Maurice Duverger

giurista, politologo e politico francese

Maurice Duverger (Angoulême, 5 giugno 1917Parigi, 16 dicembre 2014[1]) è stato un giurista, politologo e politico francese, esperto di diritto pubblico e, in particolare, di diritto costituzionale.

Maurice Duverger

Europarlamentare
LegislaturaIII
Gruppo
parlamentare
Sinistra Unitaria Europea (1989-1993)
Partito Socialista Europeo (1993-1994)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politicoPartito Comunista Italiano (1989-1991)
Partito Democratico della Sinistra (1991-1994)
Titolo di studiodottorato di ricerca in diritto
UniversitàUniversità di Bordeaux

È stato uno dei più importanti politologi del XX secolo, ed è considerato il padre della scienze politiche in Francia;[2] è stato inoltre europarlamentare per il Partito Comunista Italiano.[2]

Biografia modifica

Iniziò la sua carriera di giurista all'Università di Bordeaux. Duverger ebbe un ruolo molto importante nelle scienze politiche, insegnò alla Sorbona e nel 1948 fondò la prima facoltà di scienze politiche di Bordeaux. Egli pubblicò molti libri e articoli su quotidiani e riviste, specialmente per il quotidiano francese Le Monde.

Cattolico, vicino al padre domenicano Jean-Augustin Maydieu (teorico del "laburismo cristiano"), fu da questi dissuaso dall'entrare nel democristiano Movimento Repubblicano Popolare.[3]

Dal 1946 iniziò a studiare sistemi elettorali e partiti politici, pubblicando nel 1951 il suo primo libro, Les partis politiques.[3]

Insieme al costituzionalista Georges Vedel, fu membro del Club Jean Moulin e un grande critico della debolezza della Quarta Repubblica francese.[3] Insieme, i due ipotizzarono un sistema elettorale che prevedeva l'elezione diretta del Primo ministro e di una Camera con maggioranza a lui legata; tale modello sarà poi da ispirazione, in Italia, per la legge sull'elezione dei sindaci (1993) e per la riforma dell'elezione dei presidenti di regione (tramite la legge Tatarella e la legge costituzionale 22 novembre 1999, n. 1).[3]

Iniziata la Quinta Repubblica, nel 1962 fece campagna per il "Sì" nel referendum sull'elezione diretta del Presidente della Repubblica.[3] Avvicinatosi al Partito Socialista, fu uno dei consiglieri più vicini a François Mitterrand.[3]

Alle elezioni europee del 1989 fu eletto europarlamentare italiano nella lista del Partito Comunista Italiano.[2]

Pensiero modifica

Caratteristica innovativa di Duverger è quella di non separare l'analisi giuridico-costituzionale da quella politica del sistema dei partiti.[3]

Inventò la teoria conosciuta come Legge di Duverger, descritta in diversi articoli pubblicati negli anni cinquanta e sessanta, la quale sostiene che un sistema maggioritario a turno unico tende al bipartitismo. Duverger analizzò e studiò il sistema politico francese e coniò il termine "semi-presidenzialismo".

Onorificenze modifica

Opere modifica

  • Les partis politiques, Parigi, A. Colin, 1951.
  • La participation des femmes à la vie politique, Parigi, UNESCO, 1955.
  • Les finances publiques (1956)
  • The French Political System, Chicago, University of Chicago press, 1958.
  • Méthodes de la science politique, Parigi, Presses universitaires de France, 1959.
  • De la dictadure (1961)
  • Méthodes de sciences sociales, Parigi, Presses universitaires de France, 1961.
    • I metodi delle scienze sociali, Milano, Edizioni di Comunità, 1963.
  • Introduction à la politique, Parigi, Gallimard, 1964, ISBN 2-07-032322-6.
  • Sociologie politique, Parigi, Presses universitaires de France, 1966.
  • The Idea of Politics. The Uses of Power in Society, Londra, Methuen & Co., 1966, ISBN 0-416-69430-6.
  • La démocratie sans les peuple, Parigi, Editions du Seuil, 1967.
    • La democrazia senza popolo, Bari, Dedalo, 1968.
  • Institutions politiques et Droit constitutionnel (1970)
  • Janus. Les deux faces de l'Occident, Parigi, Fayard, 1972.
    • Giano. Le due facce dell'Occidente, Milano, Edizioni di Comunità, 1976, ISBN 88-245-0016-1.
  • Sociologie de la politique. Elements de science politique, Parigi, Presses universitaires de France, 1973.
    • Sociologia della politica. Elementi di scienza politica, Milano, Sugarco, 1998, ISBN 88-7198-430-7.
  • Lettre ouverte aux socialistes, Parigi, Albin Michel, 1976, ISBN 2-226-00326-6.
  • L'autre côté des choses, Parigi, Albin Michel, 1977.
  • Echec au roi, Parigi, Albin Michel, 1978, ISBN 2-226-00580-3.
  • King's Mate (1978)
  • Les orangers du Lac Balaton, Parigi, Editions du Seuil, 1980, ISBN 2-02-005469-8.
  • (a cura di) Le concept d'empire, Parigi, Presses universitaires de France, 1980, ISBN 2-13-036327-X.
  • La République des citoyens, Parigi, Ramsay, 1982, ISBN 2-85956-311-3.
  • (a cura di) Dictatures et légitimité, Parigi, Presses universitaires de France, 1982, ISBN 2-13-037344-5.
  • Finances publiques, Parigi, Presses universitaires de France, 1984, ISBN 2-13-038421-8.
  • Le systeme politique francais, Parigi, Presses universitaires de France, 1985, ISBN 2-13-038980-5.
  • Breviare de la cohabitation, Parigi, Presses universitaires de France, 1986, ISBN 2-13-039638-0.
  • (a cura di) Les regimes semi-presidentiels, Parigi, Presses universitaires de France, 1986, ISBN 2-13-039343-8.
  • La cohabitation des français, Parigi, Presses universitaires de France, 1987, ISBN 2-13-041498-2.
  • La nostalgie de l'impuissance, Parigi, Albin Michel, 1988, ISBN 2-226-03491-9.
  • Maurice Duverger, Giovanni Sartori, Los sistemas electorales, San José, CAPEL, 1988, ISBN 997752033X.
  • Le lievre liberal et la tortue europeenne, Parigi, Albin Michel, 1990, ISBN 2-226-03957-0.
  • Europe des hommes. Une metamorphose inachevee, Parigi, Editions Odile Jacob, 1994, ISBN 2-7381-0262-X.
  • L'Europe dans tous ses etats, Parigi, Presses universitaires de France, 1995, ISBN 2-13-046892-6.

Note modifica

  1. ^ (FR) Duverger Maurice Louis Georges, su deces.matchid.io. URL consultato il 26 ottobre 2021.
  2. ^ a b c È morto Maurice Duverger, padre della politologia francese, Europa, 22 dicembre 2014. URL consultato il 23 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 23 dicembre 2014).
  3. ^ a b c d e f g Stefano Ceccanti, Italia, democrazia incompiuta, Europa, 19 agosto 2013. URL consultato il 23 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 24 dicembre 2014).

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN68928573 · ISNI (EN0000 0001 2137 9580 · SBN CFIV026727 · LCCN (ENn50028764 · GND (DE142891835 · BNE (ESXX1039513 (data) · BNF (FRcb11901480p (data) · J9U (ENHE987007311733405171 · NDL (ENJA00438487 · CONOR.SI (SL14513251