Apri il menu principale
Metropolitana del Cairo
Logo
StatoEgitto Egitto
CittàIl Cairo
Apertura1987
GestoreEgyptian Railway Authority
Sito web
Caratteristiche
Numero linee3
Stazioni53
Lunghezza65,5 km
Mappa della rete
pianta

La metropolitana del Cairo è la metropolitana a servizio di Il Cairo, in Egitto e conta 3 linee. Insieme alla metropolitana di Algeri è una delle due reti complete di metropolitana esistenti nel continente africano.

Indice

StoriaModifica

 
Stazione Mar Girgis sulla linea 1
 
Convoglio della linea 1 in vicinanza della stazione Al Shohadaa (ex Mubarak)

La metropolitana del Cairo nacque in risposta alla necessità di trasporto di massa della più grande e densamente popolata città dell'Africa e del mondo arabo e venne inaugurata nel 1987. Nel 1987 la popolazione residente nella città superava i 10 milioni (a cui si aggiungevano oltre due milioni di pendolari che giungevano giornalmente nella città per motivi di lavoro). La capacità complessiva del sistema di trasporto pubblico del Cairo era di circa 20 000 passeggeri per ora; la costruzione della metropolitana aumentò tale capacità a 60 000 persone per ora.

Nel 1990 fu elaborato uno studio per la valutazione della necessità futura di trasporto passeggeri della città; venne valutata in 8,4 milioni la quantità di passeggeri che avrebbero utilizzato il trasporto pubblico e in 2,7 milioni quella delle persone che avrebbero utilizzato altri mezzi, quali i taxi e le automobili ciò a fronte di una capacità di trasporto corrente di 4,9 milioni.

Il sistema è costituito da 3 linee operative. La costruzione della terza linea ebbe inizio nel 2006 e la prima tratta fu aperta nel 2012.

Nel 2011, la metropolitana trasportò circa 4 milioni di passeggeri giornalieri[1].

 
Stazione metro 1 vista dall'alto. Viene indicato il punto di fermata per l'accesso di sole donne

Caratteristiche e percorsiModifica

 
Stazione Attaba, sulla linea 2

La metropolitana è a scartamento ordinario ed è gestita dalla "National Authority for Tunnels". Il prezzo del biglietto è di 5 sterline per ogni corsa superiore a 9 fermate, e per ogni corsa inferiore a 9 fermate il biglietto costa 3 sterline.

Su tutti i treni della metropolitana del Cairo, le due carrozze intermedie, (la 4ª e la 5ª) sono riservate alle donne (la 5ª diventa ad uso misto dopo le 21:00). Queste vetture sono usate come opzione per le donne che non desiderano viaggiare insieme agli uomini; in ogni caso le donne possono usare le altre carrozze liberamente.

ReteModifica

  • Linea "1": la prima delle linee che costituiscono la metropolitana cairense collega la stazione New El Marg con quella di Helwan[2]. Venne costruita sul percorso di due precedenti linee ferrate urbane connesse mediante un tunnel scavato sotto il centro cittadino. La linea ha 35 stazioni di cui 5 sotterranee. La stazione Al-Shohadaa si trova sotto la piazza Ramses ed è in corrispondenza della stazione ferroviaria principale.
Tratta Anno o data di apertura Lunghezza in km Note
Helwan - Al Shohadaa (Mubarak) 26 settembre 1987 28,5 La stazione di Al Shohadaa si chiamava "Mubarak" fino al 2011
Al Shohadaa - El Marg 5 aprile 1989 14,5
El Marg - New El Marg 1999 ?
  • Linea "2": collega la stazione Shubra con quella di El-Monib. Interseca la linea "1" in due punti di interscambio: la stazione Al-Shohadaa e la stazione Sadat[3].
Tratta Anno o data di apertura Lunghezza in km Note
Shubra - Al Shohadaa ottobre 1996 8
Al Shohadaa - Sadat settembre 1998
Sadat - Università del Cairo 19 aprile 1999 5,5 comprende l'attraversamento del Nilo
Università del Cairo - Omm El Misryeen 8 ottobre 2000 2,7
Omm El Misryeen - Monib 17 gennaio 2005 2,5
  • Linea "3" collega la stazione Haroun El Rascied e il punto di intersezione e interscambio con la linea "2" di Attab. Ne è prevista la costruzione da quest'ultima località fino all'aeroporto e il prolungamento all'intersezione Nasser con la linea "1" ed oltre[4].
Tratta Anno o data di apertura Lunghezza in km Stazioni Note
Attaba - Al Ahram 7 maggio 2014 12 9 in corso di prolungamento

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica