Massacro dei professori di Leopoli

Massacro dei professori di Leopoli
Lwow-nowy pomnik zamordowanych polskich profesorow.JPG
Inaugurazione di un nuovo monumento nel luogo dell'esecuzione sulle Colline di Wuleckie il 3 luglio 2011
Data3-4 luglio 1941
LuogoLeopoli, Ucraina
StatoPolonia Polonia
Coordinate49°49′42.95″N 24°00′48.45″E / 49.828597°N 24.013458°E49.828597; 24.013458Coordinate: 49°49′42.95″N 24°00′48.45″E / 49.828597°N 24.013458°E49.828597; 24.013458
Obiettivoaccademici polacchi e loro familiari
ResponsabiliEinsatzgruppen
Conseguenze
Morti45

Nel luglio 1941, 25 accademici polacchi della città di Leopoli (oggi in Ucraina) furono uccisi dalle forze di occupazione nazitedesche insieme alle loro famiglie.[1] Prendendo di mira eminenti cittadini e intellettuali per l'eliminazione, i nazisti speravano di impedire l'attività antinazista e indebolire la determinazione del movimento di resistenza polacco. Secondo un testimone oculare le esecuzioni furono fatte da un'unità delle Einsatzgruppen (Einsatzkommando zur besonderen Verwendung) sotto il comando dello SS-Brigadeführer Karl Eberhard Schöngarth con la partecipazione di traduttori ucraini, che indossavano uniformi tedesche.[2]

Targa nell'IBB PAN (Istituto di biochimica e biofisica Accademia polacca delle scienze) a Varsavia

AntefattoModifica

Prima del settembre 1939 e dell'invasione congiunta nazi-sovietica della Polonia, Leopoli, allora nella Seconda Repubblica di Polonia, aveva 318.000 abitanti di diversi gruppi etnici e religiosi, il 60% dei quali erano Polacchi, il 30% Ebrei e circa il 10% Ucraini e Tedeschi.[3] La città era uno dei più importanti centri culturali della Polonia dell'anteguerra, che ospitava cinque istituzioni di istruzione terziaria, compresa l'Università di Leopoli e il Politecnico di Leopoli. Era la casa per molti intellettuali polacchi ed ebrei polacchi, attivisti politici e culturali, scienziati e membri dell'intellighenzia della Polonia del periodo interbellico.[1]

Dopo che Leopoli fu occupata dai Sovietici nel settembre 1939, l'Università di Leopoli fu ribattezzata in onore di Ivan Franko, un'importante figura letteraria ucraina vissuta a Leopoli, e la lingua d'istruzione fu cambiata dal polacco all'ucraino.[4] Leopoli fu poi catturata dalle forze tedesche il 30 giugno 1941 dopo l'invasione tedesca dell'Unione Sovietica. Insieme alle unità tedesche della Wehrmacht, numerose formazioni dell'Abwehr e delle SS entrarono in città. Durante l'occupazione nazista, quasi tutti i 120.000 abitanti ebraici della città furono uccisi, dentro il ghetto della città o nel campo di sterminio di Bełżec. Alla fine della guerra, solo 200–800 Ebrei sopravvissero.[1]

Per controllare la popolazione, eminenti cittadini e intellettuali, particolarmente ebrei e polacchi, furono o confinati nei ghetti o trasportati nei siti di esecuzione come la prigione della Gestapo in via Pełczyńska, la Prigione di Brygidki, l'ex prigione militare a Zamarstynów e nei campi circostanti la città — nel sobborgo di Winniki, sulle colline Kortumówka e nel Cimitero Ebraico. Molti degli uccisi erano eminenti esponenti della società polacca: politici, artisti, aristocratici, sportivi, scienziati, sacerdoti, rabbini e altri membri dell'intellighenzia. Questo omicidio di massa è considerato come una misura preventiva per mantenere la resistenza polacca frammentata e impedire ai Polacchi di rivoltarsi contro il dominio nazista. Era una continuazione diretta dell'infame Ausserordentliche Befriedungsaktion, uno dei primi stadi del Generalplan Ost, dopo che era iniziata la campagna tedesca contro l'URSS e la metà orientale della Polonia prebellica era caduta sotto l'occupazione tedesca al posto di quella dell'Unione Sovietica. Uno dei primi crimini nazisti a Leopoli fu l'omicidio di massa dei professori polacchi insieme ad alcuni dei loro parenti e ospiti, compiuto all'inizio del luglio 1941.[1]

StoriaModifica

 
Monumento alle vittime a Breslavia (Polonia)

Verso il 2 luglio 1941, le esecuzioni individuali pianificate continuarono. Approssimativamente alle 3 di sera il prof. Kazimierz Bartel fu arrestato da uno degli Einsatzgruppen operanti nell'area. Durante la notte del 3/4 luglio, parecchie dozzine di professori e le loro famiglie furono arrestati dai distaccamenti tedeschi - ciascuno consistente di un ufficiale, parecchi soldati, guide e interpreti ucraini.[5] Le liste furono preparate dai loro studenti ucraini associati all'ONU.[6] Alcuni dei professori menzionati nelle liste erano già morti, specificamente Adam Bednarski e Roman Leszczyński.[5] Tra gli arrestati vi era il prof. Roman Rencki, un direttore della Clinica per le malattie interne presso l'Università di Leopoli, che fu tenuto nella prigione della NKVD e il cui nome era anche nella lista dei prigionieri sovietici condannati a morte.[7][8] I detenuti furono trasportati al dormitorio di Abrahamowicz, dove, malgrado l'intenzione preconcetta di ucciderli, furono torturati e interrogati. Il capo del reparto nell'ospedale ebraico, prof. Adam Ruff, fu ucciso durante un attacco epilettico.[5]

Nel primo mattino del 4 luglio uno dei professori e la maggior parte dei suoi domestici furono liberati mentre il resto furono o portati sulle colline Wulka o uccisi sparando loro nel cortile dell'edificio Bursa Abrahamowiczów. Le vittime furono sepolte sul posto, ma parecchi giorni dopo il massacro i loro corpi furono esumati e trasportati dalla Wehrmacht in un luogo ignoto.[1] Secondo gli storici polacchi le vittime non erano in alcun modo coinvolte nella politica.[1][9] Secondo uno storico ucraino, su approssimativamente 160 professori polacchi che vivevano a Leopoli nel giugno 1941, i professori scelti per l'esecuzione erano specificamente quelli che in qualche modo avevano cooperato attivamente con il regime sovietico tra il 1940 e il 1941.[10]

Metodi di uccisioneModifica

Ci sono resoconti di quattro diversi metodi usati dalle truppe tedesche per uccidere le loro vittime. Queste furono picchiate a morte, uccise con una baionetta, uccise con un martello o sparando loro.[11]

ResponsabilitàModifica

 
Walter Kutschmann in Argentina, 4 gennaio 1975

La decisione fu presa al più alto livello delle autorità del Terzo Reich.[12] Il diretto decisore in merito al massacro fu il comandante della Sicherheitspolizei (Befehlshaber der Sicherheitspolizei und des SD - BdS) nel Governatorato Generale del Distretto di Cracovia, Brigadeführer Karl Eberhard Schöngarth. Parteciparono anche i seguenti ufficiali della Gestapo: Walter Kutschmann, Felix Landau, Heinz Heim (Capo di Staff Schöngarth), Hans Krueger (Krüger) e Kurt Stawizki. Nessuno di costoro fu mai punito per il suo ruolo nel massacro di Leopoli.[13] Kutschmann visse sotto falsa identità in Argentina fino al gennaio 1975, quando fu trovato e smascherato dal giornalista Alfredo Serra nella città turistica di Miramar. Fu arrestato dieci anni dopo a Florida (Argentina), da agenti dell'Interpol, ma morì di attacco cardiaco in carcere prima di essere estradato, il 30 agosto 1986.[14]

Alcune fonti[chi?] sostengono che membri degli ausiliari ucraini del Battaglione Nachtigall fossero responsabili degli omicidi.[15] Secondo altri, questa asserzione ebbe origine da fonti sovietiche (la campagna di propaganda sovietica contro l'Organizzazione dei nazionalisti ucraini) ed è stata contestata.[16][17]

L'associazione Memorial ha pubblicato documenti che asseriscono di provare che la partecipazione del Nachtigall a quegli eventi era una disinformazione del KGB.[18] Stanisław Bogaczewicz, dell'Istituto della Memoria Nazionale, affermò che i soldati del Nachtigall presero parte agli arresti, ma non agli omicidi, e che il loro ruolo in questo evento richiede ulteriori indagini.[19] Il sociologo Tadeusz Piotrowski notò che sebbene il ruolo dei Nachtigall sia contestato, essi erano presenti in città durante gli eventi, che le loro attività non sono adeguatamente documentate, e che come minimo sono colpevoli della collaborazione passiva in questo evento, per non essersi opposti alle atrocità.[15] Secondo uno storico di Leopoli, Vasyl Rasevych, le asserzioni che gli Ucraini participarono al massacro del luglio 1941 non sono vere e non esiste nessuna prova archivistica a sostegno di questa affermazione.[20]

ConseguenzeModifica

Dopo la Seconda guerra mondiale i capi dell'Unione Sovietica fecero dei tentativi per sminuire il retaggio storico e culturale polacco di Leopoli. i crimini commessi a est della Linea Curzon non poterono essere perseguiti dai tribunali polacchi. Le informazioni sulle atrocità che ebbero luogo a Leopoli furono circoscritte. Nel 1960, la dott.ssa Helena Krukowska, vedova del prof. Włodzimierz Krukowski, fece appello al tribunale di Amburgo. Dopo cinque anni il tribunale tedesco chiuse i procedimenti giudiziari. Un pubblico ministero tedesco asserì che le persone responsabili del crimine erano già morte, tuttavia l'SS-Hauptsturmführer Hans Krueger (scritto anche Krüger), comandante dell'unità della Gestapo che supervisionò i massacri a Leopoli nel 1941, era detenuto nella prigione di Amburgo (essendo stato condannato all'ergastolo per l'omicidio di massa di Ebrei e Polacchi a Stanisławów, commesso parecchie settimane dopo che la sua unità fu trasferita da Leopoli). Come risultato nessuna persona è mai stata ritenuta responsabile di questa atrocità.[13]

Negli anni 1970, Via Abrahamowicz a Leopoli fu rinominata Via Tadeusz Boy-Żeleński. Varie organizzazioni polacche Polish hanno creato delegazioni per ricordare le vittime dell'atrocità con un monumento o una tomba simbolica a Leopoli. Il caso dell'omicidio dei professori è attualmente sotto indagine da parte dell'Istituto della Memoria Nazionale. Nel maggio 2009, il monumento alle vittime di Leopoli fu sfregiato con vernice rossa recante le parole: "Morte ai Lach[21] [Polacchi]".[22] Il 3 luglio 2011, a Leopoli fu inaugurato un memoriale dedicato ai 39 professori polacchi assassinati dalla Gestapo il 4 luglio 1941.[20]

VittimeModifica

Abbreviazioni usate:

Assassinati sulle colline Wulka [1]Modifica

  1. Prof. dr. Antoni Cieszyński, professore di stomatologia, UJK
  2. Prof. dr. Władysław Dobrzaniecki, capo dell'organizzazione del Reparto di chirurgia, PSP
  3. Prof. dr. Jan Grek, professore di medicina interna, UJK
  4. Maria Grekowa, moglie di Jan Grek
  5. Prof. ass. dr. Jerzy Grzędzielski, capo dell'Istituto di oftalmologia, UJK
  6. Prof. dr. Edward Hamerski, capo di medicina interna, AWL
  7. Prof. dr. Henryk Hilarowicz, professore di chirurgia, UJK
  8. Rev. dr. Władysław Komornicki, teologo, un parente della famiglia Ostrowski
  9. Eugeniusz Kostecki, marito della domestica del prof. Dobrzaniecki
  10. Prof. dr. Włodzimierz Krukowski, capo dell'Istituto di misurazione elettrica, PL
  11. Prof. dr. Roman Longchamps de Bérier, capo dell'Istituto di diritto civile, UJK
  12. Bronisław Longchamps de Bérier, figlio del prof. Longchamps de Bérier
  13. Zygmunt Longchamps de Bérier, figlio del prof. Longchamps de Bérier
  14. Kazimierz Longchamps de Bérier, figlio del prof. Longchamps de Bérier
  15. Prof. dr. Antoni Łomnicki, capo dell'Istituto di matematica, PL
  16. Adam Mięsowicz, nipote del prof. Sołowij
  17. Prof. dr. Witołd Nowicki, preside della Facoltà di anatomia e patologia, UJK
  18. Dr. med. Jerzy Nowicki, assistente all'Istituto di igiene, UJK, figlio del prof. Witołd Nowicki
  19. Prof. dr. Tadeusz Ostrowski, capo dell'Istituto di chirurgia, UJK
  20. Jadwiga Ostrowska, moglie del prof. Ostrowski
  21. Prof. dr. Stanisław Pilat, capo dell'Istituto di tecnologia del petrolio e dei gas naturali, PL
  22. Prof. dr. Stanisław Progulski, pediatra, UJK
  23. Andrzej Progulski, figlio del prof. Progulski
  24. Prof. dr. Roman Rencki, capo dell'Istituto di medicina interna, UJK
  25. Dr. med. Stanisław Ruff, capo del Dipartimento di chirurgia dell'Ospedale Ebraico
  26. Anna Ruffowa, moglie del dr. Ruff
  27. Ing. Adam Ruff, figlio del dr. Ruff
  28. Prof. dr. Włodzimierz Sieradzki, preside della Facoltà di medicina forense, UJK
  29. Prof. dr. Adam Sołowij, ex capo del Dipartimento di ginecologia e ostetricia del PSP
  30. Prof. dr. Włodzimierz Stożek, preside della Facoltà di matematica, PL
  31. Ing. Eustachy Stożek, assistente al Politecnico di Leopoli, figlio del prof. Włodzimierz Stożek
  32. Emanuel Stożek, figlio del prof. Włodzimierz Stożek
  33. Dr. Tadeusz Tapkowski, avvocato
  34. Prof. dr. Kazimierz Vetulani, preside della Facoltà di meccanica teorica, PL
  35. Prof. dr. Kacper Weigel, capo dell'Istituto delle misure, PL
  36. Mgr. Józef Weigel, figlio del prof. Kacper Weigel
  37. Prof. dr. Roman Witkiewicz, capo dell'Istituto dei macchinari, PL
  38. Prof. dr. Tadeusz Boy-Żeleński, scrittore e ginecologo, capo dell'Istituto di letteratura francese

Assassinati nel cortile della Bursa Abrahamowiczów, un'ex scuola a Leopoli, ora un ospedaleModifica

  1. Katarzyna Demko, insegnante di lingua inglese
  2. Dr. Stanisław Mączewski, capo del Dipartimento di ginecologia e ostetricia del PSP
  3. Maria Reymanowa, infermiera
  4. Wolisch (nome ignoto), commerciante

Assassinati il 12 luglioModifica

  1. Prof. dr. Henryk Korowicz, capo dell'Istituto di economia, AHZ
  2. Prof. dr. Stanisław Ruziewicz, capo dell'Istituto di matematica, AHZ

Assassinati il 26 luglio nella Prigione di BrygidkiModifica

  1. Prof. dr. Kazimierz Bartel, ex Primo Ministro della Polonia, ex rettore del PL, presidente del Dipartimento di geometria, PL

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g Józef Krętosz, Likwidacja kadry naukowej Lwowa w lipcu 1941 roku (PDF), in Krystyna Heska-Kwaśniewicz, Alicja Ratuszna & Ewa Żurawska (a cura di), Niezwykła więź Kresów Wschodnich i Zachodnich, Uniwersytet Śląski, 2012, pp. 13–21. URL consultato il 12 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 13 dicembre 2014).
  2. ^ (PL) Zygmunt Albert, Kaźń profesorów lwowskich w lipcu 1941 roku, Varsavia, 2004.
  3. ^ Mały Rocznik Statystyczny 1939 (Annuario statistico polacco del 1939), GUS, Varsavia, 1939
  4. ^ Roger Dale Petersen, Understanding ethnic violence: fear, hatred, and resentment in twentieth-century Eastern Europe, Cambridge University Press, 2002, p. 124.
  5. ^ a b c Aneks do Informacji o działalności Instytutu Pamięci Narodowej - Komisji Ścigania Zbrodni przeciwko Narodowi Polskiemu od 1 stycznia do 31 grudnia 2006 r., Oddziałowa Komisja w Rzeszowie, zbrodnie nazistowskie, sygn. akt S 5/03/Zn (Allegato alla relazione sull'attività dell'Istituto della Memoria Nazionale - Commissione per il perseguimento dei crimini contro la nazione polacca dal 1º gennaio al 31 dicembre 2006, Commissione dipartimentale a Rzeszow, crimini nazisti, rif. atto S 5/03/Zn), pp. 36-37.
  6. ^ Zygmunt Albert, Kaźń profesorów lwowskich – lipiec 1941/studia oraz relacje i dokumenty zebrane i oprac. przez Zygmunta Alberta, Breslavia, Wydawnictwo Uniwersytetu Wrocławskiego, 1989, pp. 180-181. ISBN 83-229-0351-0.
  7. ^ Grzegorz Hryciuk, Mordy w więzieniach Lwowskich w czerwcu 1941 roku, Wrocławskie studia z historii najnowszej, vol. 7, Instytut Historyczny Uniwersytetu Wrocławskiego, 1997, p. 64.
  8. ^ Quando il fronte di guerra si stava avvicinando a Leopoli, i Russi spararono ad alcuni dei prigionieri. Rencki riuscì a nascondersi nella cella, e durante il bombardamento tedesco fuggì dalla prigione. [in:] Wanda Wojtkiewicz-Rok, W 65. rocznicę kaźni profesorów lwowskich Archiviato l'11 luglio 2011 in Internet Archive., Gazeta Akademii Medycznej we Wrocławiu. Consultato il 4 dicembre 2014.
  9. ^ Jak ginęły elity Rzeczypospolitej, dziennik.krakow.pl, 23 aprile 2007.
  10. ^ І.К. Патриляк. Військова діяльність ОУН(Б) у 1940—1942 роках. — Університет імені Шевченко/Ін-т історії України НАН України Київ, 2004 I.K Patrylyak, Attività militari dell'ONU (B) negli anni 1940-1942, Kiev, Ucraina, Università Shevchenko/Istituto di storia dell'Accademia nazionale ucraina delle scienze, 2004, p. 323.
  11. ^ Krakowscy i wrocławscy akademicy na wzgórzach wuleckich we Lwowie, Alma Mater n. 33/2001 Archiviato l'8 luglio 2009 in Internet Archive., www3.uj.edu.pl. Consultato il 4 dicembre 2014.
  12. ^ La decisione riguardo a Kazimierz Bartel, ex Primo Ministro polacco, fu presa da Heinrich Himmler.
  13. ^ a b (PL) Wacław Szulc Wyniki śledztwa w sprawie mordu profesorów lwowskich, prowadzonego przez Główną Komisję Badania Zbrodni Hitlerowskich w: Zygmunt Albert Kaźń profesorów lwowskich – lipiec 1941/studia oraz relacje i dokumenty zebrane i oprac. przez Zygmunta Alberta, Breslavia 1989, Wydawnictwo Uniwersytetu Wrocławskiego, pp. 177-185. ISBN 83-229-0351-0; articolo principale in inglese, tedesco e russo.
  14. ^ (ES) Gente magazine, n. 2417 Archiviato il 24 settembre 2015 in Internet Archive., gente.com.ar. Consultato il 4 dicembre 2014.
  15. ^ a b Tadeusz Piotrowski, Poland's holocaust: ethnic strife, collaboration with occupying forces and genocide in the Second Republic, 1918-1947, McFarland, gennaio 2007, pp. 208–211, ISBN 978-0-7864-2913-4. URL consultato l'11 marzo 2011.
  16. ^ Yuri Boshyk, Roman Waschuk, Andriy Wynnyckyj, Canadian Institute of Ukrainian Studies, Ukraine during World War II: history and its aftermath: a symposium, CIUS Press, 1986, pp. 83–, ISBN 978-0-920862-36-0. URL consultato l'11 marzo 2011.
  17. ^ Borys Lewytzkyj, Politics and society in Soviet Ukraine, 1953-1980, CIUS Press, 1984, pp. 42–, ISBN 978-0-920862-33-9. URL consultato l'11 marzo 2011.
  18. ^ Звернення Президента України КУЧМИ у зв'язку з Днем пам'яті жертв Голодомору та політичних репресій Archiviato il 13 maggio 2011 in Internet Archive.
  19. ^ Biuletyn IPNKaźń profesorów lwowskich w lipcu 1941 roku], ipn.gov.pl, Consultato il 4 dicembre 2014.
  20. ^ a b [1], radiosvoboda.org. Consultato il 4 dicembre 2014.
  21. ^ Lach, propriamente un cognome polacco, è un termine usato un tempo per riferirsi ai Polacchi in Ucraina, Bielorussia e Russia.
  22. ^ (PL) [2], wiadomosci.gazeta.pl. Consultato il 4 dicembre 2014.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica