Apri il menu principale

Maurizio de Vito Piscicelli

militare italiano
(Reindirizzamento da Maurizio De Vito Piscicelli)
Maurizio de Vito Piscicelli
Maurizio De Vito Piscicelli (busto).jpg
Busto di Maurizio de Vito Piscicelli
NascitaNapoli, 25 marzo 1871
MorteKamno alto (Slovenia), 24 ottobre 1917
Cause della mortecaduto in combattimento
Dati militari
Paese servitoItalia Italia
Forza armataRegio esercito
GradoTenente colonnello
GuerreGuerra Greco-Turca, Guerra Italo-Turca, Prima guerra mondiale
Decorazionivedi qui
Studi militariScuola Militare Nunziatella
Regia Accademia Militare di Torino
PubblicazioniNel paese dei Bango-Bango, Nella regione dei laghi equatoriali, Verso il Sole levante
voci di militari presenti su Wikipedia

Maurizio de Vito Piscicelli (Napoli, 25 marzo 1871Kamno Alto, 24 ottobre 1917) è stato un militare italiano, due volte Medaglia d'Argento, eroe e Medaglia d'Oro della Prima guerra mondiale. Viaggiatore ed esploratore.

BiografiaModifica

Maurizio Piscicelli nacque a Napoli nel 1871 da antica famiglia aristocratica, i de Vito Piscicelli, chiamati comunemente Piscicelli. Suo padre Agostino era stato decorato di medaglia d’argento per il suo valoroso comportamento nel 1866 a Custoza, dove si era battuto assieme a un gruppo di cavalieri napoletani volontari nelle Guide. La madre, Caterina Montalto dei Principi di Lequile, apparteneva a un’altra illustre famiglia del Regno.

Fu educato al Collegio militare della Nunziatella (1883-1887) e alla Accademia militare di Torino. da cui uscì sottotenente di artiglieria nel 1889, per poi fare il suo ingresso nel Reggimento Nizza Cavalleria l’anno successivo.[1][2][3]

Nel 1897, in occasione della guerra Greco-Turca, in cui l'Italia non era impegnata, chiese un periodo di aspettativa dal reggimento e si arruolò nella Legione Filoellenica, sotto lo pseudonimo di Montalto (il cognome di sua madre) , per battersi in difesa della Grecia.[4][1][2]

Riprese servizio per qualche tempo in patria, per poi accettare la proposta del Governo italiano di partecipare, per conto del Re del Belgio, alla organizzazione del Congo belga, dove operò per tre anni (1903 – 1906), lasciandone il racconto nel volume “Nel paese dei Bango-Bango”.[5]

Per l’esperienza acquisita in terra d’Africa, gli venne chiesto di preparare l’itinerario di viaggio e di organizzare le spedizioni della Duchessa Elena d’Aosta, di cui, negli intervalli della attività militare, sarebbe stato guida e accompagnatore tra il 1907 e il 1914. Oltre all’Africa (Egitto, Rhodesia, Tanganika, Ruanda, Congo), i suoi viaggi si estesero al Sud Est asiatico (Borneo, Giava, Ceylon, Siam, Celebes, Siam, Cambogia), all'India e all’Australia.[6][7][8]

Appassionato cultore di studi naturalistici, era socio della Società Geografica Italiana, che ragguagliava con le sue relazioni, arricchite da copiosa documentazione fotografica.[9] Le sue ricerche furono pubblicate in due volumi “Nella regione dei laghi equatoriali” e “Verso il sole levante”.[10][11]

A partire dall'ottobre 1911 partecipò alla campagna di Libia come ufficiale nel Reggimento Cavalleggeri di Lodi. Venne incaricato di costituire i reparti di cavalleria indigena ed assunse il comando di uno squadrone di Savari. Nella battaglia delle Due Palme, presso Bengasi, il 12 marzo 1912, si segnalò per il valoroso comportamento e venne decorato di Medaglia d’argento. Il 30 agosto dello stesso anno, nella battaglia di Misurata, fu ferito in combattimento dapprima a un braccio e poi gravemente a una gamba, mantenendo tuttavia il comando sino all'arrivo dei rinforzi. In seguito all'episodio venne insignito di una seconda Medaglia d’argento.[4][1][2]

Allo scoppio della Prima guerra mondiale, riprese servizio nel reggimento dei Lancieri d’Aosta e fu promosso maggiore.

Nel 1916 sposò Margherita Perrone di San Martino, di antica famiglia arduinica piemontese, da cui avrebbe avuto postumo un figlio, Giannello, che morì in giovane età.

Quando l’arma di cavalleria, per le necessità della guerra, rimase inoperosa, chiese ed ottenne di prendere parte attiva ai combattimenti. Gli venne così affidato, con il grado di tenente colonnello, il comando di un battaglione nel 147º Reggimento fanteria “Caltanissetta”, dislocato a Kamno Alto.[1][2]

Al comando del suo battaglione sostenne l’urto iniziale della offensiva austro-germanica di Caporetto e nella notte del 24 ottobre 1917 cadde alla testa dei suoi uomini, decorato della Medaglia d’oro.[4][1][2][12]

OnorificenzeModifica

  Medaglia d'oro al valor militare
«Con alto spirito militare, per maggiormente giovare alla causa della Patria, volle assumere il comando di un battaglione di fanteria cui dette ognora il più fulgido esempio di abnegazione e di devozione al dovere. Nelle tragiche ore di una disperata resistenza, unendo alla sagacia del comandante le virtù dell'eroe, sostenne alla testa del proprio reparto il violento cozzo di preponderanti masse nemiche; circondato ed invitato alla resa, rispose intensificando il fuoco delle mitragliatrici rimastegli, deciso all'estremo olocausto. Colpito a morte, cadde abbracciato a un'arma, ed il suo ultimo grido di "Viva l'Italia" lanciato ai sopraggiungenti avversari mostrò ad essi come sanno morire, pur nell'avversa fortuna, i soldati d'Italia.»
— Kamno Alto, 24 ottobre 1917.
— Bollettino Ufficiale, dispensa 54a del 1921
  Medaglia d'argento al valor militare
«Si comportò molto valorosamente al comando dello squadrone di savari nel combattimento delle Due Palme (12 marzo 1912). Aveva già dato prova di molto coraggio in un conflitto fra carabinieri e contrabbandieri, gettandosi poi in mare per salvare un carabiniere pericolante.»
  Medaglia d'argento al valor militare
«Ferito nel combattimento di Qabara Ruidat (30 agosto 1912), proseguiva arditamente con il proprio squadrone dei savari contro il nemico finché cadde ferito una seconda volta.»

IntitolazioniModifica

- Cimitero Piscicelli a Kamno (Camina), odierna Slovenia, dove si svolse il combattimento in cui cadde

- Via Maurizio de Vito Piscicelli a Napoli

- Scuola primaria e dell'infanzia "M. de Vito Piscicelli"[13] a Napoli

NoteModifica

  1. ^ a b c d e Errardo di Aichelburg, Medaglie d’Oro, Secondo Volume, Bergamo, Società anonima A. Savoldi.
  2. ^ a b c d e Tomaso Ricardi di Netro, Le Medaglie d'oro della Prima Guerra Mondiale appartenenti alla nobiltà, in Rivista del Collegio Araldico (Roma, Collegio Araldico), Dicembre 2017.
  3. ^ Alessandro Ortis, Maurizio de Vito Piscicelli, in Rosso Maniero Nunziatella - Organo ufficiale dell'Associazione Nazionale Ex Allievi della Nunziatella, Anno XII - Marzo 2017, nº 1.
  4. ^ a b c Ministero della Guerra - Comando del Corpo di Stato Maggiore - Ufficio Storico, Guerra Italo - Austriaca MCMXV - MCMXVII - Le Medaglie d'Oro - Volume Terzo - 1917, Roma, Provveditorato Generale dello Stato - Libreria, 1927.
  5. ^ Maurizio Piscicelli, Nel paese dei Bango-Bango, Napoli, Libreria Detken & Rocholl, 1909.
  6. ^ Elena d'Aosta, Viaggi in Africa, Fratelli Treves, 1913.
  7. ^ Edward Hanson, The Wandering Princess, Fonthill, 2017.
  8. ^ List of Manifest of Alien Passengers, S.S. Santa Marta, sailing from Colon R.P. - Arrival June 05, 1914 - The Statue of Liberty Ellis Island Foundation
  9. ^ Collezione Piscicelli presso la Società Geografica Italiana, su archiviofotografico.societageografica.it. URL consultato il 26/09/2018.
  10. ^ Maurizio Piscicelli, Nella regione dei laghi equatoriali, Pierro, 1913 - 1914.
  11. ^ Maurizio Piscicelli, Verso il sole levante, Roma, Reale Società Geografica, 1916.
  12. ^ Alunni del Circolo Didattico Maurizio de Vito Piscicelli, Maria Scialò e Gianpaola Costabile, Piscicelli: uno di noi, su youtube.com. URL consultato il 25/09/2018.
  13. ^ Scuola primaria e dell'infanzia "M. de Vito Piscicelli", su 55piscicelli.gov.it. URL consultato il 06/11/2018 (archiviato dall'url originale il 6 novembre 2018).

Voci correlateModifica