Apri il menu principale

Marziale Ducos

giornalista e politico italiano
Marziale Ducos
Marziale Ducos.jpg

Deputato del Regno d'Italia
Durata mandato 11 giugno 1921 –
25 gennaio 1924
Legislature XXVI
Collegio Brescia

Durata mandato 24 maggio 1924 –
9 novembre 1926
Legislature XXVII
Collegio Lombardia

Deputato della Consulta Nazionale
Durata mandato 25 settembre 1945 –
24 giugno 1946

Dati generali
Partito politico Unione democratica liberale bresciana (1921)
Partito Liberale Italiano (dal 1922)

Marziale Ducos (Brescia, 2 luglio 1868Brescia, 18 aprile 1955) è stato un giornalista e politico italiano. Fu deputato alla Camera dal 1921 al 1926 e membro della Consulta Nazionale del Regno d'Italia.

BiografiaModifica

Figlio di Giuseppe Ducos, nipote di un medico francese giunto in Italia durante le guerre napoleoniche, e di Amalia Guerra, studiò Giurisprudenza a Roma, a Torino e all'École nationale des chartes di Parigi.

Iniziò a lavorare come avvocato presso lo studio Bonicelli di Brescia e a collaborare come giornalista presso La Sentinella Bresciana diretta dall'amico Borghetti. La sua prosa fu apprezzata in numerose occasioni: Luigi Albertini gli chiese più volte di passare al Corriere della Sera, ma il Ducos preferì rimanere al quotidiano bresciano diventandone Direttore, quando Borghetti decise di lasciare.

Al principio della prima guerra mondiale, si arruolò nel corpo degli Alpini assieme all'onorevole Giacomo Bonicelli. Quando costui divenne sottosegretario del Ministro degli Interni nel governo Boselli, lasciò il fronte per recarsi a Roma.

Dopo la guerra, cominciò ad intraprendere la carriera politica: fu consigliere comunale ed assessore a Brescia, poi nel 1921 fu eletto deputato alla XXVI Legislatura, nelle liste dei Blocchi Nazionali, e in quella successiva (XVII), eletto nella Lista Nazionale. Nonostante si fosse presentato nelle liste nazionali con i fascisti, dopo l'omicidio di Giacomo Matteotti aderì alla Secessione dell'Aventino e per questo decadde dal ruolo parlamentare nel novembre 1926. Quando anche il quotidiano La Sentinella Bresciana dovette chiudere, il Ducos si ritirò a vita privata. Tra il 25 luglio e l'8 settembre 1943 ebbe una breve esperienza come direttore di un nuovo quotidiano locale. Nel 1945 fu nominato alla Consulta Nazionale come rappresentante del Partito Liberale Italiano.

Dopo l'esperienza alla Consulta, uscì dall'attività politica e fu nominato commissario dell'Ateneo di Brescia diventandone in seguito Presidente fino alla sua morte.

BibliografiaModifica

  • Fausto Lechi, Cenni bibliografici di Marziale Ducos in "Ombre", Brescia, Ateneo, 1955.
  • Masetti Zannini, Vasta eco di cordoglio per la morte di Marziale Ducos, Giornale di Brescia, 20 aprile 1955.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN281108193 · ISNI (EN0000 0003 8798 7508 · WorldCat Identities (EN281108193