Apri il menu principale
Massimo Cunegatti
MassimoCunegatti.jpg
Massimo Cunegatti nel 2012
Nazionalità Italia Italia
Hockey su pista Roller hockey pictogram.svg
Ruolo Portiere
Carriera
Giovanili
1979-1990Valdagno 1938
Squadre di club
1990-1991Valdagno 1938
1991-2002Novara
2002-2014Bassano 54
2014- Valdagno 1938
Nazionale
1990-2004Italia Italia
Palmarès
Gnome-emblem-web.svg Mondiali
Argento Sesto San Giovanni 1993
Oro Wuppertal 1997
Bronzo San Juan 2001
Argento Oliveira 2003
Wikiproject Europe (small).svg Europei
Oro Lodi 1990
Argento Wuppertal 1992
Bronzo Funchal 1994
Argento Salsomaggiore 1996
Bronzo Paços de Ferreira 1998
Bronzo Wimms 2000
Bronzo Firenze 2002
Argento La Roche-sur-Yon 2004
Statistiche aggiornate al 27/7/2018

Massimo Cunegatti (Valdagno, 2 ottobre 1971) è un hockeista su pista italiano.

Indice

Caratteristiche tecnicheModifica

Si distingue nel suo ruolo per il gioco estremamente reattivo fra i pali. È considerato uno dei giocatori più forti a livello mondiale, e si inserisce fra i portieri italiani maggiormente rappresentativi, assieme a colleghi storici quali Angelo Grassi, Enzo Mari, "Checco" Fontana ed Alessandro Cupisti[1].

CarrieraModifica

ClubModifica

Si avvicina alle rotelle[2] all'età di 7 anni, tesserandosi presso la società cittadina Hockey Marzotto Valdagno. Qui militerà in tutte le categorie giovanili, avvicinandosi al ruolo di portiere, seppure inizialmente a lui non molto gradito[3]. Nel 1985, all'età di 14 anni vince il primo Campionato italiano in categoria "Primavera", ripetendosi la stagione successiva nella medesima categoria. Approdato in categoria "Juniores", viene regolarmente convocato anche in prima squadra, maturando dal punto di vista tecnico. Terminata la trafila delle giovanili, partecipa al suo primo campionato di Serie A1 da professionista nella società vicentina, rivelandosi una promessa nella stagione 1990-1991: ciò gli vale l'attenzione dell'Hockey Novara, società nella quale si trasferirà a partire dall'autunno del 1991. Il giovane Cunegatti non tradisce le aspettative della società piemontese: nei dieci anni di permanenza in maglia azzurro-scudata conquisterà nove scudetti ed altrettante Coppe Italia ed assieme a compagni di squadra importanti come i fratelli Massimo ed Enrico Mariotti, Roberto Crudeli, Enrico Bernardini e Francesco Amato si imporrà nella scena internazionale vincendo due coppe CERS.

Successivamente, la compagine fu rinforzata da giocatori quali Dario Rigo ed i gemelli Alberto ed Alessandro Michielon. Dopo la conquista della "terza stella", ovvero il trentesimo scudetto dell'Hockey Novara (stagione 2000-2001), la società, seppur continuando a vincere nei due anni successivi, attraversò un periodo di crisi che la portò a doversi separare dei giocatori più esperti: nell'autunno del 2002 l'atleta ritorna in Veneto, nelle file dell'Hockey Bassano. Qui Massimo continua ad aggiudicarsi trofei, continuando la striscia di "miglior portiere italiano"[2][4] consecutiva incominciata nelle ultime due stagioni novaresi. Nella stagione 2003-2004, assieme a compagni fondamentali quali Dario Rigo ed Alberto Orlandi, realizzerà uno storico "double", mai realizzato prima nella storia bassanese. Nel 2006 vince il Mondiale per club e viene premiato come "miglior portiere del mondo"[2]. La stagione successiva, si classifica vicecampione in Eurolega. Il secondo scudetto giallorosso arriverà nella stagione 2008-2009, intervallando le due Supercoppe italiane del 2007 e 2010. Nel 2011, nonostante gli ormai quarant'anni d'età, è ancora in ottima forma, e conquista un ulteriore titolo di "miglior portiere italiano"[2][5] e, nel 2012, nuovamente la Coppa CERS[6]. Sempre nel 2012 raggiunge il secondo posto in Coppa Italia, e nella stagione successiva è vicecampione in Coppa Continentale. La sua permanenza in maglia giallorossa si conclude alla fine della stagione 2013-2014, dopo 12 anni ricchi di vittorie[7]. Per la stagione 2014-2015 l'atleta viene ingaggiato dal Valdagno, squadra con la quale esordì in Serie A1 24 anni prima[8].

NazionaleModifica

L'atleta vicentino esordisce in Nazionale nella categoria "Juniores", dove conquisterà due titoli europei, nel 1988 e nel 1990. Sempre nel 1990 debutta in Nazionale maggiore all'Europeo giocato a Lodi, dove l'Italia conquisterà la medaglia d'oro. Partecipa ai successivi impegni internazionali conseguendo diversi secondi e terzi posti, arrivando nel 1997 a conquistare il titolo di Campione del mondo, sconfiggendo in finale la fortissima Nazionale dell'Argentina con un netto 5 a 0; è proprio in onore a quella partita, ritenuta da Cunegatti la migliore da lui disputata, che scelse il 50 come numero di maglia. Si ritira dall'attività Nazionale nel 2004, dopo l'Europeo disputato a La Roche-sur-Yon in cui l'Italia ottenne la medaglia d'argento.

Vita privataModifica

Massimo è sposato con Stefania, dalla quale ha avuto due figli[9]. Fra i suoi hobbies annovera la pesca, il calcio e lo shopping[3]. È inoltre un amante del fai-da-te e del ciclismo.

PalmarèsModifica

RiconoscimentiModifica

  Collare d'oro al merito sportivo
«Campione mondiale hockey su pista»
— Roma, 1997.[10]

NoteModifica

  1. ^ Hockey a rotelle (Enciclopedia dello Sport), su treccani.it. URL consultato il 15 Novembre 2013.
  2. ^ a b c d Massimo Cunegatti: carriera e palmarès su hockeybassano.it, su hockey.gare.it. URL consultato il 14 Novembre 2013.
  3. ^ a b Gazzetta.it - Solo la Champions mi farà sentire un numero uno dell'hockey su pista, su archiviostorico.gazzetta.it. URL consultato il 14 Novembre 2013.
  4. ^ Ass. Italiana CONI Medaglie d'Oro al valore atletico - Massimo Cunegatti, su medagliedoro.org. URL consultato il 14 Novembre 2013.
  5. ^ ilTirreno.it - Il mito Cunegatti tira le orecchie al CGC, su iltirreno.gelocal.it. URL consultato il 14 Novembre 2013.
  6. ^ hockeypista.it - Bassano, vittoria di rigore. Giallorossi in trionfo in Cers, su hockeypista.it.
  7. ^ Saluti e ringraziamenti a Cunegatti, Ambrosio, Nicolas e Trento, 16 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 3 settembre 2014).
  8. ^ Mercato in pieno svolgimento. Ieri il Valdagno 1938 ha ufficializzato, come avevamo anticipato nei giorni scorsi, l'ingaggio di Lucas Ordóñez Villavicencio, 10 giugno 2014.
  9. ^ comunicati.net - Massimo Cunegatti è diventato papà, su comunicati.net. URL consultato il 15 Novembre 2013.
  10. ^ Benemerenze sportive di Massimo Cunegatti, su coni.it, Comitato Olimpico Nazionale Italiano. URL consultato il 18 marzo 2019.

Collegamenti esterniModifica