mary Poppins" nella barra di ricerca e premere "cerca"».
  34. ^ Browse Results, in OFFICIAL WEBSITE OF THE GOLDEN GLOBE AWARDS. URL consultato il 28 marzo 2019.
  35. ^ Past Winners Search, in The GRAMMYs. URL consultato il 28 marzo 2019.
  36. ^ (EN) Cinema with the Right Stuff Marks 2013 National Film Registry, Library of Congress. URL consultato il 18 dicembre 2013.
  37. ^ (EN) Spencer Perry, Disney Movie Release Dates: Poppins Moves Up, Jungle Cruise Delayed, comingsoon.net, 10 luglio 2018. URL consultato il 10 luglio 2018.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN210979770 · GND (DE7613477-5 · BNF (FRcb164574862 (data) · WorldCat Identities (EN210979770