Matt Riddle

wrestler e artista marziale misto statunitense
Riddle
Riddle 2021.png
Matt Riddle nel 2020
NomeMatthew Frederick
Riddle
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
Luogo nascitaAllentown
14 gennaio 1986
Ring nameMatt Riddle
Riddle
Residenza dichiarataLas Vegas
Altezza dichiarata188 cm
Peso dichiarato100 kg
AllenatoreMFW Staff
Debutto2015
FederazioneWWE
Progetto Wrestling

Matthew Frederick Riddle, noto semplicemente come Riddle (Allentown, 14 gennaio 1986), è un wrestler ed ex artista marziale misto statunitense sotto contratto con la World Wrestling Entertainment, dove lotta nel roster di Raw.

In WWE ha vinto una volta lo United States Championship e una volta l'NXT Tag Team Championship (con Pete Dunne).

CarrieraModifica

Circuito indipendente (2015–2018)Modifica

Il 29 ottobre 2014 è stato riferito che Riddle si stava allenando per diventare un wrestler professionista. Riddle ha fatto il suo debutto nel wrestling il 7 febbraio 2015, presso la Monster Factory di Paulsboro, nel New Jersey. Nel luglio 2015 ha vinto il Monster Factory Heavyweight Championship. Il 15 settembre 2015, è stato annunciato che Riddle aveva firmato con il World Wrestling Network (WWN) per lavorare agli eventi della Evolve di ottobre. Riddle in seguito ha confermato di aver preso parte a un test della WWE. Il 24 gennaio 2016, Riddle ha vinto il torneo Evolve's Style Battle. L'8 aprile, è stato riferito che Riddle aveva firmato un contratto con la casa madre della Evolve, la WWN. Il 3 settembre, Riddle ha fatto il suo debutto per Pro Wrestling Guerrilla (PWG), partecipando al torneo Battle of Los Angeles del 2016, da cui è stato eliminato nel suo primo round da Kyle O'Reilly. Nell'ottobre 2016, Riddle ha sfidato Cody Rhodes alla mostra della House of Glory di New York dal titolo Unbreakable venendo sconfitto.

World Wrestling Entertainment (2018–presente)Modifica

Il 31 luglio 2018 Matt Riddle ha firmato un contratto con la WWE, apparendo poi tra il pubblico del Barclays Center a NXT TakeOver: Brooklyn IV il 18 agosto. Il suo debutto è avvenuto nel territorio di sviluppo di NXT nella puntata del 31 ottobre, con la gimmick face di un ragazzo rilassato che combatte a piedi scalzi, dove ha sconfitto facilmente Luke Menzies. Il 17 novembre, a NXT TakeOver: WarGames II, ha sconfitto Kassius Ohno in un match durato soli sette secondi. Il 26 gennaio 2019, a NXT TakeOver: Phoenix, ha battuto nuovamente Ohno. Nella puntata di NXT del 20 marzo Riddle ha partecipato ad un Fatal 5-Way match che comprendeva anche Adam Cole, Aleister Black, Ricochet e Velveteen Dream per determinare lo sfidante di Johnny Gargano per il vacante NXT Championship a NXT TakeOver: New York ma il match è stato vinto da Cole. Nella puntata di NXT del 27 marzo Riddle ha sconfitto Kona Reeves. Il 5 aprile, a NXT TakeOver: New York, Riddle ha affrontato Velveteen Dream per l'NXT North American Championship ma è stato sconfitto. Nella puntata di NXT dell'8 maggio Riddle ha sconfitto Adam Cole. Il 1º giugno, a NXT TakeOver: XXV, Riddle ha sconfitto Roderick Strong. Nella puntata di NXT del 17 luglio Riddle ha sconfitto Arturo Ruas; nel post match, però, Riddle è stato brutalmente attaccato da Killian Dain. Nella puntata di NXT del 21 agosto Riddle è stato poi sconfitto da Killian Dain. Nella puntata di NXT del 18 settembre Riddle ha affrontato Killian Dain in uno Street Fight ma esso è terminato in no-contest. Nella successiva puntata di NXT del 25 settembre Riddle ha sconfitto Dain in uno Street Fight, diventando il contendente nº1 all'NXT Championship. Nella puntata di NXT del 2 ottobre Riddle ha affrontato Adam Cole per l'NXT Championship ma è stato sconfitto. Nella puntata di NXT del 16 ottobre Riddle ha sconfitto Bronson Reed. Nella puntata di NXT del 23 ottobre Riddle ha sconfitto Cameron Grimes. Nella puntata di NXT del 30 ottobre Riddle e Keith Lee hanno affrontato Bobby Fish e Kyle O'Reilly dell'Undisputed Era per l'NXT Tag Team Championship ma sono stati sconfitti. Nella puntata di SmackDown del 1º novembre Riddle e Keith Lee sono apparsi nello show per attaccare Sami Zayn. Nella puntata di NXT del 6 novembre Riddle, Keith Lee e Tommaso Ciampa hanno affrontato l'O.C. (AJ Styles, Luke Gallows e Karl Anderson), membri del roster di Raw, ma il match è terminato in no-contest per l'arrivo di Finn Bálor prima e Adam Cole poi. Nella puntata di NXT del 20 novembre Riddle ha sconfitto Ricochet (appartenente al roster di Raw). Il 23 novembre, a NXT TakeOver: WarGames III, Riddle è stato sconfitto da Finn Bálor. Il 24 novembre, a Survivor Series, Riddle ha partecipato al tradizionale 5-on-5-on-5 Survivor Series Elimination match contro il Team Raw e il Team SmackDown ma è stato eliminato da King Corbin, dopo aver eliminato Randy Orton dalla contesa. Nella puntata di NXT del 4 dicembre Riddle ha sconfitto Kassius Ohno. Nella puntata di NXT del 15 gennaio 2020 Riddle ha fatto coppia con Pete Dunne (con il nome BroserWeights) e i due, nei quarti di finale del Dusty Rhodes Tag Team Classic hanno sconfitto Flash Morgan Webster e Mark Andrews. Nella puntata di NXT del 22 gennaio i BroserWeights hanno sconfitto Bobby Fish e Kyle O'Reilly dell'Undisputed Era nella semifinale del torneo. Il 26 gennaio, alla Royal Rumble, Riddle ha partecipato al match omonimo entrando col numero 23 ma è stato eliminato da King Corbin. Nella puntata di NXT del 29 gennaio i BroserWeights hanno sconfitto i Grizzled Young Veterans (James Drake e Zack Gibson) nella finale del Dusty Rhodes Tag Team Classic vincendo il torneo. Il 16 febbraio, a NXT TakeOver: Portland, i BroserWeights hanno sconfitto Bobby Fish e Kyle O'Reilly dell'Undisputed Era conquistando così l'NXT Tag Team Championship per la prima volta. Nella puntata di NXT del 19 febbraio i BroserWeights hanno sconfitto Danny Burch e Oney Lorcan in un match non titolato. Nella puntata di NXT dell'11 marzo i BroserWeights hanno difeso con successo i titoli contro Bobby Fish e Kyle O'Reilly dell'Undisputed Era. Nella puntata di NXT del 25 marzo Riddle ha sconfitto Roderick Strong, ma poco dopo è stato brutalmente attaccato dai misteriosi Rinku Singh e Saurav Gurjar. Nella puntata di NXT del 15 aprile Riddle e Timothy Thatcher (in sostituzione dell'indisponibile Pete Dunne a causa di problemi di viaggio dovuti alla pandemia di COVID-19) hanno difeso con successo i titoli contro Bobby Fish e Roderick Strong dell'Undisputed Era. Nella puntata di NXT del 13 maggio Riddle e Thatcher hanno perso i titoli contro Fabian Aichner e Marcel Barthel dell'Imperium dopo 87 giorni di regno; Thatcher, durante l'incontro, ha abbandonato Riddle dopo essere stato per errore colpito da questi. Poco più tardi, quella stessa sera, Riddle ha sconfitto Thatcher, ma è stato poco dopo brutalmente attaccato dal suo avversario ad incontro concluso. Nella puntata di NXT del 27 maggio Riddle è stato sconfitto da Timothy Thatcher in un Fight Pit match arbitrato da Kurt Angle.

Nella puntata di SmackDown del 29 maggio, durante un promo nel backstage, Kurt Angle annunciò l'imminente debutto di Riddle nello show. Riddle debuttò nella puntata di SmackDown del 19 giugno dapprima interrompendo l'Intercontinental Champion AJ Styles e poi sconfiggendolo in un match non titolato. Nella puntata di SmackDown del 17 luglio Riddle affrontò AJ Styles per l'Intercontinental Championship ma venne sconfitto, e a fine incontro venne brutalmente attaccato da King Corbin. Il 30 agosto, a Payback, Riddle sconfisse King Corbin. Nella puntata di SmackDown del 4 settembre Riddle partecipò ad un Fatal 4-Way match che comprendeva anche Jey Uso, King Corbin e Sheamus per determinare il contendente nº1 all'Universal Championship di Roman Reigns ma il match venne vinto da Jey.

Il 12 ottobre, per effetto del Draft, Riddle passò al roster di Raw. Nella puntata di Raw del 26 ottobre Riddle venne sconfitto da Sheamus, fallendo nell'opportunità di qualificarsi per il Team Raw per Survivor Series. Nella puntata di Raw del 9 novembre Matt Riddle accorciò il suo ringname semplicemente in Riddle e sconfisse Elias e Jeff Hardy in un Triple Threat match, qualificandosi per il Team Raw per Survivor Series. Il 22 novembre, a Survivor Series, Riddle partecipò al tradizionale 5-on-5 Survivor Series Elimination match come parte del Team Raw contro il Team SmackDown trionfando assieme ai suoi compagni. Nella puntata di Raw del 23 novembre Riddle sconfisse Sheamus in un match di qualificazione ad un Triple Threat match per determinare il nuovo contendente nº1 al WWE Championship di Drew McIntyre. Nella puntata di Raw del 30 novembre Riddle partecipò ad un Triple Threat match che comprendeva anche AJ Styles e Keith Lee per determinare il contendente nº1 al WWE Championship di Drew McIntyre ma il match venne vinto da Styles.

Nella puntata di Raw del 4 gennaio Riddle sconfisse lo United States Champion Bobby Lashley in un match non titolato. Nella puntata di Raw dell'11 gennaio Riddle affrontò poi Lashley per lo United States Championship ma venne sconfitto. Nella puntata di Raw del 25 gennaio Riddle sconfisse Shelton Benjamin, MVP e Cedric Alexander dell'Hurt Business (in ordine di eliminazione) in un Gauntlet match, diventando il contendente n°1 allo United States Championship di Lashley. Il 31 gennaio, alla Royal Rumble, Riddle partecipò all'omonimo incontro entrando col numero 16 ma venne eliminato da Seth Rollins. Nella puntata di Raw del 1º febbraio Riddle affrontò nuovamente Lashley per lo United States Championship sconfiggendolo per squalifica, senza dunque il cambio di titolo. Il 21 febbraio, a Elimination Chamber, Riddle sconfisse Lashley e John Morrison in un Triple Threat match conquistando lo United States Championship. Nella puntata di Raw del 15 marzo Riddle difese con successo il titolo contro Mustafa Ali. Il 21 marzo, nel Kick-off di Fastlane, Riddle difese nuovamente il titolo contro Ali. Perse il titolo a WrestleMania 37, contro Sheamus.

Risultati nelle arti marziali misteModifica

Risultato Record Avversario Metodo Evento Data Round Tempo Città Note
Vittoria 8-3 (2)   Michael Kuiper Sottomissione (guillotine choke) Titan Fighting 27 28 febbraio 2014 2 2:30   Kansas City
No-contest 7-3 (2)   Che Mills No-contest UFC on Fuel 16 febbraio 2013 3 5:00   Londra Matt Riddle è risultato positivo ad un test anti-doping
Vittoria 7-3   John Maguire Decisione (unanime) UFC 154 17 novembre 2012 3 5:00   Montréal
No-contest 6-3 (1)   Chris Clements No-contest UFC 149 21 luglio 2012 3 2:02   Calgary Matt Riddle è risultato positivo ad un test anti-doping
Vittoria 6-3   Henry Martinez Decisione (unanime) UFC 143 4 febbraio 2012 3 5:00   Las Vegas
Sconfitta 5-3   Lance Benoist Decisione (unanime) UFC Fight Night 25 17 settembre 2011 3 5:00   New Orleans
Sconfitta 5-2   Sean Pierson Decisione (unanime) UFC 124 11 dicembre 2010 3 5:00   Montréal
Vittoria 5-1   DaMarques Johnson TKO (colpi) UFC Live 1 agosto 2010 2 4:30   San Diego
Vittoria 4-1   Greg Soto Squalifica (calcio illegale) UFC 111 27 marzo 2010 3 1:30   Newark
Sconfitta 3-1   Nick Osipczak TKO (colpi) UFC 105 14 novembre 2009 3 3.52   Manchester
Vittoria 3-0   Dan Cramer Decisione (unanime) UFC 101 8 agosto 2009 3 5:00   Philadelphia
Vittoria 2-0   Steve Bruno Decisione (unanime) UFC Fight Night 17 7 febbraio 2009 3 5:00   Tampa Debutto in UFC
Vittoria 1-0   Dante Rivera Decisione (unanime) Ultimate Fighter 7 21 giugno 2008 3 5:00   Las Vegas

Vita privataModifica

Riddle è sposato dal 2012 con una donna di nome Lisa Rennie, da cui ha avuto tre figli.

PersonaggioModifica

Mosse finaliModifica

 
Matt Riddle mentre esegue un Gutwrench suplex su Chris Dickinson

SoprannomiModifica

  • "The Bro That Runs the Show"
  • "King of Bros"
  • "The Original Bro"
  • "The Stallion Battalion"

Musiche d'ingressoModifica

  • Hey Bro dei CFO$ (2018–presente)

Titoli e riconoscimentiModifica

 
Matt Riddle con il WWE United States Championship, titolo che ha detenuto una volta in carriera
  • 5 Star Wrestling
    • 5 Star Wrestling Tap or Snap Championship (1)
  • Hope Wrestling
    • Hope 24/7 Hardcore Championship (1)
  • Monster Factory Pro Wrestling
    • Monster Factory Heavyweight Championship (1)
  • Pro Wrestling Chaos
    • King of Chaos Championship (1)
  • WWNLive
    • WWN Championship (1)

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica