I Massili (in latino: Massyli; in greco antico: Μασσύλιοι, Massylioi; in tamazight ⵉⵎⴰⵙⵉⵍⵉⵢⵏ, Imasilien) erano un'antica tribù della parte orientale della Numidia (antica regione dell'Africa nord-occidentale, più o meno corrispondente all'odierna Algeria nord-orientale), che viveva tra il fiume Ampsaga e il dominio della potente Cartagine. Nell'anno 205 a.C. il loro re Massinissa, figlio di re Gaia, venne detronizzato da Siface, capo della tribù dei Massesili, ma fu poi rimesso sul trono dai Romani come ringraziamento per l'aiuto fornito nella fase finale della Seconda guerra punica, soprattutto in occasione della battaglia di Zama, nella quale Scipione Africano sconfisse Annibale, ponendo fine al conflitto. Proprio Massinissa e i suoi Numidi fornirono in seguito a Roma il pretesto per scatenare la Terza guerra punica.

BibliografiaModifica

S. Gsell, Histoire ancienne de l'Afrique du Nord, III, Parigi 1918, p. 175 segg.; V, ivi 1927, pp. 95-101.

Voci correlateModifica