Apri il menu principale
San Mercuriale
Cigoli, san mercuriale uccide il drago, 1598 ca. 01.jpg
San Mercuriale ammansisce il drago e libera la città di Forlì del Cigoli
 

Vescovo

 
MorteIV secolo
Venerato daChiesa cattolica
Santuario principaleAbbazia di San Mercuriale di Forlì
Ricorrenza30 aprile

San Mercuriale (floruit IV secolo; ... – ...) è tradizionalmente indicato come il primo vescovo di Forlì, anche se l'unica notizia storica che si ha di lui è che fu presente al concilio di Rimini del 359.[1]. È venerato come santo dalla Chiesa cattolica.

Indice

BiografiaModifica

 
Gloria di san Mercuriale di Guido Cagnacci, Pinacoteca Civica di Forlì

La leggenda agiografica gli attribuisce due imprese: l'uccisione di un drago, ragion per cui l'iconografia spesso lo rappresenta proprio in tale atto, e la liberazione di molti forlivesi che i Visigoti stavano deportando in Spagna.

La tradizione vuole che, tra l'altro, abbia anche fondato la chiesa oggi nota come Chiesa di Santa Maria in Laterano in Schiavonia.

Fra i suoi collaboratori, vengono ricordati san Grato, diacono, e san Marcello, suddiacono, nonché il segretario, Tito Merenda, che sarebbe un discendente della romana Gens Antonia e l'antenato della nobile famiglia dei Merenda di Forlì.

Il Martirologio Romano ne fissa la memoria al 30 aprile:

«A Forlì, san Mercuriale, vescovo, che si ritiene abbia istituito la sede episcopale in questa città.»

Viene venerato anche il 23 maggio. Da qualche anno a Forlì la ricorrenza di san Mercuriale è stata spostata al 26 ottobre, giorno del ritrovamento delle reliquie[senza fonte]. Il corpo del santo riposa a Forlì nell'abbazia di San Mercuriale, mentre la sua testa è esposta in una teca custodita presso la chiesa della Santissima Trinità di Forlì.

Luoghi di cultoModifica

  • Forlì: abbazia di San Mercuriale
  • Pistoia: monastero di San Mercuriale (oggi palazzo del tribunale e area archeologica), attestata dal 940.
  • Ravenna: chiesa di San Mercuriale, non più esistente, ma attestata a partire dal 948.

Mercuriale nelle artiModifica

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Vita Mercurialis (Biblioteca Hagiographica Latina, ms. 5932);
  • Sermo de vita sancti Mercurialis (Biblioteca Hagiographica Latina, ms. 5932b); (collocazione)

Collegamenti esterniModifica