Matteo Rosso Orsini (1180-1246)

Matteo Orsini
Signore di Vicovaro
Stemma
Nome completo Matteo Rosso detto il grande
Altri titoli Signore di:
Monte
Marino
Monterotondo
Galera
Formello
Castel Sant'Angelo di Tivoli
Licenza
Roccagiovine
Cantalupo Bordella
Civitella
Porcile
Bomarzo
San Polo dei Cavalieri
Castelfoglia
Nascita 1180
Morte 13 ottobre 1246
Dinastia Orsini
Padre Giovanni [Giangaetano]
Madre Stefania Rubea
Coniugi Perna Caetani
Giovanna dell’Aquila
Gemma Monticelli
Figli Giovanni Gaetano
Mabilia
Giacomo
Ruggero
Giordano
Andreola
Mariola
Gentile
Giovannello
Rinaldo
Matteo
Napoleone
Religione cattolica

Matteo Rosso Orsini (118013 ottobre 1246) è stato un nobile italiano.

BiografiaModifica

Detto "il Grande", era figlio di Giovanni [Giangaetano][1] Orsini[2] († post 12.IV.1232) e di Stefania Rubea, da cui derivò il nome del figlio.

Signore di Monte, Mugnano, Marino, Monterotondo, Galera, Formello, Castel Sant'Angelo di Tivoli, Licenza, Roccagiovine, Cantalupo Bordella, Civitella, Porcile, Cantalupo Bordella, Vicovaro, Bonmarzo, San Polo e Castelfoglia, trasmise i titoli ai discendenti[3].

Nel 1234 fu podestà di Viterbo. Fu nominato senatore di Roma da papa Gregorio IX nel 1241. Combatté contro l'imperatore Federico II di Svevia, giunto a Grottaferrata ed intenzionato di impadronirsi di Roma.

Testò nel 1246 lasciando agli eredi un cospicuo patrimonio in case, torri, palazzi a Roma e vestì l'abito di terziario francescano.

DiscendenzaModifica

Matteo Rosso si sposò tre volte. Dal primo matrimonio con Perna Gaetani, ebbe nove figli:

Dal secondo matrimonio con Giovanna Dell'Aquila, ebbe tre figli:

Dall'ultimo matrimonio con Gemma di Oddone di Monticelli non è presente nessuna discendenza.

NoteModifica

  1. ^ “Giangaetano” dal cognome della madre.
  2. ^ Orsini = De filiis Ursi. Da Giangaetano in poi si perse gradualmente il cognome Bobone ed i suoi figli vennero definiti de domo filiorum Ursi da cui, per corruzione, si trasformò in Orsini.
  3. ^ Pompeo Litta, Famiglie celebri di Italia. Orsini di Roma, Torino, 1846.

BibliografiaModifica

  • Pompeo Litta, Famiglie celebri di Italia. Orsini di Roma, Torino, 1846.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN89675897