Maximilian Schell

attore austriaco

Maximilian Schell (Vienna, 8 dicembre 1930Innsbruck, 1º febbraio 2014) è stato un attore e regista austriaco con cittadinanza svizzera[1], vincitore nel 1962 del premio Oscar al miglior attore per la sua interpretazione nel film Vincitori e vinti (1961).

Maximilian Schell nel 1970
Statuetta dell'Oscar Oscar al miglior attore 1962

Biografia

modifica

Maximilian Schell nacque a Vienna, in Austria, figlio di Margarethe Noé von Nordberg, un'attrice, e di Hermann Ferdinand Schell, poeta svizzero e proprietario di una farmacia[2][3]. I suoi genitori erano entrambi cattolici[3]. La famiglia Schell lasciò Vienna nel 1938 per "fuggire da Hitler" dopo l'Anschluss, quando l'Austria fu annessa alla Germania Nazista. Si stabilirono a Zurigo, in Svizzera[4]. A Zurigo, Schell crebbe leggendo i classici e all'età di dieci anni scrisse la sua prima opera teatrale[3]. In seguito frequentò per un anno l'Università di Zurigo, nella quale giocava a calcio e scriveva per il giornalino dell'ateneo.

Alla fine della Seconda guerra mondiale fece ritorno in Germania, dove si iscrisse all'Università di Monaco e studiò filosofia e storia dell'arte. Schell tornò poi a Zurigo, dove servì per un anno nell'esercito svizzero. Si riscrisse all'Università di Zurigo per poi passare all'Università di Basilea, dove studiò per sei mesi. Durante questo periodo, iniziò a recitare in alcune opere teatrali al Theater Basel e decise di intraprendere la carriera di attore[5]. La sorella maggiore, Maria Schell, era anch'essa un'attrice. Essi avevano altri due fratelli: Carl e Immy (Immaculata) Schell.

Schell debuttò come attore cinematografico nel 1955 nel film All'est si muore. Successivamente recitò in altri sette film prima di recarsi negli Stati Uniti[6]. Nel 1958 venne invitato negli Stati Uniti per recitare a Broadway nell'opera teatrale Interlock, di Ira Levin[7]. Fece il suo debutto a Hollywood nel film bellico I giovani leoni (1958), nel quale recitavano anche Marlon Brando e Montgomery Clift.

Nel 1960 ritornò in Germania dove interpretò il ruolo di Amleto nel film televisivo Amleto. Insieme a Laurence Olivier, Schell è considerato "uno dei migliori Amleto della storia"[8]. È stato diretto da molti grandi registi fra cui Vittorio De Sica, Fred Zinnemann, Sam Peckinpah e, in uno spettacolo teatrale, da Robert Altman. Nel 1962 vinse il premio Oscar al miglior attore protagonista per la sua interpretazione nel film Vincitori e vinti. Divenne così famoso in tutto il mondo, ottenendo ruoli sia per il cinema che per la televisione. Fu candidato altre due volte: nel 1976 di nuovo come protagonista per The Man in the Glass Booth (e nello stesso anno prese parte al film Candidato all'obitorio), nel 1978 come miglior attore non protagonista per Giulia. Nel 1979 partecipò al film Amo non amo. Collaborò anche col maestro Leonard Bernstein per il programma tv musicale Bernstein/Beethoven, in cui Bernstein presentava tutte le maggiori composizioni del compositore tedesco e Schell lo interpretava di persona.

Schell morì a Innsbruck il 1º febbraio 2014 all'età di 83 anni per una polmonite[9][10]. È sepolto nel cimitero Zentralfriedhof di Vienna, accanto alla sorella Maria.

Vita privata

modifica

Padrino di Angelina Jolie, nel 1986 si sposò con Natal'ja Eduardovna Andrejčenko, conosciuta sul set della miniserie tv Pietro il Grande, da cui ebbe una figlia, Nastassja nel 1989 e da cui divorziò nel 2005.

Il 20 agosto 2013 convolò nuovamente a nozze con la cantante Iva Mihanovic; i due rimasero insieme per solo cinque mesi, fino alla morte di lui, nel febbraio 2014.[senza fonte]

Filmografia

modifica
 
Maximilian Schell nel 2006
 
Maximilian Schell con la sorella, l'attrice Maria Schell.

Televisione

modifica

Cortometraggi

modifica
  • Letters of Mozart - Briefe Mozarts (1964)
  • The Song of the Lark (1997)

Regista

modifica

Sceneggiatore

modifica

Produttore

modifica

Produttore esecutivo

modifica
  • Meine Schwester Maria (2002) Documentario

Doppiaggio

modifica

Riconoscimenti

modifica

Doppiatori italiani

modifica

Nel film Quell'ultimo ponte è lasciato in lingua originale.

Onorificenze

modifica

Onorificenze austriache

modifica

Onorificenze straniere

modifica
  1. ^ più precisamente di doppia cittadinanza, vedi biografia
  2. ^ Maximillian Schell Film Reference biography
  3. ^ a b c Ross, Lillian and Helen. The Player: A Profile of an Art, Simon & Schuster (1961) pp. 231-239
  4. ^ "Artists of Holocaust Symphony: 'The Train'" Archiviato il 10 aprile 2019 in Internet Archive., Nov. 22, 2004
  5. ^ Maximillian Schell bio at Yahoo! Movies
  6. ^ Monush, Barry. The Encyclopedia of Hollywood Film Actors, Applause Theatre and Cinema Books (2003) pp. 666-667
  7. ^ Interlock, Playbill, Feb. 6, 1958
  8. ^ "Maximilian Schell: The Actor of the Millennium" Archiviato il 2 febbraio 2014 in Internet Archive., Bohème Magazine Online, 2003
  9. ^ Addio a Maximilian Schell, Oscar per "Vincitori e Vinti", su repubblica.it, 1º febbraio 2014. URL consultato il 22 marzo 2014.
  10. ^ Oscar-Winning Actor Maximilian Schell Dies at 83, in Associated Press in the New York Times, 1º febbraio 2014. URL consultato il 1º febbraio 2014.
    «Schell's agent, Patricia Baumbauer, said Saturday he died overnight at a hospital in Innsbruck following a "sudden and serious illness," the Austria Press Agency reported.»
  11. ^ Shakespeare sul «primo canale». Ha il volto di Max e la voce di Bosetti, in Stampa Sera, 22 gennaio 1965, p. 9.
  12. ^ Teatro 1965-1966, su teche.rai.it. URL consultato il 29 dicembre 2023.

Altri progetti

modifica

Collegamenti esterni

modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN19866935 · ISNI (EN0000 0000 8099 173X · LCCN (ENn86025468 · GND (DE119528967 · BNE (ESXX1366404 (data) · BNF (FRcb13899472z (data) · J9U (ENHE987007426266005171 · CONOR.SI (SL35161443