Apri il menu principale

Melodicon (casa discografica)

Melodicon
StatoItalia Italia
Fondazione1952
Chiusura1963 Acquisizione
Sede principaleMilano
Persone chiaveManlio Baron
SettoreMusicale
ProdottiPop

La Melodicon è stata una casa discografica italiana, attiva negli anni cinquanta e sessanta del XX secolo. il suo logo - piuttosto complesso - era costituito dalla scritta "melodicon" in caratteri stampatello, inseriti all'inetrno di una figura ovale posta in senso orizzontale a sua volta sottoattraversata da un pentagramma. Sulla riga alta, al centro, era posta la stilizzazione di una nota con all'interno una "m" minuscola. Ha successivamente mutato denominazione sociale in Phonogram, ed il marchio Melodicon è oggi inutilizzato.

StoriaModifica

Fu fondata da Manlio Baron, a Milano, l'8 ottobre del 1952 per produrre e commerciare dischi musicali[1]; la sua prima sede fu in via Filippo Turati 8[2].

Se ebbe un proprio catalogo piuttosto variegato (ancorché relativamente limitato), che incluse musica pop, jazz e orchestrale, utilizzando ampiamente la velocità a 33 giri sul formato a 7 pollici, mise sotto contratto - distribuendoli direttamente per l'Italia - artisti stranieri piuttosto noti all'epoca (come Barry Darvell) ed ebbe, come autori, anche futuri nomi della musica leggera italiana, riuscendo a pubblicare anche singoli provenienti da colonne sonore (è il caso, sullo stesso 45 giri, del pezzo "Puntini lontani" scritto da Carlo Donida e Giulio Rapetti (Mogol), e del brano "Urgente Cha Cha Cha" dal film Totòtruffa 62).

Si occupò in generale anche della importazione oppure stampa da master e distribuzione sul suolo nazionale di dischi di altre case discografiche. Nel 1957 strinse in tal senso un accordo con la Philips, per la quale divenne importatore ufficiale fino al 1963, anno in cui la major olandese stabilì di creare una propria struttura distributiva e sede nazionale.

Successivamente - attraverso una modifica della denominazione giuridica - l'azienda fu acquisita dalla Phonogram che la rinominò Phonogram Italia e ne utilizzò il personale, gli studi di incisione e gli uffici, all'epoca spostati in via Borgogna 2 e 14[3], facendone di fatto la propria filiale italiana[4], mentre la sede operativa della nuova azienda sarebbe stata stabilita nella strada privata via Benadir, al numero 14. Con tale atto, la Melodicon cessò ogni produzione indipendente. Nel 1977 - grazie alla fusione con la Dick James Music - la oramai Phonogram avrebbe preso la nuova ragione sociale in Polygram Italia s.r.l., seguendo le sorti del gruppo madre.

I dischi pubblicatiModifica

Per la datazione ci si è basati sull'etichetta del disco, o sul vinile o, infine, sulla copertina; qualora nessuno di questi elementi avesse una datazione, sulla numerazione del catalogo; se esistenti, sono riportati, oltre all'anno, anche il mese e il giorno. Le difficoltà stanno nelle numerazioni di catalogo, soggette a numerosi cabiamenti[5], e nell'assenza - su molti dischi - di qualsivoglia datazione. Sono considerate solo le produzioni proprie e non le distribuzioni.

33 giriModifica

33 giri su formato 7 polliciModifica

45 giriModifica

Numero di catalogo Anno Interprete Titoli
363 600 PF 1962 Luciano Rondinella Era De Maggio/Furturella
MP 1003 F Barry Darvell How Will It End?
MP 1004 F Ronnie Brent Cowboys And Indians / Flow Gently
MP 1008 F Anita Sol Io Piangerò / Sei Giunta A Me (San Melodhia Ghlikia)
MP 1010 F Roxy and his blue boys Ciccillo A' Sentinella / Al Passo Della Mendola
MP 1011 F Roxy and his blue boys La Funivia / La Storia Del Mago
MP 1013 F Anita Sol Con Dino Olivieri E La Sua Orchestra Jolie Chanson/Roslyn
MP 1020 F Silvano Bettazzi E' buio/vivo senza te
MP 1022 F Anita Sol Puntini Lontani/Urgente Cha Cha Cha
MP 1033 F Anita Sol Con Tullio Gallo E La Sua Orchestra Fior di Loto/Amore Lasciami
E 1201 MPF 1962 Barry Darvell/The Seabirds Geronimo Stomp / Without Love
E 1201 MPF 1962 Barry Darvell/The Seabirds Geronimo Stomp / Without Love
363 562 PF 1961 Don Marino Barreto Junior Voltati/I Cerchi Sull'Acqua
363 547 PF 1961 Complesso Barreto Un'Anima Tra Le Mani/Salta Chi Può

NoteModifica

  1. ^ Dettaglio Produttore di archivi - Sistema Archivistico Nazionale, su san.beniculturali.it. URL consultato il 26 giugno 2019.
  2. ^ unità: Casa “Melodicon” Filippo Turati n. 8 Milano [collegamento interrotto], su Archivi della Musica. URL consultato il 26 giugno 2019.
  3. ^ unità: Casa Discografica “Phonogramm” via Borgogna, 2 Milano [collegamento interrotto], su Archivi della Musica. URL consultato il 26 giugno 2019.
  4. ^ Phonogram S.P.A., su Discogs. URL consultato il 26 giugno 2019.
  5. ^ Melodicon, su Discogs. URL consultato il 26 giugno 2019.

Voci correlateModifica

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica