Apri il menu principale

Massimo Colesanti

scrittore, critico e saggista italiano
Massimo Colesanti, domenica 22 ottobre 2006 (50º anniversario delle sue nozze con Ada Gibellino), presso la Chiesa di Santa Maria delle Grazie a Roma

Massimo Colesanti (Larino, 10 ottobre 1926Roma, 19 novembre 2016) è stato un accademico e critico letterario italiano.

Indice

BiografiaModifica

Infanzia e primi studiModifica

Nato a Larino in Molise da Giulio (1885-1963) e da Bice Battista (secondo di cinque figli), in una famiglia di avvocati molto in vista, Massimo Colesanti, dopo aver compiuto gli studi superiori al Liceo "Mario Pagano" di Campobasso, non assecondando i desideri del nonno e del padre che lo volevano avviare all’attività di famiglia, decise di trasferirsi a Roma e di seguire i corsi della Facoltà di Lettere dell’Università “La Sapienza”, divenendo allievo di Pietro Paolo Trompeo e laureandosi in Lettere Moderne nel 1950.

L'attività nella scuolaModifica

Trasferitosi poi definitivamente a Roma con tutta la famiglia, dal 1951 al 1965 ha insegnato, prima come incaricato (1951-1956) e poi come docente di ruolo (1956-1958 e 1961-1965), materie letterarie e lingua francese nelle scuole medie di Guidonia, Palestrina, Latina e Roma, mentre nel 1958-1961, in base ad un accordo culturale, ha insegnato Letteratura italiana al “Lycée Chateaubriand” di Roma; in seguito (1965-1967) è divenuto preside di scuola media prima a Santa Marinella e poi a Roma. Nel 1956 ha sposato Ada Gibellino[1], da cui ha poi avuto due figli: Stefania (1964)[2] e Giulio (1969)[3].

I primi passi nell'UniversitàModifica

Contemporaneamente a questa attività scolastica di docente e di preside, ha svolto anche attività di ricerca scientifica e di didattica universitaria. Borsista a Bruxelles nel 1950-1951 e poi a Grenoble e a Parigi nel 1957, ha iniziato a pubblicare lavori scientifici (recensioni, articoli e libri); dal 1959 al 1967 è stato assistente volontario di Lingua e Letteratura francese all’Università “La Sapienza” di Roma, presso la Cattedra di Lingua e Letteratura francese tenuta da Giovanni Macchia; nel 1963 ha conseguito la Libera Docenza di Letteratura francese (abilitazione all’insegnamento universitario), e conseguentemente dal 1964 al 1971 ha tenuto l’incarico di insegnamento di Lingua e Letteratura francese presso la “Sapienza”, nell’ambito del Corso di Laurea in Lingue e Letterature Moderne allora di recente istituzione (tale insegnamento negli anni 1964-1967 si è affiancato alla sua attività di docente scolastico e di preside di scuola media).

L'attività nell'UniversitàModifica

Nel 1966 è risultato vincitore nel concorso di Letteratura francese bandito dall’Università di Genova: nel 1967, pertanto, lasciato l’incarico di preside di scuola media, è stato chiamato come docente universitario dalla Facoltà di Lettere dell’Università di Macerata, dove ha insegnato Letteratura francese dal 1967 al 1971, mantenendo però negli stessi anni anche l’incarico del medesimo insegnamento presso la “Sapienza”; a Macerata è stato Direttore dell’Istituto di Lingue e Letterature romanze e degli Annali delle Facoltà. Infine, nel 1971 è stato chiamato come docente di Lingua e Letteratura francese dalla Facoltà di Lettere della “Sapienza”, dove appositamente per lui è stata creata la II Cattedra di Lingua e Letteratura francese (affiancando così Giovanni Macchia titolare della I Cattedra). Ha insegnato a “La Sapienza” come docente di ruolo dal 1971 al 2001 (ma in realtà dal 1964 al 2001, considerando anche gli anni da incaricato). Nel 1974 ha fondato “micromégas”, rivista di studi e confronti italiani e francesi, di cui è stato direttore dall’inizio fino al 2002, quando la rivista ha cessato le pubblicazioni (70 fascicoli complessivi). Nel 1975 ha fondato l’Istituto di Studi Francesi, che poi ha diretto dall’inizio fino al 1992. Nel periodo di insegnamento universitario ha promosso giornate di studi e convegni (si ricordi in particolare il Convegno Internazionale Stendhal, Roma, l’Italia del 1983), partecipando come relatore a numerosi altri convegni, ed è stato visiting professor nelle università di Ginevra, Parigi, Monaco di Baviera, New York (Columbia University), Budapest. Dal 1983 al 1986 è stato Presidente della SUSLLF (Società Universitaria per gli Studi di Lingua e Letteratura Francese), raggiungendo il massimo incarico “politico” nell’ambito della francesistica italiana. Nel 2001, collocato a riposo per raggiunti limiti di età, dalla Facoltà di Lettere della “Sapienza” di Roma è stato nominato Professore Emerito di Lingua e Letteratura francese, mantenendo così il diritto di continuare eventualmente il suo insegnamento presso la stessa Università (sulla sua cattedra gli è succeduta, come professore di ruolo, la sua allieva Anna Maria Scaiola).

La Presidenza della Fondazione PrimoliModifica

Nel 1990 è stato nominato Presidente della Fondazione Primoli, incarico che ha tenuto per 26 anni fino alla morte (2016), e che per lui è risultato molto gradito non solo perché la Fondazione (istituita nel 1928 alla morte del napoleonide Conte Giuseppe Primoli) possiede una biblioteca immensa di testi di letteratura francese e italiana del XIX e XX secolo[4] (suoi campi scientifici di elezione) e una importantissima sezione di libri appartenuti a Stendhal (principale autore da lui coltivato)[5]; ma anche perché nella carica di presidente succedeva, dopo personalità come Mario Praz e Ettore Paratore, al suo maestro Pietro Paolo Trompeo. Con notevoli sforzi più che ventennali, ha risanato economicamente la Fondazione (che era sull’orlo del fallimento) e, dopo un lungo periodo di inattività sotto la presidenza Paratore, le ha ridato nuova dignità culturale, ambientandovi numerosissimi convegni, mostre, giornate di studi, anche concerti. Divenuto, come Presidente, anche Direttore dei Quaderni di Cultura Francese a cura della Fondazione Primoli (ne era già stato Redattore sotto la presidenza Paratore), ha promosso in 26 anni la pubblicazione di 25 quaderni, più di quanti ne erano stati pubblicati nei 30 anni precedenti[6].

Opere principaliModifica

Studioso in particolare del Romanticismo (Letteratura francese. Il Romanticismo, Firenze-Milano 1974 e Dal Romanticismo al Simbolismo, Milano 1987; La Disdetta di Nerval, con altri saggi e studi, Roma 1995), e del periodo classico (Boileau. Poetica e polemica, Roma 1966; Il romanzo barocco tra Italia e Francia, Roma 1980), si è interessato soprattutto a Stendhal e a Baudelaire, cui ha dedicato numerose pubblicazioni (Stendhal fra eruditi e poeti, Roma-Caltanissetta 1959, con introd. di Leonardo Sciascia; Stendhal a teatro, Milano, 1966; Stendhal. Le regole del gioco, Milano 1983; Il mistero Stendhal. Saggi, note, confronti, Roma 2015[7]; Baudelaire, Tutte le poesie e i capolavori in prosa, Roma 1998; Fiori d'Arte dall'Abisso. Saggi, Letture, Note su Baudelaire, Roma 2017, postumo[8]). Altri suoi contributi riguardano la letteratura e la critica italiana (Letteratura e critica, Napoli 1966; Ritratti di critici, Roma 1970) e il Belli (Belli ritrovato, Roma 2010[9]). Ha tradotto o curato opere di Montesquieu, Voltaire, De Lollis, Trompeo, Sainte-Beuve, Flaubert, Valery Larbaud.

OnorificenzeModifica

  • Premio Calabria (1990) per la Letteratura Francese dal Romanticismo al Simbolismo (2 voll., Firenze 1974 e Milano 1987).
  • Premio Saint-Vincent (1996), per il volume La disdetta di Nerval (Roma 1995).
  • Ufficiale al Merito della Repubblica (27 dicembre 2000)[10].
  • Commandeur des Palmes Académiques.
  • Chevalier de la Légion d'Honneur.

Altre cariche ricoperteModifica

NoteModifica

  1. ^ Docente di scuola media, autrice del libro La casa in campagna, Roma, febbraio 2016.
  2. ^ Restauratrice dei Musei Vaticani e cantante lirica per diletto (vedi sito facebook).
  3. ^ Docente di scuola superiore e grecista (vedi sito facebook e sito Academia.edu).
  4. ^ Valeria Petitto, La Biblioteca della Fondazione Primoli, in Minerva Web. Bimestrale della Biblioteca 'Giovanni Spadolini', Senato della Repubblica, n. 32 (Nuova Serie), aprile 2016
  5. ^ Massimo Colesanti, La Fondation Primoli et le “mirage stendhalien”, pp. [1-4] di un estratto di 8 pp. n. n. (contenente anche uno scritto di Gian Franco Grechi) aggiunto a parte a Stendhal, Paris et le mirage italien, Actes du Colloque organisé pour le cent-cinquantième anniversaire de la morte de Stendhal par Victor Del Litto et Jean Dérens, Bibliothèque historique de la Ville de Paris (Hôtel d’Angoulême-Lamoignon), 21-22 mars 1992, Paris, Bibliothèque historique de la Ville de Paris ,1992; Catalogo del Fondo Stendhal – Biblioteca Primoli, Vol. I, a cura di Massimo Colesanti (Quaderni di cultura francese a cura della Fondazione Primoli nr. 35), Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 2002; Catalogo del Fondo Stendhal – Biblioteca Primoli, Vol. II, a cura di Massimo Colesanti e Valeria Petitto (Quaderni di cultura francese a cura della Fondazione Primoli nr. 39), Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 2006
  6. ^ Elenco delle diverse serie dei "Quaderni", con i Direttori (Presidenti della Fondazione) e i Redattori, sul sito della Fondazione Archiviato il 4 ottobre 2016 in Internet Archive.
  7. ^ Raffaele Manica, Recensione, "il manifesto", 31 gennaio 2016; Annalisa Bottacin, Recensione, in "Studi Francesi" 179, maggio-agosto 2016, pp. 1-6
  8. ^ Presentato alla Fondazione Primoli il 16-11-2017 da Valerio Magrelli, Luca Pietromarchi e Sandra Teroni (vd. l'invito alla presentazione sul sito della Fondazione e la registrazione della serata su youtube.com).
  9. ^ Lucio Felici, Recensione[collegamento interrotto], in "Studi e problemi di critica testuale", 85/2, 2012, pp. 243-248
  10. ^ Elenco Onorificenze nel sito della Presidenza della Repubblica
  11. ^ Ricordo di Massimo Colesanti sul sito della Società; Ricordo di Massimo Colesanti di Letizia Norci Cagiano
  12. ^ Elenco sul sito dell'Accademia
  13. ^ Annuario degli Amici della Domenica 1947-2016 (PDF), su fondazionebellonci.it. URL consultato il 14 gennaio 2017 (archiviato dall'url originale il 16 gennaio 2017).
  14. ^ Elenco sul sito dell'Istituto
  15. ^ Elenco sul sito della Fondazione
  16. ^ Elenco sul sito dell'Associazione
  17. ^ Elenco sul sito del Gruppo

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN59170044 · ISNI (EN0000 0001 2280 5860 · SBN IT\ICCU\CFIV\020277 · LCCN (ENn80116897 · GND (DE119503956 · BNF (FRcb124029096 (data) · NLA (EN35688614 · BAV ADV10115710 · WorldCat Identities (ENn80-116897