Apri il menu principale

Medhi Benatia

calciatore marocchino
Medhi Benatia
Medhi Benatia.jpg
Benatia in azione con la nazionale marocchina al campionato del mondo 2018
Nazionalità Francia Francia
Marocco Marocco (dal 2003)
Altezza 189 cm
Peso 94 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Squadra Al-Duhail
Carriera
Giovanili
2000-2002INF Clairefontaine
2002-2003Guingamp
2003-2006Olympique Marsiglia
Squadre di club1
2004-2006Olympique Marsiglia 212 (0)
2006-2007Tours29 (0)
2007-2008Lorient0 (0)
2008-2010Clermont Foot57 (2)
2010-2013Udinese80 (6)
2013-2014Roma33 (5)
2014-2016Bayern Monaco29 (2)
2016-2019Juventus40 (3)
2019-Al-Duhail7 (1)
Nazionale
2003-2004Francia Francia U-177 (0)
2003-2004Marocco Marocco U-171 (0)
2005-2007Marocco Marocco U-204 (0)
2008-2019Marocco Marocco66 (2)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 4 ottobre 2019

Medhi Amine Benatia El Moutaqui (in arabo: المهدي أمين بن عطية المتقي‎; Courcouronnes, 17 aprile 1987) è un calciatore francese naturalizzato marocchino, difensore dell'Al-Duhail.

BiografiaModifica

Benatia è nato in Francia a Courcouronnes da padre marocchino e madre francese di origine algerina.[1]

Caratteristiche tecnicheModifica

Di ruolo difensore centrale, è dotato di un'ottima personalità, oltre a essere elegante nei movimenti,[1] veloce, atletico, aggressivo in marcatura e abile nei contrasti, in tackle, negli anticipi[2] e nell'intercettare palloni grazie alla sua ottima lettura del gioco offensivo degli avversari.[1][2] La sua forza fisica gli consente di essere bravo anche nei colpi di testa.[1][2]

CarrieraModifica

ClubModifica

Gli iniziModifica

Benatia muove i primi passi da calciatore nell'Évry e nel Créteil-Lusitanos, prima di entrare nella prestigiosa accademia di INF Clairefontaine.

Decide di entrare nel settore giovanile dell'Olympique Marsiglia, dove rimane per più di quattro anni. Con lo scopo di fare esperienza, nel 2006 viene dato in prestito dapprima al Tours, dove disputa 29 partite, e nella stagione successiva al Lorient, dove tuttavia non scende mai in campo a causa di un grave infortunio al ginocchio.

Clermont e UdineseModifica

Tornato a Marsiglia, non trova spazio nella squadra, sicché nel giugno 2008 accetta il trasferimento a titolo definitivo al Clermont Foot, club di Ligue 2. Qui riesce a trovare continuità di rendimento, e le sue prestazioni iniziano a destare l'interesse di vari club europei. Nel gennaio 2010 viene acquistato dagli italiani dell'Udinese per 500.000 euro,[3] i quali decidono di farlo rimanere in prestito a Clermont sino a fine stagione.

 
Benatia in allenamento all'Udinese nel 2011.

Nell'estate seguente inizia l'esperienza a Udine, esordendo in bianconero l'11 settembre 2010 nella sconfitta 1-2 al Meazza contro l'Inter. Alla sesta giornata di campionato, il successivo 2 ottobre allo stadio Friuli contro il Cesena, segna al 92' il suo primo gol con la maglia friulana, che vale la vittoria 1-0 e pone fine a una striscia negativa dell'Udinese.[4] All'ottava giornata, contro il Palermo, sigla la sua seconda rete stagionale, aprendo le marcature nel vittorioso 2-1 finale. Ritorna al gol il 13 marzo 2011, alla ventinovesima giornata, quando realizza il gol del vantaggio bianconero sul Cagliari nella trasferta del Sant'Elia poi vinta 4-0 dai friulani. L'Udinese termina la stagione al quarto posto della Serie A, accedendo ai preliminari di Champions League, piazzamento cui Benatia contribuisce con 34 partite e 3 gol.

Nella stagione successiva, iniziata con l'eliminazione dalla Champions League e il ripescaggio in Europa League, realizza un'unica rete in campionato nella partita del 2 ottobre 2011 vinta 2-0 sul Bologna. Il 20 dello stesso mese sigla il suo primo gol nelle competizioni europee, nella vittoria 2-0 sugli spagnoli dell'Atlético Madrid (poi vincitore dell'edizione) valida per la fase a gironi di Europa League. Termina la stagione con un totale di 38 presenze e 2 gol che aiutano l'Udinese a raggiungere la quinta posizione della classifica, accedendo ai preliminari di Europa League.

Roma e Bayern MonacoModifica

Nel luglio 2013 la Roma preleva il difensore dall'Udinese per 13,5 milioni di euro (comprensivi delle cessioni in comproprietà verso Udine dei calciatori Valerio Verre e Nico Lopez, rispettivamente per 2,5 e 1 milione).[5] Debutta coi giallorossi il successivo 25 agosto, nella vittoriosa trasferta di campionato sul campo del Livorno (2-0).[6] Il 25 settembre, nella gara esterna contro la Sampdoria vinta 2-0, segna la sua prima rete con la maglia dei capitolini.[7] In questo inizio di stagione a Roma, contribuisce alla striscia-record di 10 successi consecutivi in Serie A, raggiunta dai giallorossi dopo la vittoria casalinga sul Chievo del 31 ottobre 2013. Il successivo 16 novembre entra nella lista dei 25 candidati al titolo di calciatore africano dell'anno, insieme al compagno di squadra Gervinho,[8] dove viene inserito nella Top 11 continentale.[9] Il 22 dicembre realizza al Catania una doppietta, in una partita finita 4-0 per i giallorossi.[10] La positiva e unica stagione a Roma, conclusasi con 37 presenze e 5 reti, gli vale l'inserimento nell'ESM Team of the Year.

 
Benatia con la maglia del Bayern Monaco nel 2014.

Nell'agosto 2014 viene acquistato dai tedeschi del Bayern Monaco per 26 milioni di euro (più 4 di bonus).[11] In Baviera vince per due volte il campionato tedesco, cui si aggiunge nella stagione 2015-2016 la Coppa di Germania, i primi trofei della carriera per il franco-marocchino;[1] tuttavia non riesce a imporsi come titolare,[12] sia per qualche infortunio di troppo,[1][13] sia per la mancata fiducia accordatagli dall'allenatore Josep Guardiola,[12] il tutto sommato anche a problemi di ambientamento in Germania.[1][13] L'arrivo in rosa di Mats Hummels nell'estate 2016, di fatto preclude ulteriori spazi a Benatia, il quale lascia i Roten dopo due stagioni.[12]

Juventus e Al-DuhailModifica

Nel luglio 2016, a fronte di un esborso di 3 milioni di euro, il giocatore torna in Italia approdando in prestito alla Juventus.[14] Primo marocchino nella storia dei torinesi, esordisce in maglia bianconera il successivo 27 agosto, nella vittoriosa trasferta di campionato contro la Lazio (1-0).[15] Il 10 marzo 2017 segna il suo primo gol juventino in Serie A, nella classica vinta per 2-1 contro il Milan allo Juventus Stadium.[16] Frattanto il 12 maggio seguente il club torinese riscatta il cartellino del giocatore dal Bayern Monaco per 17 milioni di euro.[17] Tra il 17 e il 21 maggio, dapprima vince la sua prima Coppa Italia superando in finale la Lazio (2-0), e poi conquista il suo primo scudetto grazie alla vittoria casalinga contro il Crotone (3-0). Il 3 giugno partecipa inoltre alla sua prima finale di Champions League (senza tuttavia scendere in campo), poi persa dai bianconeri contro il Real Madrid (1-4).

Dopo una stagione d'esordio globalmente positiva, ma che non lo vede tra gli inamovibili della squadra sia per la concorrenza nel ruolo, sia perché frenato da una serie di guai fisici, nell'annata seguente la sopravvenuta cessione di Leonardo Bonucci apre al marocchino maggiori spazi al centro della difesa bianconera.[18] Il posto da titolare lo ottiene principalmente in novembre a seguito dalla sfida (persa 3-2) contro la Sampdoria.[2] Al termine di una stagione che lo vede tra i punti fermi dell'undici titolare bianconero, bissa la conquista dello scudetto;[19] infine il 9 maggio 2018, realizzando una doppietta, è tra i protagonisti della vittoriosa finale di Coppa Italia contro i rivali del Milan (4-0).[20]

Questo favorevole periodo va tuttavia a interrompersi nell'estate 2018, quando il ritorno a Torino di Bonucci relega nuovamente Benatia tra le seconde linee.[21] Demotivato per le scarse possibilità d'impiego,[22] nonché spinto da ragioni extrasportive,[23] nel gennaio 2019 chiede e ottiene la cessione a titolo definitivo ai qatarioti dell'Al-Duhail, che lo acquistano per 8 milioni di euro (più bonus).[24]

NazionaleModifica

Ha iniziato a giocare per la nazionale giovanile francese (Under-17), dove ha disputato qualche partita. Successivamente gioca nelle varie nazionali giovanili marocchine, mentre il 19 novembre 2008 fa il suo debutto con la nazionale maggiore, giocando in un'amichevole contro lo Zambia. Il 4 giugno 2011 segna il suo primo gol internazionale nella partita contro l'Algeria. Dal 2013 si alterna la fascia di capitano dei marocchini assieme al Houssine Kharja, mentre dal 2015 diventa ufficialmente il capitano dei Leoni dell'Atlante.

Il 15 marzo 2017 annuncia il temporaneo ritiro dalla rappresentativa marocchina a causa dello scarso impiego con la sua squadra di club, fatto che non riuscirebbe a garantirgli la giusta competitività;[25] torna in nazionale nel successivo settembre,[26] ed è poi convocato per il campionato del mondo 2018[27] in Russia (a cui il Marocco si qualifica anche grazie a un suo goal nello scontro diretto vinto 2-0 in trasferta contro la Costa d'Avorio),[28] dove disputa le prime due partite del Marocco, eliminato al primo turno con un pareggio e due sconfitte.

Successivamente disputa la Coppa d'Africa 2019,[29] in cui scende in campo in 2 partite della Nazionale eliminata agli ottavi. Il 2 ottobre 2019, dopo 66 partite con 2 reti segnate all'attivo, decide di lasciare la Nazionale.[30]

StatisticheModifica

Presenze e reti nei clubModifica

Statistiche aggiornate al 28 gennaio 2019.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2006-2007   Tours L2 29 0 CF+CdL 0+1 0 - - - - - - 30 0
2007-2008   Lorient L1 0 0 CF+CdL 0+1 0 - - - - - - 1 0
2008-2009   Clermont Foot L2 27 1 CF+CdL 1+0 0 - - - - - - 28 1
2009-2010 L2 30 1 CF+CdL 0+2 0 - - - - - - 32 1
Totale Clermont 57 2 3 0 0 0 - - 60 2
2010-2011   Udinese A 34 3 CI 0 0 - - - - - - 34 3
2011-2012 A 27 1 CI 0 0 UCL+UEL 2[31]+9 0+1 - - - 38 2
2012-2013 A 19 2 CI 0 0 UCL+UEL 2[31]+4 0 - - - 25 2
Totale Udinese 80 6 0 0 17 1 - - 97 7
2013-2014   Roma A 33 5 CI 4 0 - - - - - - 37 5
2014-2015   Bayern Monaco BL 15 1 CG 2 0 UCL 7 1 SG 0 0 24 2
2015-2016 BL 14 1 CG 1 0 UCL 6 0 SG 1 0 22 1
Totale Bayern Monaco 29 2 3 0 13 1 1 0 46 3
2016-2017   Juventus A 15 1 CI 1 0 UCL 5 0 SI 0 0 21 1
2017-2018 A 20 2 CI 3 2 UCL 8 0 SI 1 0 32 4
2018-gen. 2019 A 5 0 CI 0 0 UCL 1 0 SI 0 0 6 0
Totale Juventus 40 3 4 2 14 0 1 0 59 5
gen.-giu. 2019   Al-Duhail QSL 7 1 EQC 0 0 ACL 0 0 - - - 7 1
Totale carriera 269 18 15 2 44 2 2 0 330 22

Cronologia presenze e reti in nazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Marocco
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
19-11-2008 Casablanca Marocco   3 – 0   Zambia Amichevole -   46’
31-3-2009 Lisbona Angola   0 – 2   Marocco Amichevole -
7-6-2009 Yaoundé Camerun   0 – 0   Marocco Qual. Mondiali 2010 -
20-6-2009 Rabat Marocco   0 – 0   Togo Qual. Mondiali 2010 -
12-8-2009 Rabat Marocco   1 – 1   Rep. del Congo Amichevole -
6-9-2009 Lomé Togo   1 – 1   Marocco Qual. Mondiali 2010 -
10-10-2009 Libreville Gabon   3 – 1   Marocco Qual. Mondiali 2010 -
14-11-2009 Fes Marocco   0 – 2   Camerun Qual. Mondiali 2010 -   82’
11-8-2010 Rabat Marocco   0 – 0   Guinea Equatoriale Amichevole -
4-9-2010 Rabat Marocco   0 – 0   Rep. Centrafricana Qual. Coppa d'Africa 2012 -
9-10-2010 Dar es Salaam Tanzania   0 – 1   Marocco Qual. Coppa d'Africa 2012 -
17-11-2010 Belfast Irlanda del Nord   1 – 1   Marocco Amichevole -   78’
9-2-2011 Marrakech Marocco   3 – 0   Niger Amichevole -   55’   76’
27-3-2011 Annaba Algeria   1 – 0   Marocco Qual. Coppa d'Africa 2012 -
4-6-2011 Marrakech Marocco   4 – 0   Algeria Qual. Coppa d'Africa 2012 1
4-9-2011 Bangui Rep. Centrafricana   0 – 0   Marocco Qual. Coppa d'Africa 2012 -
9-10-2011 Marrakech Marocco   3 – 1   Tanzania Qual. Coppa d'Africa 2012 -
23-1-2012 Libreville Marocco   1 – 2   Tunisia Coppa d'Africa 2012 - 1º turno -   33’
27-1-2012 Libreville Gabon   3 – 2   Marocco Coppa d'Africa 2012 - 1º turno -   90+5’
29-2-2012 Marrakech Marocco   2 – 0   Burkina Faso Amichevole -
25-5-2012 Marrakech Marocco   0 – 1   Senegal Amichevole -
2-6-2012 Banjul Gambia   1 – 1   Marocco Qual. Mondiali 2014 -
9-6-2012 Marrakech Marocco   2 – 2   Costa d'Avorio Qual. Mondiali 2014 -
15-8-2012 Rabat Marocco   1 – 2   Guinea Amichevole -
13-10-2012 Marrakech Marocco   4 – 0   Mozambico Qual. Coppa d'Africa 2013 -
8-1-2013 Johannesburg Zambia   0 – 0   Marocco Amichevole -   46’
12-1-2013 Johannesburg Namibia   1 – 2   Marocco Amichevole -   34’   84’
19-1-2013 Johannesburg Angola   0 – 0   Marocco Coppa d'Africa 2013 - 1º Turno -   56’
23-1-2013 Durban Marocco   1 – 1   Capo Verde Coppa d'Africa 2013 - 1º Turno -
27-1-2013 Durban Marocco   2 – 2   Sudafrica Coppa d'Africa 2013 - 1º Turno -
14-8-2013 Tangeri Marocco   1 – 2   Burkina Faso Amichevole - cap.
11-10-2013 Agadir Marocco   1 – 1   Sudafrica Amichevole -   80’ cap.
23-5-2014 Faro Mozambico   0 – 4   Marocco Amichevole - cap.
9-10-2014 Marrakech Marocco   4 – 0   Rep. Centrafricana Amichevole -   70’ cap.
13-10-2014 Marrakech Marocco   3 – 0   Kenya Amichevole - cap.
13-11-2014 Agadir Marocco   6 – 1   Benin Amichevole - cap.
28-3-2015 Agadir Marocco   0 – 1   Uruguay Amichevole -
12-6-2015 Agadir Marocco   1 – 0   Libia Qual. Coppa d'Africa 2017 -
12-11-2015 Agadir Marocco   2 – 0   Guinea Equatoriale Qual. Mondiali 2018 - cap.
15-11-2015 Bata Guinea Equatoriale   1 – 0   Marocco Qual. Mondiali 2018 - cap.
27-5-2016 Tangeri Marocco   2 – 0   Rep. del Congo Amichevole - cap.
3-6-2016 Radès Libia   1 – 1   Marocco Qual. Coppa d'Africa 2017 - cap.
31-8-2016 Scutari Albania   0 – 0   Marocco Amichevole - cap.   64’
12-11-2016 Marrakech Marocco   0 – 0   Costa d'Avorio Qual. Mondiali 2018 - cap.
9-1-2017 al-Ayn Marocco   0 – 1   Finlandia Amichevole - cap.
16-1-2017 Oyem RD del Congo   1 – 0   Marocco Coppa d'Africa 2017 - 1º turno - cap.
20-1-2017 Oyem Marocco   3 – 1   Togo Coppa d'Africa 2017 - 1º turno - cap.
24-1-2017 Oyem Marocco   1 – 0   Costa d'Avorio Coppa d'Africa 2017 - 1º turno - cap.   30’
29-1-2017 Port-Gentil Egitto   1 – 0   Marocco Coppa d'Africa 2017 - Quarti di finale - cap.
1-9-2017 Rabat Marocco   6 – 0   Mali Qual. Mondiali 2018 - cap.
5-9-2017 Bamako Mali   0 – 0   Marocco Qual. Mondiali 2018 - cap.
7-10-2017 Casablanca Marocco   3 – 0   Gabon Qual. Mondiali 2018 - cap.
11-11-2017 Abidjan Costa d'Avorio   0 – 2   Marocco Qual. Mondiali 2018 1 cap.
23-3-2018 Torino Serbia   1 – 2   Marocco Amichevole - cap.
31-5-2018 Ginevra Marocco   0 – 0   Ucraina Amichevole - cap.   46’
4-6-2018 Ginevra Slovacchia   1 – 2   Marocco Amichevole - cap.
9-6-2018 Tallin Estonia   1 – 3   Marocco Amichevole - cap.   46’
15-6-2018 San Pietroburgo Marocco   0 – 1   Iran Mondiali 2018 - 1º turno - cap.
20-6-2018 Mosca Portogallo   1 – 0   Marocco Mondiali 2018 - 1º turno - cap.   40’
16-11-2018 Casablanca Marocco   2 – 0   Camerun Qual. Coppa d'Africa 2019 - cap.
20-11-2018 Radès Tunisia   0 – 1   Marocco Amichevole - cap.   46’
26-3-2019 Tangeri Marocco   0 – 1   Argentina Amichevole - cap.   44’   61’
12-6-2019 Marrakech Marocco   0 – 1   Gambia Amichevole - cap.   46’
16-6-2019 Marrakech Marocco   2 – 3   Zambia Amichevole - cap.   90’
23-6-2019 Il Cairo Marocco   1 – 0   Namibia Coppa d'Africa 2019 - 1º turno - cap.
28-6-2019 Il Cairo Marocco   1 – 0   Costa d'Avorio Coppa d'Africa 2019 - 1º turno - cap.
Totale Presenze 66 Reti 2

PalmarèsModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g Tommaso Giagni, Senza dimenticare da dove vieni, su ultimouomo.com, 18 luglio 2016.
  2. ^ a b c d Fabio Barcellona, Come Allegri ha sistemato la difesa della Juve, su ultimouomo.com, 2 febbraio 2018.
  3. ^ Francesco Velluzzi, Ora l'Udinese vale 100 milioni in più, in La Gazzetta dello Sport, 15 febbraio 2011.
  4. ^ Marco Gaetani, Benatia toglie dai guai l'Udinese, su repubblica.it, 2 ottobre 2010.
  5. ^ 2013 - 07 - 13 Operazioni di mercato (PDF), Associazione Sportiva Roma, 13 luglio 2013.
  6. ^ Livorno 0-2 Roma, su legaseriea.it, 25 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 26 agosto 2013).
  7. ^ Sampdoria-Roma 0-2, Benatia e Gervinho fanno volare i giallorossi, su gazzetta.it, 25 settembre 2013.
  8. ^ Duello Gervinho-Benatia: chi è il miglior africano? [collegamento interrotto], su corrieredellosport.it, 16 novembre 2013.
  9. ^ (EN) Toure rules Africa again, su cafonline.com (archiviato dall'url originale il 10 gennaio 2014).
  10. ^ Roma-Catania 4-0, Benatia e Destro rispondono alla Juventus, chiude Gervinho, su gazzetta.it, 22 dicembre 2013.
  11. ^ Bayern Monaco, ufficiale: preso Benatia dalla Roma, su sportmediaset.mediaset.it, 26 agosto 2014.
  12. ^ a b c Hummels al Bayern Monaco libera Benatia: duello Juventus-Roma per il difensore, su goal.com, 11 maggio 2016.
  13. ^ a b Giulia Borletto, Benatia: "Ho scelto il 4 come Montero. Ci sarà spazio per giocare", su tuttomercatoweb.com, 16 luglio 2016.
  14. ^ Benatia è bianconero, su juventus.com, 15 luglio 2016.
  15. ^ Romeo Agresti, Juventus, è un super Benatia: il marocchino è già un membro legittimo della BBC, su goal.com, 28 agosto 2016.
  16. ^ Andrea Ghislandi, Serie A: Juve-Milan 2-1, decide un rigore di Dybala al 97', su sportmediaset.mediaset.it, 10 marzo 2017. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  17. ^ Benatia fino al 2020!, su juventus.com, 12 maggio 2017.
  18. ^ Juventus, Benatia: «Non sono il nuovo Bonucci», su tuttosport.com, 30 dicembre 2017.
  19. ^ Giulia Bassi, Juve campione, da Bonucci a Benatia: ecco l'elemento nuovo della BBC, su sportmediaset.mediaset.it, 13 maggio 2018.
  20. ^ Massimo Mazzitelli, Juventus-Milan 4-0, i bianconeri conquistano la quarta Coppa Italia consecutiva: notte da incubo per Donnarumma, su repubblica.it, 9 maggio 2018.
  21. ^ Lorenzo Bettoni, Juve, scelta chiara su Benatia: Bonucci lo 'boccia', su ilbianconero.com, 9 agosto 2018.
  22. ^ Gianluca Oddenino, Benatia: "Gioco poco, a gennaio valuterò con la Juve il mio futuro", su lastampa.it.
  23. ^ Raffaello Binelli, Benatia: "Mi sono trasferito in Qatar per far crescere i miei figli in un ambiente islamico", su ilgiornale.it, 6 febbraio 2019.
  24. ^ Grazie di tutto, Medhi!, su juventus.com, 28 gennaio 2019.
  25. ^ Juventus: Benatia rinuncia alla convocazione del Marocco, su it.eurosport.com, 15 febbraio 2017.
  26. ^ Juventus, Benatia convocato: torna in nazionale col Marocco, su tuttosport.com, 22 agosto 2017.
  27. ^ Marocco ai Mondiali 2018: rosa, giocatori da seguire, storia e prospettive, su it.eurosport.com, 7 giugno 2018.
  28. ^ Russia 2018, Africa: si qualificano Marocco e Tunisia, su repubblica.it, 11 novembre 2017.
  29. ^ La presentazione del gruppo D: Marocco sugli scudi, su it.eurosport.com, 19 giugno 2019.
  30. ^ Benatia lascia la nazionale del Marocco: "Decisione non facile", su corrieredellosport.it, 2 ottobre 2019.
  31. ^ a b Nei play-off.
  32. ^ Mehdi Benatia (BEST ARAB PLAYER), su globesoccer.com (archiviato dall'url originale il 30 dicembre 2014).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica