Apri il menu principale

Mauricio Soria

calciatore boliviano
Mauricio Soria
Nazionalità Bolivia Bolivia
Altezza 180 cm
Peso 76 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex Portiere)
Ritirato 2005 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1984-1987 Aurora 38 (-?)
1987-1988 The Strongest 31 (-?)
1988 Aurora 16 (-?)
1989 Always Ready 27 (-?)
1990 Destroyers 20 (-?)
1991 Oriente Petrolero 2 (-?)
1992-1993 Destroyers 42 (-?)
1994-1996 Bolívar 34 (-?)
1997-2002 Wilstermann 164 (-?; 5)
2002-2004 The Strongest 49 (-?)
2005 Aurora ? (-?)
Nazionale
1990-2002 Bolivia Bolivia 23 (-16+)
Carriera da allenatore
2006-2007 Wilstermann
2007-2008 Real Potosí
2011-2012 The Strongest
2012 Wilstermann
2013 Real Potosí
2013-2014 Blooming
2014 Bolivia Bolivia
2015 Bolivia Bolivia
2016 The Strongest
2016 Blooming
2017-2018 Bolivia Bolivia
Palmarès
Coppa America calcio.svg Copa América
Argento Bolivia 1997
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Mauricio Ronald Soria Portillo (Cochabamba, 1º giugno 1966) è un allenatore di calcio ed ex calciatore boliviano.

Caratteristiche tecnicheModifica

Portiere dal buon senso della posizione, era in grado di dirigere con perizia la propria difesa; era anche dotato di pronti riflessi.[1]

CarrieraModifica

ClubModifica

Soria iniziò la propria carriera nell'Aurora della natia Cochabamba: inizialmente secondo portiere, divenne titolare a partire dalla Liga del Fútbol Profesional Boliviano 1985. Lasciò l'Aurora per il The Strongest nel 1987; una volta disputata la stagione con la società di La Paz fece ritorno al club di partenza. Nel 1989 giocò con l'Always Ready, mentre nel 1990 firmò per il Destroyers. Con la divisa della compagine di Santa Cruz de la Sierra ottenne la convocazione in Nazionale e il trasferimento all'Oriente Petrolero, ove trovò poco spazio, assommando due presenze nella stagione 1991. Tornò pertanto al Destroyers, stabilendosi come titolare: nel 1994 fu il Bolívar ad acquistarlo. Giunto nuovamente nella capitale, divise il ruolo di estremo difensore con il camerunese Thomas N'Kono, partecipando alle vittorie in campionato del 1994[2] e del 1996.[3] Nel 1997 lasciò i pali del Bolívar per accasarsi al Wilstermann. Nel club rossoblu rimase fino al 2002, ancora una volta come prima scelta nel proprio ruolo: nella seconda parte della sua carriera segnò anche cinque gol, sia su calcio di rigore [4] che su calcio di punizione.[5] Ceduto al The Strongest, con i gialloneri vinse entrambi i tornei nella stagione 2003. Si ritirò nel 2005, con la maglia dell'Aurora.

NazionaleModifica

Nel 1991 venne incluso nella lista per la Copa América.[6] In tale torneo non giocò alcun incontro,[6] così come nel corso della Copa América 1995.[7] Nel 1995 aveva esordito in Nazionale:[8] due anni dopo fu nuovamente chiamato per la Copa América; ancora una volta, la sua partecipazione si limitò alla panchina.[9] Nel 2000-2001 prese parte a sei partite delle qualificazioni al campionato mondiale di calcio 2002.

PalmarèsModifica

ClubModifica

Competizioni nazionaliModifica

Bolívar: 1994, 1996
Wilstermann: 2000
The Strongest: Apertura 2003, Clausura 2003

NoteModifica

  1. ^ (ES) Mauricio Soria, ccsports.8m.com. URL consultato il 1º ottobre 2011 (archiviato dall'url originale l'11 dicembre 2011).
  2. ^ (ES) Bolívar Campeón 1994, bolivia.com. URL consultato il 13 settembre 2011.
  3. ^ (ES) Bolívar Campeón 1996, bolivia.com. URL consultato il 13 settembre 2011.
  4. ^ (ES) Wilstermann vs Real Potosí, lfpb.com.bo. URL consultato il 13 settembre 2011 (archiviato dall'url originale l'11 dicembre 2011).
  5. ^ (ES) Wilstermann vs Oriente Petrolero, lfpb.com.bo. URL consultato il 13 settembre 2011 (archiviato dall'url originale l'11 dicembre 2011).
  6. ^ a b (EN) Copa América 1991, RSSSF. URL consultato il 13 settembre 2011.
  7. ^ (EN) Copa América 1995, RSSSF. URL consultato il 13 settembre 2011.
  8. ^ (EN) Bolivia - Record International Players, RSSSF. URL consultato il 27 agosto 2011.
  9. ^ (EN) Copa América 1997, RSSSF. URL consultato il 13 settembre 2011.

Collegamenti esterniModifica