Apri il menu principale
Masseo di Assisi

Frate Masseo di Assisi (... – 1280) è stato un francescano italiano.

BiografiaModifica

 
Frate Masseo

Frate Masseo da Marignano (Assisi)[1], uomo grande e bello nel corpo, di grande santità, discrezione e grazia nel parlare di Dio, fu senza dubbio, tra i discepoli più amati da San Francesco d'Assisi nonché il più importante membro del Casato Masseo. Le ricerche svolte dallo Studio Araldico Conte Vittorio Guelfi Camajani (Genova), vedono Frate Masseo come il più antico (1200 ca.) e diretto discendente del ramo Masseo di Seminara (Reggio Calabria).

È bene precisare che, sfortunatamente, le notizie riguardanti il Venerabile Frate, sono, quantitativamente scarse ma è comunque possibile ricostruire passaggi della sua santa vita attraverso le fonti in cui esso è citato.

È citato nella Lettera di Greccio* (biografia di S.Francesco, redatta l'11 agosto 1246 dai Frati Leone, Angelo, Ruffino) come uno dei “santi frati” che, fornirono ai tre redattori della lettera, notizie e testimonianze su S.Francesco. I Fioretti (meravigliosa e inimitabile raccolta di miracoli ed esempli devoti, del Santo di Assisi, ricavati, quasi interamente, dagli “Actus beati Francisci et sociorum eius” nell'ultimo quarto del duecento da Frate Ugolino da Monte Santa Maria) dicono di lui che fu “grande e bello nel corpo”, di grande santità, discrezione e grazia nel parlare di Dio. Molto amato e rispettato da S.Francesco essendo stato il più “vicino” dei suoi discepoli, nell'elenco delle virtù del perfetto frate minore è ricordato per l'aspetto attraente, il buon senso e il parlare bello e devoto. I fioretti che lo riguardano hanno come tema l'umiltà, l'obbedienza e l'amore infinito verso Dio. Nel 1220 ca. insieme a Francesco, il Frate bello e devoto, si recò a Roma per far sì che la “regola” (povertà e l'assoluta rinuncia a ogni bene materiale) dettata da Francesco, avesse l'approvazione del Papa Onorio III.

Nel 1224 ca. sul monte Averna, Frate Masseo e Angelo, ebbero il grande onore di assistere alla prima miracolosa manifestazione delle stimmate di S. Francesco.

Nel 1280 il frate, discepolo devoto di Francesco in circostanze non chiare si spense nella grazia di Dio e fu sepolto presso la tomba del Santo Francesco nella cripta della Basilica di Assisi, dove tuttora santamente riposa.

FONTI STORICHE:

  • Lettera di Greccio [574]
  • Spec Perf 85 [1782]
  • Fioretti X-XIII.XXXII [1838-1842.1866]
  • Fioretti XVI [1845]
  • Fioretti [1924]
  • Diploma di Teobaldo [3392]
  • Spec Perf 85 [1782]

NoteModifica

  1. ^ Masseo di Marignano, in fratello francesco.org. URL consultato il 13 settembre 2017.
    «Frate Masseo, giovane nobile, era nativo di Marignano, una «piccola terra del contado di Assisi» (A. Fortini).».

Altri progettiModifica