Massimo Mucchetti

giornalista italiano
Massimo Mucchetti
Massimo Mucchetti.jpg

Presidente della 10ª Commissione Industria del Senato della Repubblica
Durata mandato 7 maggio 2013 –
22 marzo 2018
Predecessore Cesare Cursi
Successore Gianni Pietro Girotto

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature XVII
Gruppo
parlamentare
Partito Democratico
Coalizione Italia. Bene Comune
Circoscrizione Lombardia
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Democratico
Titolo di studio Laurea in Filosofia
Università Università Statale di Milano
Professione Giornalista

Massimo Mucchetti (Brescia, 12 dicembre 1953) è un giornalista e politico italiano.

BiografiaModifica

Laureatosi in filosofia all'Università Statale di Milano, giornalista professionista dal 1981, ha iniziato l'attività sul quotidiano Bresciaoggi, una cooperativa della quale è stato uno degli amministratori, per poi passare al “Mondo economico”, settimanale de il Sole 24 Ore.

Dal 1986 al 2003 ha lavorato all'Espresso dov'è stato vicedirettore. Dal 2004 al 2012 è stato vicedirettore ad personam del Corriere della Sera.

A novembre 2004 Mucchetti (insieme a Vittorio Colao e altri dirigenti del Corriere della Sera) è stato vittima di un tentativo di intrusione informatica da parte di uno o più cracker che, secondo l'accusa, sarebbero legati al tiger team di Telecom Italia.[1]

Elezione a senatoreModifica

Alle elezioni politiche del 2013 viene candidato al Senato della Repubblica, come capolista nella circoscrizione Lombardia tra le file del Partito Democratico, dove viene eletto senatore. Nel corso della XVII legislatura della Repubblica Mucchetti ricopre l'incarico di presidente della 10ª Commissione Industria, commercio, turismo del Senato, da dove si è occupato di importanti dossier, tra i quali il caso Ilva, quello di Telecom Italia e Alitalia, la riforma della legislazione sull'Offerta pubblica di acquisto (Opa) e le nomine dei vertici delle società partecipate dallo Stato come Eni, Enel, Terna e Finmeccanica, oltre a farsi primo firmatario di una proposta di legge sul conflitto d'interessi, le incompatibilità parlamentari e di una proposta sul finanziamento dei partiti politici.

Nel 2014 ha aperto il suo blog Vado al Massimo.[2]

Nel 2015 è protagonista di uno scontro con il direttore de l'Unità Erasmo d'Angelis, a causa della linea politica del giornale, da lui definito "simile alla Pravda di Černenko".[3]

Il 23 ottobre 2017 in dissenso dal PD non partecipa al voto di fiducia sul Rosatellum, la nuova legge elettorale.[4]

Non si ricandida più alle elezioni politiche del 2018, tornando a dedicarsi a tempo pieno all'attività giornalistica.[5]

OpereModifica

  • Massimo Mucchetti, Licenziare i padroni?, Milano, Feltrinelli, 2004, ISBN 9788807818196.
  • Massimo Mucchetti, Il baco del Corriere, Milano, Feltrinelli, 2006, ISBN 9788807171321.
  • Massimo Mucchetti e Cesare Geronzi, Confiteor. Potere, banche e affari. La storia mai raccontata, Milano, Feltrinelli, 2012, ISBN 9788807172526.
  • Massimo Mucchetti, L'ultimo decennio, revisione di una liquidazione sommaria, in Roberto Artoni (a cura di), Storia dell'IRI, vol. 4, Roma-Bari, Laterza, 2014, ISBN 9788858105726.

PremiModifica

NoteModifica

  1. ^ Giornalisti spiati. Il Tiger team rubava email - Corriere della Sera, su web.archive.org, 4 marzo 2016. URL consultato il 29 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  2. ^ Vado al Massimo - Vado al Massimo, il blog di Massimo Mucchetti, giornalista, Presidente della Commissione industria del Senato - Page 28, su massimomucchetti.it. URL consultato il 29 aprile 2020.
  3. ^ L'Unità, Mucchetti (Pd) a D'Angelis: "Siete come la Pravda di Cernenko", su Il Fatto Quotidiano, 2 agosto 2015. URL consultato il 12 gennaio 2020.
  4. ^ "Non parteciperemo al voto di fiducia sul Rosatellum". L'annuncio di cinque senatori "dissidenti" del Pd, in L’Huffington Post, 24 ottobre 2017. URL consultato il 24 ottobre 2017.
  5. ^ Francesco Bechis, Golden power e non solo, quale strategia contro le scalate ostili. Parla Mucchetti, su Formiche.net, 3 aprile 2020. URL consultato il 29 aprile 2020.
  6. ^ Edizione 1995, su ilpremiolino.it. URL consultato il 21 marzo 2021.
  7. ^ Albo d'oro – 1995, su premiolino.it (archiviato dall'url originale il 21 settembre 2011).
  8. ^ Dopo un anno de Linkiesta... Arriva il Premiolino!, in Linkiesta, 7 febbraio 2012. URL consultato il 21 marzo 2021.
  9. ^ Giornalismo, il Premiolino a Fabio Fazio per Vieni via con me, in TG1, 10 marzo 2011. URL consultato il 21 marzo 2021.
  10. ^ Albo d'oro – 2011, su premiolino.it (archiviato dall'url originale il 20 settembre 2011).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN19998590 · ISNI (EN0000 0000 5375 3402 · LCCN (ENno2004061843 · BNF (FRcb15579031m (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2004061843