Apri il menu principale

Mausoleo Schilizzi

Mausoleo Schilizzi
Mausoleo Schilizzi Napoli.jpg
Esterno
StatoItalia Italia
RegioneCampania
LocalitàNapoli
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
Arcidiocesi Napoli
Stile architettoniconeoegizio
Inizio costruzioneXIX secolo

Coordinate: 40°48′19.33″N 14°12′07.03″E / 40.80537°N 14.201954°E40.80537; 14.201954

La cupola vista da piazza Salvatore Di Giacomo

Il mausoleo Schilizzi (conosciuto anche come mausoleo di Posillipo o ara votiva per i caduti della patria) è un monumento funebre dedicato ai caduti della prima guerra mondiale di Napoli.

StoriaModifica

Sorse nel quartiere Posillipo tra il 1881 ed il 1889 e rappresenta uno dei più interessanti esempi di architettura neoegizia italiana.

Progettato e costruito dall'architetto Alfonso Guerra su commissione di Matteo Schilizzi (un banchiere livornese trasferitosi a Napoli che intendeva ospitarvi le tombe dei suoi familiari), fu acquistato dal comune nel 1921 e adibito a reliquiario per le salme dei caduti della "Grande Guerra" (ivi trasferite nel 1929 dal cimitero di Poggioreale). L'architetto, nella sua opera, ha fuso vari elementi, ispirandosi ai più svariati repertori, come è testimoniato anche dalla pianta della chiesa a tre navate. Attualmente ospita anche i caduti della seconda guerra mondiale, compresi quelli delle quattro giornate di Napoli.

Furono in seguito compiuti lavori di adattamento per opera di Camillo Guerra e posizionate le cariatidi per opera di Giambattista Amendola.

Galleria d'immaginiModifica

BibliografiaModifica

  • Touring Ed., Napoli, Guide rosse 2007, Codice EAN 9788836543441 (riconoscimento anche da parte del ministero per i beni e le attività culturali)
  • Achille della Ragione, Il mausoleo Schilizzi, una potenziale attrazione turistica, Napoli 2015

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica