Apri il menu principale
Medici di Ottajano
Great coat of arms of the Medici di Ottajano.svg
Campo d'oro, a sei palle poste in cinta, di cui la mediana al capo, più grossa, di azzurro, all’arme di Francia, le altre di rosso; al capo d’azzurro caricato dal gonfalone pontificio d’oro.
StatoBandera de Nápoles - Trastámara.svg Regno di Napoli
Flag of the Kingdom of the Two Sicilies (1816).svg Regno delle Due Sicilie
Flag of Italy (1861-1946) crowned.svg Regno d'Italia
Italia Repubblica Italiana
Casata principaleMedici
TitoliPrincipe di Ottajano
Duca di Sarno
Patrizio Napoletano
FondatoreOttaviano
Attuale capoGiuliano
Data di fondazione1567
Etniaitaliana

La famiglia Medici di Ottajano (in seguito Ottaviano) è uno dei rami cadetti dei Medici; insieme con i marchesi Medici-Tornaquinci, sono l'unico stipite del casato ancora esistente.

Indice

StoriaModifica

Origini famigliariModifica

Il capostipite fu Ottaviano de' Medici, discendente da un lontano cugino di Cosimo il Vecchio. Ottaviano fu sposato a Bartolomea Giugni, dalla quale ebbe Bernardetto e Costanza, contessa di Donoratico, mentre in seconde nozze sposò Francesca Salviati, nipote di Lorenzo de' Medici, dalla quale ebbe un altro figlio, Alessandro, futuro papa Leone XI. Bernardetto sposò Giulia de' Medici, figlia del Duca di Firenze Alessandro, discendente quindi dal ramo di Cosimo il Vecchio e Lorenzo il Magnifico, ovvero da quello divenuto famoso e noto come di Cafaggiolo.

Il feudo di OttajanoModifica

Fu proprio Bernardetto ad acquistare dai Gonzaga di Molfetta per 50.000 ducati il feudo di Ottajano, in seguito Ottaviano, divenendo così membro della nobiltà napoletana. Il trasferimento fu forse causato da alcuni dissapori con la corte di Cosimo I. La moglie di Bernardetto, Giulia de' Medici, aveva un carattere molto altezzoso e orgoglioso delle proprie origini medicee, ed alla corte di Cosimo pretendeva di essere trattata alla stregua della granduchessa Eleonora di Toledo, causando alcune tensioni con i familiari.

Nel corso dei secoli seguenti il ramo mediceo partenopeo raggiunse una posizione di primo piano all'interno dell'aristocrazia delle Due Sicilie. Tra i membri della dinastia si contano un papa, Leone XI, un cardinale, Francesco de' Medici di Ottajano, condottieri di Santa Romana Chiesa, ambasciatori, Don Luigi de' Medici di Ottajano, rappresentante del Regno di Napoli al Congresso di Vienna, nonché Michele de' Medici di Ottajano, senatore del Regno d'Italia.

 
Giorgio Vasari, Ritratto di Bernardetto de' Medici, Bode-Museum.
 
Giulia de' Medici.

XXI secoloModifica

Il ramo è esistente ancora nel XXI secolo. Giovanni Battista reclama per sé il titolo di 14º Principe di Ottajano e quello di 11º Duca di Sarno. Alla morte di Giovanni Battista avvenuta nel 2015 i titoli dinastici passano a suo figlio primogenito Giuliano che pertanto assume il titolo di 15º Principe di Ottajano e quello di 12º Duca di Sarno.

Dal 1959 altri discendenti hanno ottenuto di poter usare il cognome completo di de' Medici di Toscana di Ottaiano.

Origini genealogiche dei Medici di OttajanoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Tavole genealogiche della famiglia Medici.

Duchi di SarnoModifica

  • Giuseppe I de Medici di Ottajano 1693 - 1717
  • Giuseppe II de Medici di Ottajano 17171763
  • Michele de' Medici di Ottajano 17631770
  • Giuseppe III de Medici di Ottajano 17701793
  • Michele II de Medici di Ottajano 17931832

Nel 1810 re Gioacchino Murat decretò l'abolizione del feudalesimo nel regno. Il titolo si tramanda ancora (insieme a quello di Principe di Ottaiano) solo formalmente.

BibliografiaModifica

  • Ottaviano de' Medici di Toscana di Ottajano, Storia della mia dinastia, Polistampa 2001.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica