Apri il menu principale
Merya
меря
Merjamaa-Flag.svg
Bandiera del popolo Merya
 
Nomi alternativiMerja, Merä
Luogo d'origineRussia
PopolazionePopolo Mari
Lingualingua mari

Il popolo dei Merya o Merja (in russo: меря?; o anche Merä) fu un antico popolo finnico che visse nelle regioni delle attuali città russe di Rostov Velikij, Kostroma, Jaroslavl' e Vladimir. Fu una vecchia ed importante cultura, come si nota nei numerosi reperti archeologici in quelle aree.

Si suppone che i Merja fossero un ramo del popolo Mari, poiché Merya è la trascrizione in lingua russa dello stesso nome esistente dei Maris Мäрӹ (Märӛ) occidentali.[1] Tutta la toponimia dei Merya è tradotta sulla base della lingua mari. Inoltre, la cronaca russa "Kazanskaya Istoriya" menziona il popolo Cheremis (Mari) come aborigeni di Rostov.

La lingua merja fu una lingua finnica relazionata agli idiomi parlati da altre tribù nella più grande circostante regione, come i Mari, Mordvini, Meshchera e Vepsi.

Essi sono menzionati dal VI secolo dall'erudito gotico Jordanes come Merens e più tardi nelle cronache russe. Gli archeologi sovietici credevano che la capitale dei Merya fosse il sito di Sarskoe Gorodishche a sud di Rostov. Furono poi assimilati dagli Slavi orientali. Tuttavia, la cultura dei Merya venne anche assimilata in quelle regioni che furono inizialmente abitate dai Merya. I boschi e le pietre sacre, adorate dai Merya, fecero parte delle tradizionali feste locali per molto più lungo tempo dei simili luoghi sacri slavi nelle regioni occidentali dell'attuale Russia. Oggi, molti residenti della regione di Kostroma continuano a chiamarsi Merja.

NoteModifica

  1. ^ (EN) Petrov A., KUGARNYA, Marij kalykyn ertymgornyzho, #12 (850), 2006, marzo, il 24°.

FontiModifica

  • (FR) Aleksey Uvarov, "Étude sur les peuples primitifs de la Russie. Les mériens" (1875).
  • (EN) Da labiennale.org, su labiennale.org. URL consultato il 18 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 15 novembre 2010).