Apri il menu principale

Melanippo (figlio di Astaco)

personaggio della mitologia greca, figlio di Astaco
Melanippo
The Oath Of The Seven Chiefs - Project Gutenberg eText 14994.png
Melanippo tra i Sette contro Tebe
Nome orig.Μελάνιππος
SessoMaschio

Melanippo (in greco antico Μελάνιππος) o Menalippo era un personaggio della mitologia greca, un tebano, figlio di Astaco.

MitologiaModifica

Personaggio senza dubbio essenziale all'interno della Tebaide di Publio Papinio Stazio, fu uno dei difensori di Tebe che vennero attaccati dai cosiddetti "Sette contro Tebe".

Riuscì a ferire a morte il re Tideo, ma a sua volta perì nella battaglia. Tideo, ricoverato nella sua tenda e in fin di vita, diede ordine che venisse mozzata la testa al cadavere di Melanippo: una volta impugnato il cranio egli si mise a morderlo furibondo.[1]

Nel Canto XXXII dell'Inferno Dante usa la storia di Tideo e Melanippo (chiamato qui "Menalippo") come termine di paragone con la visione di Ugolino della Gherardesca che morde il cranio dell'arcivescovo Ruggieri.[2]

NoteModifica

  1. ^ Stazio, Tebaide, VIII, 751-756. Cfr. Pseudo-Apollodoro, Biblioteca, III, 6, 8 e scholia a Iliade, V, 126 (= FGrHist 3 F 97), secondo cui fu Anfiarao a tagliare la testa di Melanippo e a porgerla a Tideo.
  2. ^ Inferno, XXXII, 130-132.

BibliografiaModifica

  Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca