Apri il menu principale

Monti delle Lechquellen

(Reindirizzamento da Massiccio di Lechquellen)
Monti delle Lechquellen
ContinenteEuropa
StatiAustria Austria
Catena principaleAlpi
Cima più elevataGroße Wildgrubenspitze (2.753 m s.l.m.)

I Monti delle Lechquellen (in tedesco Lechquellengebirge) è una sottosezione delle Alpi Calcaree Nordtirolesi. La vetta più alta è il Große Wildgrubenspitze che raggiunge i 2.753 m s.l.m.

Si trovano in Austria (Vorarlberg).

Prendono il nome dal fiume Lech che ha la sorgente in questi monti.

ClassificazioneModifica

 
I Monti delle Lechquellen secondo l'AVE sono individuati dal numero 3a.
 
Cartina dettagliata del gruppo montuoso.

Secondo la SOIUSA i Monti delle Lechquellen sono una sottosezione alpina con la seguente classificazione:

Secondo l'AVE costituiscono il gruppo n. 3a di 75 nelle Alpi Orientali.

DelimitazioniModifica

Confinano:

SuddivisioneModifica

 
Panorama sui Monti delle Lechquellen.

In accordo con le definizioni della SOIUSA i Monti delle Lechquellen si suddividono in un supergruppo, tre gruppi ed undici sottogruppi[1]:

  • Catena Spuller Schafberg-Rote Wand-Braunarl (A)
    • Catena Spuller Schafberg-Wild (A.1)
      • Gruppo del Wildgrubenspitze (A.1.a)
        • Costiera del Wildgrubenspitze (A.1.a/a)
        • Costiera del Madloch (A.1.a/b)
      • Gruppo dell'Erzberg (A.1.b)
      • Gruppo dello Spuller Schafberg (A.1.c)
      • Gruppo del Gehrengrat (A.1.d)
        • Gehrengrat (A.1.d/a)
        • Saladinagrat (A.1.d/b)
    • Catena Rote Wand-Johannes (A.2)
      • Gruppo Formarin-Schafberg (A.2.a)
      • Gruppo del Klostertaler Gamsfreiheit (A.2.b)
      • Gruppo del Rote Wand (A.2.c)
        • Massiccio del Rote Wand (A.2.c/a)
        • Stafelvedergrat (A.2.c/b)
      • Gruppo dello Johannes (A.2.d)
    • Catena Braunarl-Zitterklapfen (A.3)
      • Gruppo del Braunarl (A.3.a)
        • Costiera del Braunarl (A.3.a/a)
        • Costiera Rothorn-Hochberg (A.3.a/b)
      • Gruppo Mohnenfluh-Karhorn (A.3.b)
        • Costiera del Mohnenfluh (A.3.b/a)
        • Costiera del Karhorn (A.3.b/b)
      • Gruppo dello Zitterklapfen (A.3.c)
        • Costiera dello Zitterklapfen (A.3.c/a)
        • Costiera dell'Hochkünzel (A.3.c/b)
        • Costiera Blasenka-Zaferhorn (A.3.c/c)

Vette principaliModifica

 
Monti delle Lechquellen con in primo piano il Große Wildgrubenspitze.
  • Große Wildgrubenspitze, 2753 m
  • Rote Wand, 2704 m
  • Grosser Grätlisgrat, 2702 m
  • Mittlere Wildgrubenspitze, 2696 m
  • Nadel, 2685 m
  • Spuller Schafberg, 2679 m
  • Roggalspitze, 2672 m
  • Wasenspitze, 2665 m
  • Braunarlspitze, 2649 m
  • Hochlicht, 2600 m
  • Mohnenfluh, 2542 m
  • Karhorn, 2416 m
  • Zitterklapfen, 2403 m
  • Hochkünzelspitze, 2397 m
  • Feuerstein, 2271 m
  • Warther Horn, 2257 m
  • Gamsfreiheit, 2211 m

NoteModifica

  1. ^ Tra parentesi sono riportati i codici SOIUSA dei supergruppi, gruppi e sottogruppi.

BibliografiaModifica

  • Sergio Marazzi, Atlante Orografico delle Alpi. SOIUSA, Pavone Canavese, Priuli & Verlucca, 2005.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Scheda del gruppo montuoso su Summitpost.org

Controllo di autoritàVIAF (EN241421331 · GND (DE4034957-3 · WorldCat Identities (EN241421331