Mehriban Əliyeva

politica e dirigente sportiva azera

Mehriban Arif qizi Əliyeva (in azero: Mehriban Arif qızı Əliyeva; Baku, 26 agosto 1964) è una politica e dirigente sportiva azera, moglie del presidente azero İlham Əliyev, che l'ha nominata vicepresidente del paese nel 2017.

Mehriban Əliyeva
Mehriban Aliyeva on 2021 IDWGS (cropped).jpg

1º Vicepresidente dell'Azerbaigian
In carica
Inizio mandato 21 febbraio 2017
Presidente İlham Əliyev
Predecessore carica creata

Vice Leader del Partito del Nuovo Azerbaigian
In carica
Inizio mandato 7 giugno 2013
Predecessore carica istituita

Dati generali
Partito politico Partito del Nuovo Azerbaigian
Titolo di studio Candidato in scienze filosofiche
Università I.M. Sechenov First Moscow State Medical University
Firma Firma di Mehriban Əliyeva

Presidente della Federazione della Ginnastica dell'Azerbaigian, è stata eletta all'Assemblea nazionale, divenendo capo del gruppo di lavoro sulle relazioni interparlamentari tra l'Azerbaigian e la Francia. Ha poi ricoperto l'incarico di Presidente della Fondazione di Heydar Aliyev e della Fondazione degli Amici della Cultura dell'Azerbaigian, nonché quello di Ambasciatore di buona volontà dell'UNESCO (2004) e ISESCO (2006), ONU, OCI.[1]

BiografiaModifica

Figlia di Arif Pashayev (figlio dello scrittore Mir Jalal Pashayev, Ph.D. in matematica e fisica e rettore dell'Accademia Nazionale dell'Aviazione di Baku) e di Aida Imanguliyeva (prominente filologa ed arabista), si diploma ottenendo una medaglia d'oro per aver completato brillantemente i propri studi. Pochi mesi dopo, viene ammessa all'Università Medica dell'Azerbaijan e successivamente continuò i suoi studi all'Accademia Medica di Mosca, dove ottiene una laurea onoraria nel 1988.

Nel 1984 sposa İlham Əliyev, con cui ha tre figli: Leyla (1985), Arzu (1988) e Heydər (1997). Dal 1988 al 1992, la Əliyeva ha lavorato presso l'Istituto di ricerca scientifica moscovita per le malattie oculari, diretto da Michail Krasnov. Nel 1995, crea la fondazione Amici della Cultura Azera, di cui è ancora presidente. Nel 1996, fonda la rivista di cultura e storia Eredità azera, pubblicata in tre lingue come lingua azera, inglese e russa.

Nel 2002, fu eletta presidentessa della Federazione di ginnastica azera (che tutt'oggi guida) ed ottenne secondo la sua iniziativa l'organizzazione dei Campionati mondiali di ginnastica artistica 2005 a Baku da parte della Federazione Internazionale di Ginnastica.[2]

Mehriban Əliyeva è la presidente della Fondazione Heydər Əliyev sin dalla sua fondazione (nel 2004). Nello stesso anno è stata nominata come l'Ambasciatrice di buona volontà dell'UNESCO per il sostegno e la promozione del folclore e delle tradizioni musicali ed è stata eletta come membro del Comitato Esecutivo del Comitato Olimpico Nazionale dell'Azerbaigian nel 2004 durante l'IV Assemblea Generale del Comitato Olimpico Nazionale.[3]

Alle elezioni del 2005, fu eletta all'Assemblea nazionale nelle file del Partito del Nuovo Azerbaigian. Per le attività in vari campi, il sostegno all'educazione ed ai progetti attuati nel mondo islamico, il 24 novembre 2006 Mehriban Aliyeva è stata insignita con il titolo onorifico di Ambasciatrice di buona volontà dall'ISESCO.[4] È stata eletta come la presidente del comitato nazionale per lo svolgimento dei Primi Giochi Europei a Baku nel 2015. È diventata membro del Consiglio del coordinamento degli azeri del mondo secondo la decisione presa nel 4º Congresso degli azeri del mondo nel 2016.[5] Il 21 febbraio 2017, per l'ordine del presidente Ilham Aliyev, Mehriban Aliyeva è stata nominata come Primo Vice Presidente dell'Azerbaigian.[6]

Primo vicepresidenteModifica

Mehriban Əliyeva è stata nominata vicepresidente dell'Azerbaigian il 21 febbraio 2017. Si trattava di una carica creata attraverso un referendum costituzionale nel 2016. Il 6 marzo 2017 la Commissione elettorale centrale ha revocato il mandato di deputato di Mehriban Aliyeva secondo la sua richiesta.[7]

 
Mehriban Əliyeva e l'ex presidente di Lettonia Vaira Vīķe-Freiberga

Mehriban Əliyeva, come vicepresidente dell'Azerbaigian, ha fatto la sua prima visita ufficiale in Francia con il marito İlham Əliyev il 14-15 marzo 2017. Il presidente francese François Hollande durante la cena ha ospitato alti funzionari della Repubblica dell'Azerbaigian. François Hollande ha affermato che la storia dei legami tra i popoli dell'Azerbaigian e della Francia è molto più vecchia di 25 anni di relazioni diplomatiche: "I nostri paesi si sono avvicinati prima di tutto grazie ai rapporti commerciali e culturali. Possiamo rintracciare i primi segni di questi legami tornando alla storia, alle vie di seta che attraversavano l'Azerbaigian nei secoli IX e X. I viaggiatori francesi hanno iniziato a passare da questo territorio già dal XIII secolo".[8][9]

Mehriban Əliyeva ha incontrato a livello bilaterale l'ex presidente della Lettonia, Vaira Vīķe-Freiberga, il 16 marzo, l'ambasciatrice di buona volontà dell'UNESCO Marianna Vardinoyannis il 16 marzo, la first lady della Repubblica di Macedonia Maja Ivanova nell'ambito del Forum Globale di Baku nel 2017.[10][11] Dopo essere stata nominata vicepresidente della Bulgaria, Ilijana Jotova ha fatto la sua prima visita ufficiale all'estero in Azerbaigian e ha incontrato il presidente İlham Əliyev e il primo vicepresidente Mehriban Əliyeva il 5 maggio 2017.[12] Il 23 maggio Aliyeva ha partecipato all'evento organizzato per i vincitori del 4 ° Giochi della Solidarietà Islamica svolto a Baku.[13]

Il 15 settembre, Mehriban Əliyeva ha ricevuto la delegazione del Giappone guidata da Manabu Horii e ha discusso i rapporti tra il Giappone e l'Azerbaigian, la cooperazione nel campo del petrolio, il nuovo accordo di produzione condivisa sullo sviluppo congiunto del settore "Azeri-Chirag-Guneshli" nel settore azero del Mar Caspio e la possibilità di collaborare in campo non petrolifero, come il turismo, l'agricoltura e l'istruzione.[14]

Mehriban Əliyeva ha incontrato la delegazione della Francia guidata da Jean-Batiste Lemoyne il 15 settembre in visita dell'inaugurazione del nuovo edificio dell'università franco-azera.[15] Il primo vicepresidente Mehriban Əliyeva e il presidente İlham Əliyev hanno visitato gli Stati Uniti dal 17 al 20 settembre 2017 e hanno partecipato alla 72ª sessione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite. Mehriban Əliyeva ha ricevuto la delegazione italiana guidata da Linda Lanzillotta, vicepresidente del Senato l'11 novembre 2017 e ha discusso i rapporti fra questi due paesi e della sicurezza energetica dell'Europa.[16]

Əliyeva si è recata in visita ufficiale in Italia il 25-26 settembre 2018, in una due giorni durante la quale ha incontrato presidente del Senato della Repubblica Italiana, Maria Elisabetta Alberti Casellati,[17][18][19][20] Papa Francesco e Sergio Mattarella.[20][21]

OnorificenzeModifica

Onorificenze azereModifica

  Ordine di Heydər Əliyev
— 29 giugno 2015[22]

Onorificenze straniereModifica

  Ufficiale dell'Ordine della Legion d'onore (Francia)
— 15 febbraio 2010[22]
  Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 12 luglio 2018[23][22]
  Croce di Commendatore con Placca dell'Ordine al merito della Repubblica di Polonia
— 14 settembre 2009[22]
  Ordine dell'Amicizia (Russia)
— 13 agosto 2019[22]
  Dama di Gran Croce dell'Ordine Piano (Santa Sede)
— 22 febbraio 2020[22]
  Croce di Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica ungherese
— 6 marzo 2016[22]

NoteModifica

  1. ^ Mehriban Aliyeva Arif qizi, su peoplelife.ru.
  2. ^ Compleanno di fist lady dell'Azerbaigian, su vesti.az. URL consultato il 1º aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2018).
  3. ^ (EN) Mehriban Aliyeva designated UNESCO Goodwill Ambassador for Oral and Musical Traditions, su portal.unesco.org, UNESCO, 13 agosto 2004. URL consultato il 27 maggio 2011.
  4. ^ Biografia della first lady, su mehriban-aliyeva.az.
  5. ^ Biografia di Mehriban Aliyeva, su en.president.az. URL consultato il 1º aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 17 ottobre 2018).
  6. ^ Mehriban Aliyeva è nominata come primo vice presidente dell'Azerbaigian, su heydar-aliyev-foundation.org.
  7. ^ Commissione elettorale centrale termina il mandato del primo vice presidente Mehriban Aliyeva, su report.az.
  8. ^ La visita ufficiale del Presidente Ilham Aliyev e la first lady Mehriban Aliyeva in Francia, su azertag.az.
  9. ^ François Hollande: la Francia rimane un partner aperto e onesto per l'Azerbaigian, su report.az.
  10. ^ Incontro del vice presidente Mehriban Aliyeva con l'ex presidente della Lettonia Vaira Vike-Freiberga, su mehriban-aliyeva.az.
  11. ^ Incontro dell'Ambasciatrice di buona volontà dell'UNESCO Marianna Vardinoyannis e vice presidente Mehriban Aliyeva, su mehriban-aliyeva.az.
  12. ^ Visita ufficiale di vice presidente di Bulgaria in Azerbaigian, su bgkoleda.bg.
  13. ^ Incontro con gli atleti vincitori del 4 ° Giochi della Solidarietà Islamica, su mehriban-aliyeva.az.
  14. ^ Incontro con il deputato parlamentare del Ministero degli Esteri giapponese Manabu Hori, su mehriban-aliyeva.az.
  15. ^ Incontro con la delegazione della Francia guidata da Jean-Baptiste Lemoyne, su mehriban-aliyeva.az.
  16. ^ Il primo vice presidente Mehriban Aliyeva ha incontrato la delegazione guidata dal vice presidente del Senato italiano Linda Lanzillotta, su oananews.org. URL consultato il 1º aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 7 aprile 2019).
  17. ^ La visita ufficiale in Italia del primo Vice Presidente Mehriban Aliyeva, su 1news.az.
  18. ^ Il primo Vice Presidente Mehriban Aliyeva ha incontrato il presidente del Senato italiano, su az.sputniknews.ru.
  19. ^ Visita in Italia di Mehriban Aliyeva, su azerbaijannews.eu.
  20. ^ a b 2018-09-28 Visita in Italia del Primo Vicepresidente della Repubblica dell’Azerbaigian, Mehriban Aliyeva, su rome.mfa.gov.az.
  21. ^ Visita in Italia e incontro con Papa Francesco e Mehriban Aliyeva, su mehriban-aliyeva.az.
  22. ^ a b c d e f g https://mehriban-aliyeva.az/en/biography/awards/
  23. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN116144648620900962918 · LCCN (ENn2012073800 · WorldCat Identities (ENlccn-n2012073800