Apri il menu principale

Merlene Ottey

atleta giamaicana naturalizzata slovena
Merlene Ottey
Merlene Ottey - 2. Memoriał Kamili Skolimowskiej - Warszawa, 2011-09-20.jpg
Merlene Ottey nel 2011
Nazionalità Giamaica Giamaica
Slovenia Slovenia
Altezza 173 cm
Peso 59 kg
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Specialità Velocità
Record
50 m 6"00 Record panamericano (indoor - 1994)
60 m 6"96 Record nazionale (indoor - 1992)
100 m 10"74 (1996)
100 m 11"21 (indoor – 2001)
200 m 21"64 Record nazionale (1991)
200 m 21"87 Record mondiale (indoor - 1993)
Società AD Mass Ljubljana
Carriera
Nazionale
1979-2000Giamaica Giamaica
2003-Slovenia Slovenia
Palmarès
Giamaica Giamaica
Giochi olimpici 0 3 6
Mondiali 3 4 7
Mondiali indoor 3 2 1
Giochi del Commonwealth 3 1 1
Giochi panamericani 0 1 1
Slovenia Slovenia
Mondiali indoor 0 0 1
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 9 agosto 2010

Merlene Joyce Ottey (Cold Spring, 10 maggio 1960) è una velocista giamaicana naturalizzata slovena dal 2002[1].

È stata campionessa mondiale dei 200 metri piani a Stoccarda 1993 e Göteborg 1995. Ha detenuto il record femminile di partecipazioni olimpiche (sette, superata nel 2012 da Josefa Idem con otto)[senza fonte], e quello assoluto di medaglie conquistate ai campionati del mondo di atletica leggera (quattordici, superata nel 2017 da Allyson Felix con sedici).[2]

Indice

BiografiaModifica

Merlene è nata a Cold Spring, in Giamaica, da Hubert e Joan Ottey. Quarta di sette figli, assieme a due fratelli, Desmond e Hugh, e quattro sorelle, Yvonne, Beverley, Jane e Ruthven. Nei primi anni frequentò la Gurneys Mount School e la Pondside School, prima di diplomarsi alla Rusea and Vere Technical high schools.

La carrieraModifica

La sua carriera atletica prese il volo quando entrò all'Università del Nebraska nel 1979, dove ottenne molti record e molti riconoscimenti, laurandosi inoltre in Belle Arti e sposando il compagno di squadra Nathaniel Page nel 1984. Dopo il divorzio dal primo marito ha vissuto per qualche anno in Italia dove ha avuto una relazione con il velocista italiano Stefano Tilli.

 
Merlene Ottey a Colonia nel 2007.

Durante la sua lunghissima carriera agonistica Merlene è stata spesso tra le favorite, se non addirittura "la favorita" per una medaglia d'oro sia ai Giochi olimpici che ai Campionati del mondo di atletica leggera. I risultati che ha ottenuto sono sicuramente di alto livello ma mai pari alle aspettative (vedi i Campionati del mondo di Tokyo nel 1991, dove era "strafavorita" soprattutto sui 200 m, e invece si dovette "accontentare" del bronzo in entrambe le distanze, finendo le gare alle spalle della tedesca Katrin Krabbe, poi finita fuori dal giro dell'atletica per problemi col doping nel 1992, e dell'americana Gwen Torrence, rispettivamente doppio oro e doppio argento.

Merlene, tra 100, 200 metri e staffette ha vinto 14 medaglie mondiali (3 ori, 4 argenti e 7 bronzi), record assoluto di medaglie mondiali vinte nella storia, e 9 medaglie olimpiche (3 argenti e 6 bronzi), record femminile di medaglie nell'atletica. L'oro olimpico le è sempre sfuggito.

Favorita a Barcellona 1992 nei 100 m, Merlene finì quinta in finale: a salire sul podio furono l'americana Gail Devers, l'altra giamaicana Juliet Cuthbert e la russa Irina Privalova, quarta Gwen Torrence. Gail Devers finì davanti a Merlene per tre millesimi di secondo anche l'anno dopo ai Campionati del mondo di Stoccarda 1993, e per quattro millesimi nella finale olimpica di Atlanta 1996, una vera bestia nera per Merlene sulla distanza più breve.

A Sidney 2000 finì quarta nei 100 metri per un centesimo, dietro alla connazionale Tanya Lawrence. La squalifica della vincitrice Marion Jones, (che nel 2007 confessò di aver usato sostanze dopanti alle Olimpiadi di Sidney e per questo venne costretta a restituire le medaglie vinte 7 anni prima), aveva aperto le speranze per Merlene di vedersi assegnata, con 7 anni di ritardo, la sua nona medaglia olimpica, ma il CIO, per evitare di dover assegnare l'oro dei 100 metri alla greca Ekateríni Thánou (protagonista nel 2004 di una nota vicenda di doping), decise inizialmente di non riassegnare nessuna delle 5 medaglie (3 ori e 2 bronzi) vinte dalla Jones in quelle Olimpiadi; tale decisione fu corretta dal CIO a dicembre 2009 assegnando, per quanto riguarda la gara dei 100 metri, due argenti (sempre per il problema oro alla Thanou) e la medaglia di bronzo alla Ottey.[3]

Gli anni 2000Modifica

Nel maggio 2002 Merlene ottenne la cittadinanza dalla Slovenia,[1] nella quale vive e si allena con l'allenatore sloveno Srđan Đorđević dal 1998, ed oggi rappresenta la sua nuova nazione negli eventi internazionali. Nell'agosto 1999 Merlene venne squalificata dalla IAAF dopo essere risultata positiva al doping per uno steroide anabolizzante, il nandrolone.[4]

 
Merlene Ottey agli Europei per nazioni 2011.

La squalifica, pur dando la possibilità a Merlene di partecipare ai campionati del mondo di Siviglia 1999 fino ad ulteriori accertamenti, fu comunque un ostacolo psicologico per la sprinter, che decise di non prendere parte alle competizioni. Essa venne annullata un anno dopo e il laboratorio che aveva eseguito le analisi venne sottoposto a dure critiche. Il disappunto per il trattamento ricevuto dalla federazione giamaicana di atletica leggera fu una delle ragioni (assieme alla minor competizione presente nella sua nuova patria) per cui richiese la cittadinanza slovena.[5]

Grazie alla nuova cittadinanza la Ottey ha avuto la possibilità di partecipare ai campionati del mondo di Parigi nel 2003, dove giunse alle semifinali dei 100 e ai quarti di finale dei 200, alle Olimpiadi di Atene 2004, arrivando così alla sua settima partecipazione dal 1980, riuscendo a raggiungere addirittura le semifinali in entrambe le distanze dei 100 m e dei 200 m, rimanendo fuori dalla finale per pochi centesimi nel primo caso e stirandosi un muscolo nel secondo; ed in più, nel 2006, ha preso parte ai campionati europei di Goteborg, dove è arrivata quinta in semifinale, ad un passo dalla finale, all'età di 46 anni e 91 giorni.

Nel 2007, all'età di 47 anni e 77 giorni, ha partecipato alla gara dei 100 metri ai Campionati del mondo di Osaka, ottenendo però solo un quarto posto nel primo turno di qualificazione: nonostante l'eliminazione, con questa prestazione è divenuta l'atleta più vecchia ad aver mai preso parte ad un campionato mondiale. La sua longevità atletica le aveva già consentito di diventare la donna più vecchia a vincere una medaglia olimpica nell'atletica leggera (a Sydney 2000, 40 anni e 143 giorni) e la donna più vecchia a vincere una medaglia d'oro ai campionati del mondo di atletica leggera (Göteborg 1995, 35 anni e 92 giorni).

Nel 2010 ha partecipato a 50 anni ai campionati europei di Barcellona nella staffetta 4×100, non riuscendo a qualificarsi per la finale.[6][7]

La stagione 2011 la vede al debutto, alla soglia dei 51 anni, a Celje, in Slovenia, il 12 giugno, ove si classifica 4ª sui 100 metri piani con il tempo di 12"07, ma con 1,6 m/s di vento contrario.[8]

Primati personaliModifica

  • Vanta una striscia di imbattibilità tra 100 m, 200 m, 60 m e 200 m indoor (più un 400 m indoor ed un 300 m indoor), di 78 gare tra il 20 maggio 1989 e l'8 marzo 1991.
  • È stata imbattuta in 57 finali nei 100 m tra il 9 settembre 1987 ed il 27 agosto 1991 (Mondiali di Tokyo) ed in 36 finali nei 200 m tra il 20 maggio 1989 ed il 30 agosto 1991 (Mondiali di Tokyo).
  • Ha corso i 100 m sotto gli 11" per 67 volte regolari ed i 200 m 105 volte regolari sotto i 22"50, di cui 16 volte (nessuna come lei) sotto i 22", e di queste, sette (altro record) nello stesso anno (1990).
  • È stata l'unica donna a correre sotto i 22" una gara di 200 m indoor e questo le valse il primato del mondo sulla distanza al coperto.
  • Prima dell'avvento dell'americana Marion Jones (10"65 sui 100 m e 21"62 sui 200 m) e della francese Christine Arron (10"73 sui 100 m), Merlene era, con i suoi primati personali, la seconda donna di sempre su entrambe le distanze, la migliore dopo Florence Griffith-Joyner.

Record nazionaliModifica

SenioresModifica

Record nazionali giamaicani:

  • 150 metri piani: 16"46 (  Trapani, 27 settembre 1989)  
  • 200 metri piani: 21"64 (  Bruxelles, 13 settembre 1991)
  • 50 metri piani indoor: 6"00 (  Mosca, 4 febbraio 1994)
  • 60 metri piani indoor: 6"96 (  Madrid, 14 febbraio 1992)
  • 200 metri piani indoor: 21"87 (  Liévin, 13 febbraio 1993)  

Record nazionali sloveni:

ProgressioneModifica

100 metri pianiModifica

Stagione Tempo Luogo Data Rank. Mond.
2011 11"77[9]   Sundsvall[10] 31-7-2011 -
2010 11"67   Novo mesto 13-7-2010 -
2008 11"60   Maribor 11-7-2008 -
2007 11"56   Malles Venosta 4-8-2007 -
2006 11"34   Glasgow[11] 12-8-2006 73ª
2004 11"09   Liegi 3-8-2004 12ª
2003 11"22   Velenje 8-6-2003 34ª
2002 11"28   Velenje 25-5-2002 41ª
2001 11"31   Pretoria 23-3-2001 -
2000 10"99   Salonicco 30-8-2000 10ª
1999 10"97   Lucerna 5-7-1999
1998 11"01   Stoccolma 5-8-1998 -
1997 10"83   Tokyo 6-9-1997
  Bruxelles 22-8-1997
1996 10"74   Milano 7-9-1996
1995 10"85   Göteborg 7-8-1995
1994 10"78   Parigi 3-9-1994
1993 10"82   Stoccarda 16-8-1993
1992 10"80   Salamanca 13-7-1992
1991 10"79   Vigo 23-7-1991
1990 10"78   Siviglia 30-5-1990
1989 10"95   Villeneuve-d'Ascq 25-6-1989
1988 11"00   Saint-Denis 7-6-1988 -
1987 10"87   Walnut 31-5-1987
1986 11"06   Siviglia 24-5-1986 -
1985 10"92   Walnut 28-4-1985
1984 11"01   Walnut 25-7-1984 -
1983 11"07   Lincoln 6-5-1983 -
1982 11"03   Brisbane 4-10-1982 -
1981 11"07   Austin 29-5-1981 -
1980 11"36   Eugene 23-5-1980 -
1979 11"59 - - -

200 metri pianiModifica

Stagione Tempo Luogo Data Rank. Mond.
2011 24"64   Novo mesto 13-7-2011 -
2006 23"82   Banská Bystrica 27-8-2006 -
2004 22"72   Atene 23-8-2004 28ª
2003 22"89   Nova Gorica 10-8-2003 37ª
1999 22"43   Hechtel-Eksel 7-8-1999 15ª
1998 22"53   Istanbul 30-5-1998 -
1997 22"06   Monaco 16-8-1997
1996 22"08   Atlanta 1-8-1996
1995 21"93   Bruxelles 25-8-1995
1994 22"07   Berlino 30-8-1994
1993 21"77   Monaco 7-8-1993
1992 21"94   Barcellona 3-8-1992
1991 21"64   Bruxelles 13-9-1991
1990 21"66   Zurigo 15-8-1990
1989 22"21   Bruxelles 25-8-1989
1988 21"99   Seul 29-9-1988
1987 22"06   Roma 3-9-1987
1986 22"43   Budapest 11-8-1986 -
1985 21"93   Indianapolis 16-6-1985
1984 22"09   Los Angeles 9-8-1984
1983 22"19   Helsinki 14-8-1983 -
1982 22"17   Knoxville 20-6-1982 -
1981 22"35   Des Moines 11-4-1981 -
1980 22"20   Mosca 30-7-1980 -
1979 23"10 - - -

PalmarèsModifica

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Prestazione Note
In rappresentanza della   Giamaica
1979 Giochi panamericani   San Juan 200 m piani   Bronzo 22"79
4×100 m   Argento 44"18
1980 Giochi olimpici   Mosca 200 m piani   Bronzo 22"20
4×100 m 43"19
4×400 m Semifinale 3'31"5
1982 Giochi del
Commonwealth
  Brisbane 100 m piani   Argento 11"03
200 m piani   Oro 22"19
4×100 m   Bronzo 43"69
1983 Mondiali   Helsinki 100 m piani 11"19
200 m piani   Argento 22"19
4×100 m   Bronzo 42"73
1984 Giochi olimpici   Los Angeles 100 m piani   Bronzo 11"16
200 m piani   Bronzo 22"09
4×100 m 53"54
1987 Mondiali indoor   Indianapolis 60 m piani 7"13
200 m piani   Argento 22"66
Mondiali   Roma 100 m piani   Bronzo 11"04
200 m piani   Bronzo 22"06
1988 Giochi olimpici   Seul 100 m piani Quarti di finale 11"03
200 m piani 21"99
4×100 m Semifinale 43"30
1989 Mondiali indoor   Budapest 60 m piani   Bronzo 7"10
200 m piani   Oro 22"34  
1990 Giochi del
Commonwealth
  Auckland 100 m piani   Oro 11"02
200 m piani   Oro 22"76
1991 Mondiali indoor   Siviglia 60 m piani   Argento 7"08
200 m piani   Oro 22"24  
Mondiali   Tokyo 100 m piani   Bronzo 11"06
200 m piani   Bronzo 22"21
4×100 m   Oro 41"94
1992 Giochi olimpici   Barcellona 100 m piani 10"88
200 m piani   Bronzo 22"09
4×100 m Finale nf
1993 Mondiali   Stoccarda 100 m piani   Argento 10"82
200 m piani   Oro 21"98
4×100 m   Bronzo 41"94
1995 Mondiali indoor   Barcellona 60 m piani   Oro 6"97
Mondiali   Göteborg 100 m piani   Argento 10"94
200 m piani   Oro 22"12
4×100 m   Argento 42"25
1996 Giochi olimpici   Atlanta 100 m piani   Argento 10"94
200 m piani   Argento 22"24
4×100 m   Bronzo 42"24
1997 Mondiali   Atene 100 m piani 11"29
200 m piani   Bronzo 22"40
2000 Giochi olimpici   Sydney 100 m piani   Bronzo 11"19
4×100 m   Argento 42"13
In rappresentanza della   Slovenia
2003 Mondiali indoor   Birmingham 60 m piani   Bronzo 7"20
Mondiali   Parigi 100 m piani Semifinale 11"26
200 m piani Quarti di finale 23"22
2004 Mondiali indoor   Budapest 60 m piani Semifinale 7"21
Giochi olimpici   Atene 100 m piani Semifinale 11"21
200 m piani Quarti di finale 23"07
2006 Europei   Göteborg 100 m piani Semifinale 11"44
2007 Mondiali   Osaka 100 m piani Batteria 11"64
2010 Europei   Barcellona 4×100 m Batteria 44"30
2012 Europei   Helsinki 4×100 m Batteria 44"28

Altre competizioni internazionaliModifica

1990
1994
1996

RiconoscimentiModifica

OnorificenzeModifica

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Merlene Ottey granted a Slovenian Citizenship, Si21.com. URL consultato il 30 maggio 2010.
  2. ^ (EN) Statistics book, Berlin 2009 (PDF), IAAF.org. URL consultato il 15 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2012).
  3. ^ (EN) IOC reallocates Marion Jones' medals, Olympic.org, 9 dicembre 2009. URL consultato il 18 dicembre 2010.
  4. ^ (EN) Ottey cleared of drug charge, BBC, 15 novembre 1999. URL consultato il 15 giugno 2010.
  5. ^ (EN) Interview: Merlene Ottey, Rediff.com, 13 agosto 2004. URL consultato il 15 giugno 2011.
  6. ^ (EN) Merlene Ottey becomes oldest athlete in Euro championships, Masterstrack.com, 31 luglio 2010. URL consultato il 15 giugno 2011 (archiviato dall'url originale l'8 ottobre 2011).
  7. ^ (EN) Helen Chandler, Merlene Ottey hopes age will be no barrier in the long run, The Guardian, 31 luglio 2010. URL consultato il 15 giugno 2011.
  8. ^ Silvio Garavaglia, Taccuino, Gazzetta.it, 13 giugno 2011. URL consultato il 15 giugno 2011.
  9. ^ 11"69 ventoso in batteria.
  10. ^ (SV) Ottey nobbade Karlstad GP i sista stund, VF.se, 31 luglio 2011. URL consultato il 2 agosto 2011.
  11. ^ (EN) Top lists IAAF, IAAF.org.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN21469785 · ISNI (EN0000 0000 3770 5849 · LCCN (ENn99021189 · WorldCat Identities (ENn99-021189