Apri il menu principale

Merenra II

faraone egizio
(Reindirizzamento da Merenra)
Merenra II
Abydos KL 06-06 n39.jpg
immagine di Merenra II
Re dell'Alto e Basso Egitto
Stemma
Incoronazione intorno 2200 a.C.[1]
Predecessore Pepi (II)
Successore Nitocris
Morte intorno 2200 a.C.[1]
Dinastia VI dinastia egizia
Padre Pepi II
Madre Neith
Consorte Nitocris

Merenra II (Hor S...tawy) (... – ...) è stato un faraone appartenente alla VI dinastia egizia.

BiografiaModifica

Figlio di Pepi (II) e della regina Neith, Merenra Djefaemsaf, il nome Horo completo è sconosciuto, salì al trono probabilmente in età già avanzata a causa del lungo regno del padre.

Del suo breve regno non si conosce praticamente nulla se non che la tendenza centrifuga dei nomarchi dell'Alto Egitto si rafforzò ulteriormente.

L'indebolimento del potere centrale permise ai beduini del Sinai di riprendere le loro scorrerie nelle terre del delta del Nilo.

Lo storico greco Erodoto riporta[2] la tradizione che vorrebbe questo sovrano spodestato ed ucciso da una congiura di palazzo organizzata da un gruppo di nobili che poi sarebbero stati eliminati a loro volta da Nitocris identificabile con la sorellastra di Merenra Nitokerty che gli succedette sul trono

Liste realiModifica

Lista di Abydos Lista di Saqqara Canone Reale Anni di regno
(Canone reale)
Sesto Africano Anni di regno
(Sesto Africano)
Eusebio di Cesarea Anni di regno
(Eusebio di Cesarea)
Altre fonti:
Altre fonti
39
 
      
 
 

mr n rˁ df3 m s3.f - Merenra Djefaemsaf


 
non citato
 
4.6
 
 
 
1 anno, 1 giorno Menthusuphis 1 non citato Merenra II, Antiemsaf II, Nemtiemsaf

TitolaturaModifica

Titolo Traslitterazione Significato Nome Traslitterazione Lettura (italiano) Significato
 
ḥr Horo
   
 
 
s ... t3 wy s...tawy ... le Due Terre
 
nbty (nebti) Le due Signore
 
ḥr nbw Horo d'oro
 
 
 
 
nsw bjty Colui che regna
sul giunco
e sull'ape
 
      
 
 
mr n rˁ df3 m s3.f Merenra Djefaemsaf Prediletto di Ra, Djefa (?) è la sua protezione
  
s3 Rˁ Figlio di Ra
 
    
 
ntj m s3 f Atiemzaef Anti (Nemti) è la sua protezione

Altre datazioniModifica

NoteModifica

  1. ^ a b Cimmino, Franco - dizionario delle dinastie faraoniche, p. 469
  2. ^ Erodoto, Storie II, 100
  3. ^ Chronologie des Pharaonischen Ägypten (Chronology of the Egyptian Pharaohs), Mainz am Rhein: Verlag Philipp von Zabern. (1997)
  4. ^ (con John Baines), Atlante dell'antico Egitto, ed. italiana a cura di Alessandro Roccati, Istituto geografico De Agostini, 1980 (ed. orig.: Atlas of Ancient Egypt, Facts on File, 1980)

BibliografiaModifica

  • Cimmino, Franco - Dizionario delle dinastie faraoniche - Bompiani, Milano 2003 - ISBN 88-452-5531-X
  • Gardiner, Martin - La civiltà egizia - Oxford University Press 1961 (Einaudi, Torino 1997) - ISBN 88-06-13913-4
  • Smith, W.S. - Il Regno Antico in Egitto e l'inizio del Primo Periodo Intermedio - Storia antica del Medio Oriente 1,3 parte seconda - Cambridge University 1971 (Il Saggiatore, Milano 1972)
  • Wilson, John A. - Egitto - I Propilei volume I - Monaco di Baviera 1961 (Arnoldo Mondadori, Milano 1967)
  • Federico A. Arborio Mella - L'Egitto dei Faraoni - Mursia - ISBN 88-425-3328-9
  • Grimal, Nicolas - Storia dell'antico Egitto - Editori Laterza, Bari 2008 - ISBN 978-88-420-5651-5

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica