Apri il menu principale
Matteo Ardemagni
Nazionalità Italia Italia
Altezza 185 cm
Peso 82 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Ascoli
Carriera
Giovanili
199?-200?Sancolombano
200?-2006Milan
Squadre di club1
2005-2006Milan0 (0)
2006-2007Perugia12 (0)
2007Pizzighettone12 (0)[1]
2007-2008Pro Patria20 (2)[2]
2008-2009Triestina25 (1)
2009-2010Cittadella38 (22)[3]
2010-2011Atalanta16 (1)
2011Padova19 (3)[4]
2011-2012Atalanta0 (0)
2012-2013Modena59 (28)
2013-2014Chievo2 (0)
2014Carpi17 (4)
2014-2015Spezia8 (0)
2015-2016Perugia52 (17)[5]
2016-2018Avellino56 (20)
2018-Ascoli18 (8)
Nazionale
2004Italia Italia U-182 (0)
2005-2006Italia Italia U-194 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate all'11 maggio 2019

Matteo Ardemagni (Milano, 26 marzo 1987) è un calciatore italiano, attaccante e capitano dell'Ascoli.

Indice

Caratteristiche tecnicheModifica

È un centravanti forte fisicamente, con buone doti di finalizzatore.[6]

CarrieraModifica

Milan, Triestina e CittadellaModifica

Muove i primi passi nel Sancolombano, da dove poi entra nel settore giovanile del Milan. Dopo aver esordito in prima squadra negli ottavi di Coppa Italia contro il Brescia, viene mandato in prestito a diverse squadre di Serie C1, nell'ordine Perugia, Pizzighettone e Pro Patria, senza tuttavia riuscire a imporsi. Nell'estate del 2008 viene acquistato in comproprietà dalla Triestina, squadra di Serie B che il 25 giugno 2009 ne riscatta l'altra metà del cartellino.

Il 9 luglio seguente si trasferisce in prestito al Cittadella. Il mister Claudio Foscarini gli dà subito fiducia, e in coppia con Antimo Iunco, forma uno degli attacchi più prolifici dell'intera Serie B, realizzando 34 reti (22 per Ardemagni e 12 per Iunco). Vista l'ottima stagione, la società granata decide di esercitare il diritto di riscatto per la comproprietà verso i giuliani, e il 25 giugno 2010 acquista metà cartellino del giocatore.[7]

Atalanta e PadovaModifica

L'8 luglio 2010 diventa un giocatore dell'Atalanta.[8] Segna il primo gol con la casacca nerazzurra il 14 agosto, in Coppa Italia contro il Foligno, nella prima uscita stagionale ufficiale della squadra.[9] Per la prima rete in campionato si deve aspettare quasi due mesi, più precisamente alla settima giornata, quando segna il gol del momentaneo 1-0 contro il Sassuolo.[10] Nonostante il ritorno al gol, il giocatore non riesce a riconfermarsi sui buoni livelli della stagione passata e, a causa anche di un infortunio, perde terreno nelle gerarchie dell'attacco orobico.

Per trovare continuità, il 27 gennaio 2011 passa al Padova alla ricerca di un attaccante dopo l'infortunio di Succi;[11] la formula è quella del prestito con diritto di riscatto per la comproprietà.[12] Debutta il 29 gennaio nella partita contro il Modena. Il 19 marzo segna i primi gol con la maglia biancoscudata siglando una doppietta contro il Pescara.[13] Il 7 maggio segna il terzo e ultimo gol nella partita terminata 3-1 contro l'Ascoli, vinta appunto dai biancoscudati. Con la squadra patavina arriva fino alla finale play-off persa contro il Novara. A fine campionato dopo il mancato riscatto da parte del Padova torna all'Atalanta,[14] dove rimane per sei mesi senza tuttavia mai scendere in campo in gare ufficiali.

Modena e ChievoModifica

L'11 gennaio 2012 si trasferisce in prestito al Modena.[15] Segna il suo primo gol e la sua prima doppietta in gialloblù nella partita contro la sua ex squadra, il Cittadella, terminata 3-0. Il successivo 20 luglio viene confermato il prestito del giocatore al club emiliano anche per la stagione 2012-2013, con la formula del diritto di riscatto della metà e controriscatto.[16] Segna il suo primo gol stagionale l'11 agosto 2012 in Coppa Italia contro il Südtirol, partita terminata 2-0 in favore dei canarini. Il 6 ottobre sigla una tripletta nel 4-0 contro il Cesena. Chiude la sua seconda stagione a Modena con 23 reti (secondo in classifica marcatori, dietro solo a Daniele Cacia autore di una marcatura in più), 25 contando anche le due segnature in altrettante gare di Coppa Italia. Nel complessivo, nel suo anno e mezzo passato sotto la Ghirlandina ha realizzato 30 reti in 61 presenze.

Ritornato all'Atalanta, il 2 settembre 2013 viene ceduto al Chievo in prestito oneroso con diritto di riscatto di metà cartellino.[17] Debutta col club clivense il 25 settembre seguente nella partita Chievo-Juventus (1-2), subentrando nel secondo tempo a Paloschi. Segna il suo primo gol assoluto con la maglia gialloblù il 3 dicembre, realizzando il gol del momentaneo 3-1 nella partita del quarto turno di Coppa Italia vinta per 4-1 contro la Reggina.

Carpi, Spezia e PerugiaModifica

Il 23 gennaio 2014 passa in prestito al Carpi; segna il suo primo gol con la maglia della squadra emiliana il successivo 31 gennaio, in una partita vinta sul campo del Padova. Chiude la sua esperienza in biancorosso con 17 presenze e 4 gol. Il 9 agosto seguente si trasferisce sempre in prestito allo Spezia, con diritto di riscatto fissato a 2 milioni di euro; dopo aver giocato 10 partite (8 in campionato e 2 in Coppa Italia) senza mai segnare, il 2 febbraio 2015 il prestito viene interrotto anzitempo.

Ardemagni viene quindi ceduto, nella sessione di mercato invernale 2014-2015, ancora con la formula del prestito, al Perugia, sempre tra i cadetti, ritornando dopo otto anni a vestire la maglia biancorossa.[18] Fa il suo secondo esordio con la squadra umbra il 7 febbraio, giocando da titolare nella partita persa per 3-1 sul campo del Vicenza. Con 16 presenze e 6 reti aiuta i perugini a raggiungere i play-off, persi al turno preliminare contro il Pescara. Il 14 luglio seguente viene confermato il prestito ai grifoni, con obbligo di riscatto da parte della società umbra in caso di promozione in Serie A.[19]

Avellino e AscoliModifica

Tornato inizialmente in seno all'Atalanta nell'estate del 2016, il 31 agosto si trasferisce a titolo definitivo all'Avellino,[20] lasciando quindi definitivamente dopo sei anni il club orobico. Segna il suo primo gol per i biancoverdi il primo ottobre 2016, nella partita giocata al Partenio contro la Pro Vercelli, finita 3 a 2 per la compagine irpina. Il 21 gennaio 2017 mette a segno la sua prima doppietta in maglia biancoverde nella vittoriosa trasferta di Brescia, fissando il risultato sullo 0-2. Chiude la sua prima esperienza in maglia avellinese totalizzando 13 gol in 35 presenze, risultando tra i migliori giocatori irpini della stagione nonché primo marcatore della squadra.

In seguito al fallimento della società biancoverde, il 16 agosto 2018 viene ingaggiato dai pari categoria dell'Ascoli.[21] Debutta con i marchigiani il successivo 26 agosto, nel pareggio casalingo col Cosenza (1-1). Il 15 settembre realizza il primo gol con i bianconeri, che vale il successo casalingo sul Lecce (1-0).[22] Con il gol segnato nel 3-1 contro lo Spezia il 1º dicembre raggiunge quota 100 gol in Serie B. Nell'agosto 2019, dopo la partenza di Emanuele Padella, diventa il nuovo capitano della squadra marchigiana.[23]

StatisticheModifica

Presenze e reti nei clubModifica

Statistiche aggiornate al 10 agosto 2019.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2005-2006   Milan A 0 0 CI 1 0 UCL 0 0 - - - 1 0
2006-gen. 2007   Perugia C1 12 0 CI+CI-C 1+2 0 - - - - - - 15 0
gen.-giu. 2007   Pizzighettone C1 12+1[24] 0 CI-C 0 0 - - - - - - 13 0
2007-2008   Pro Patria C1 20+2[24] 2 CI-C 2 0 - - - - - - 24 2
2008-2009   Triestina B 25 1[25] CI 1 0 - - - - - - 26 1
2009-2010   Cittadella B 38+2[26] 22 CI 3 2 - - - - - - 43 24
2010-gen. 2011   Atalanta B 16 1 CI 1 1 - - - - - - 17 2
gen.-giu. 2011   Padova B 19+3[26] 3 CI 0 0 - - - - - - 22 3
2011-gen. 2012   Atalanta A 0 0 CI 0 0 - - - - - - 0 0
Totale Atalanta 16 1 1 1 - - - - 17 2
gen.-giu. 2012   Modena B 20 5 CI 0 0 - - - - - - 20 5
2012-2013 B 39 23 CI 2 2 - - - - - - 41 25
Totale Modena 59 28 2 2 - - - - 61 30
2013-gen. 2014   Chievo A 2 0 CI 1 1 - - - - - - 3 1
gen.-giu. 2014   Carpi B 16 4 CI 0 0 - - - - - - 16 4
2014-gen. 2015   Spezia B 8 0 CI 2 0 - - - - - - 10 0
gen.-giu. 2015   Perugia B 16+1[26] 6 CI 0 0 - - - - - - 17 6
2015-2016 B 36 11 CI 2 2 - - - - - 38 13
Totale Perugia 64+1 17 5 2 - - - - 70 19
2016-2017   Avellino B 35 13 CI 0 0 - - - - - - 35 13
2017-2018 B 33 7 CI 1 0 - - - - - - 34 7
Totale Avellino 68 20 1 0 - - - - 57 20
2018-2019   Ascoli B 18 8 CI 0 0 - - - - - - 18 8
2019-2020 B 0 0 CI 1 1 - - - - - - 1 1
Totale Ascoli 18 8 1 1 - - - - 19 9
Totale carriera 366+9 106 20 9 0 0 - - 395 115

NoteModifica

  1. ^ 13 (0) se si comprendono le presenze nei play-out di Serie C1 2006-2007.
  2. ^ 22 (2) se si comprendono le presenze nei play-out di Serie C1 2007-2008.
  3. ^ 40 (22) se si comprendono le presenze nei play-off di Serie B 2009-2010.
  4. ^ 22 (3) se si comprendono le presenze nei play-off di Serie B 2010-2011.
  5. ^ 53 (17) se si comprendono le presenze nei play-off di Serie B 2014-2015.
  6. ^ Ardemagni, un gol e tanto onore, su gazzettadimodena.gelocal.it, 8 aprile 2013.
  7. ^ Definite tutte le comproprietà, su ascittadella.it, 25 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 16 luglio 2011).
  8. ^ Ufficiale: Ardemagni ha firmato È nerazzurro. Contratto di 4 anni, su ecodibergamo.it, 8 luglio 2010. URL consultato l'8 luglio 2010 (archiviato dall'url originale l'11 luglio 2010).
  9. ^ Per Capelli gol di tacco, per Ardemagni gol con dedica [collegamento interrotto], su atalanta.it.
  10. ^ Matteo Ardemagni: "Finalmente è arrivato il gol" [collegamento interrotto], su atalanta.it.
  11. ^ Matteo Ardemagni in biancoscudato [collegamento interrotto], su padovacalcio.it, 27 gennaio 2011.
  12. ^ Padova, i fuochi d’artificio Il bomber sarà Ardemagni, su corrieredelveneto.corriere.it, 27 gennaio 2011.
  13. ^ Pescara-Padova 0-2 [collegamento interrotto], su padovacalcio.it, 19 gennaio 2011.
  14. ^ Succi, Di Gennaro, De Paula e Ardemagni se ne vanno: il Padova non li riscatta
  15. ^ Notizie dal Calciomercato, su modenafc.net, 11 gennaio 2012 (archiviato dall'url originale il 25 maggio 2012).
  16. ^ Il Modena compra e ora aspetta i soldi, su gazzettadimodena.gelocal.it, 20 luglio 2012.
  17. ^ Ufficiale: Matteo Ardemagni al Chievo Archiviato il 5 settembre 2013 in Internet Archive. ChievoVerona.it
  18. ^ Ardemagni è del Perugia, su acperugiacalcio.com, 2 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 3 febbraio 2015).
  19. ^ Ardemagni torna al Perugia!, su acperugiacalcio.com, 14 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2015).
  20. ^ Matteo Ardemagni è dell’Avellino, su usavellino.club, 31 agosto 2016.
  21. ^ Claudia Marrone, Ascoli, Ardemagni c'è: triennale per il bomber, su tuttomercatoweb.com, 16 agosto 2018.
  22. ^ Massimiliano Mariotti, Ascoli-Lecce 1-0, Ardemagni esalta il Del Duca, su ilrestodelcarlino.it, 15 settembre 2018.
  23. ^ Bruno Ferretti, Ardemagni: «È un onore essere capitano dell'Ascoli», su cronachepicene.it, 7 agosto 2019.
  24. ^ a b Play-out.
  25. ^ Alcune fonti gli attribuiscono 2 reti, assegnandogli anche la marcatura in Ancona-Triestina (2-1) del 20 dicembre 2008, seppur realizzata dal compagno di squadra R. Allegretti.
  26. ^ a b c Play-off.

Collegamenti esterniModifica