Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Melini
'Honey' the badger in daylight.jpg
Tasso europeo (Meles meles)
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Carnivora
Sottordine Caniformia
Famiglia Mustelidae
Sottofamiglia Melinae
Bonaparte, 1838
Generi

I tassi (Melinae Bonaparte, 1838) sono una sottofamiglia di carnivori della famiglia dei Mustelidi (Mustelidae). Comprendono in tutto sette specie ripartite in due generi, delle quali il tasso europeo è la più nota e l'unica presente in Europa.

DescrizioneModifica

I tassi sono caratterizzati da una struttura compatta a forma di cuneo. La testa è piccola e appuntita con occhi e orecchie piccoli. Le zampe sono corte e forti e la coda è corta. La pelliccia è di colore grigiastro o nero e tutte le specie presentano disegni facciali caratteristici. La lunghezza testa-tronco varia tra 55 e 90 centimetri e il peso tra 4 e 17 chilogrammi.

Distribuzione e habitatModifica

La distribuzione dei tassi è prevalentemente paleartica, con l'unica eccezione dei tassi naso di porco, diffusi anche nella regione tropicale. Loro habitat sono principalmente le foreste e altre zone alberate.

BiologiaModifica

I tassi sono principalmente notturni e trascorrono la giornata in tane che si scavano da sé o in altri rifugi. Di solito rimangono sul terreno e si arrampicano raramente, ma sono molto bravi a scavare.

I tassi sono onnivori che mangiano piccoli vertebrati, insetti e altri animali, nonché un'ampia varietà di cibi vegetali.

Come negli altri Mustelidi, la riproduzione è caratterizzata dalla diapausa embrionale, così che spesso trascorrono molti mesi tra l'accoppiamento e il parto, sebbene il periodo di gestazione effettivo duri solo dalle sei alle otto settimane. Il numero di cuccioli per parto va di solito da uno a quattro. Un tasso può vivere fino a 15 anni.

TassonomiaModifica

I tassi si dividono in due generi con sette specie:

Nonostante vengano anch'essi chiamati con questo nome, i tassi nel senso stretto dell'accezione non comprendono:

NoteModifica

  1. ^ Kristofer M. Helgen, Norman T-Lon Lim e Lauren E. Helgen, The hog-badger is not an edentate: systematics and evolution of the genus Arctonyx (Mammalia: Mustelidae), in Zoological Journal of the Linnean Society, vol. 154, n. 2, ottobre 2008, pp. 353-385, DOI:10.1111/j.1096-3642.2008.00416.x.

BibliografiaModifica

  • Don E. Wilson e Russell A. Mittermeier (a cura di), Handbook of the Mammals of the World. Volume 1: Carnivores, Lynx Edicions, 2009, ISBN 978-84-96553-49-1.
  • Kristoffer M. Helgen, Norman T-L. Lim e Lauren E. Helgen, The hog-badger is not an edentate: systematics and evolution of the genus Arctonyx (Mammalia: Mustelidae), in Zoological Journal of the Linnean Society, vol. 154, 2008, pp. 353-385.
  • D. E. Wilson e D. M. Reeder, Mammal Species of the World, Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.

Altri progettiModifica

  Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi