Apri il menu principale

Mezzanine (album)

album dei Massive Attack del 1998
Mezzanine
ArtistaMassive Attack
Tipo albumStudio
Pubblicazione20 aprile 1998
Durata63:35
Dischi1
Tracce11
GenereTrip hop[1]
EtichettaCirca, Virgin
ProduttoreMassive Attack, Neil Davidge
ArrangiamentiMassive Attack, Neil Davidge
Registrazione1997, Massive Attack Studios e Christchurch Studios, Bristol (Regno Unito)
FormatiCD, 2 LP, download digitale
Certificazioni
Dischi d'oroAustria Austria[2]
(vendite: 25 000+)
Canada Canada[3]
(vendite: 50 000+)
Germania Germania[4]
(vendite: 250 000+)
Italia Italia[5]
(vendite: 50 000+)
Norvegia Norvegia[6]
(vendite: 25 000+)
Dischi di platinoAustralia Australia[7]
(vendite: 70 000+)
Belgio Belgio[8]
(vendite: 40 000+)
Danimarca Danimarca (2)[9]
(vendite: 40 000+)
Francia Francia[10]
(vendite: 100 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[11]
(vendite: 15 000+)
Regno Unito Regno Unito (2)[12]
(vendite: 600 000+)
Svizzera Svizzera[13]
(vendite: 40 000+)
Massive Attack - cronologia
Album precedente
(1995)
Album successivo
(1998)
Singoli
  1. Risingson
    Pubblicato: 7 luglio 1997
  2. Teardrop
    Pubblicato: 27 aprile 1998
  3. Angel
    Pubblicato: 13 luglio 1998
  4. Inertia Creeps
    Pubblicato: 21 settembre 1998

Mezzanine è il terzo album in studio del gruppo musicale britannico Massive Attack, pubblicato il 20 aprile 1998 dalla Circa e dalla Virgin Records.

DescrizioneModifica

Rispetto ai precedenti Blue Lines e Protection, l'album rappresenta una maggiore sperimentazione del trio britannico con la musica elettronica e l'inclusione di chitarre, pur mantenendo (seppur in minima parte) sonorità trip hop.[14][15][16] A causa di ciò, Mezzanine rappresenta l'ultima pubblicazione con il membro fondatore Andrew "Mushroom" Vowles, che abbandonò il gruppo una volta conclusa la promozione del disco.[15]

Tra i vari collaboratori vi è nuovamente presente Horace Andy, che appare in Angel e Man Next Door,[15] e Elizabeth Fraser dei Cocteau Twins, cantante in Teardrop, Black Milk e Group Four.

L'album è stato il primo ad essere stato reso disponibile anche per lo streaming e, in seguito, nel 2018 il primo ad essere pubblicato sotto forma di DNA.[17]

TracceModifica

  1. Angel – 6:18 (Robert Del Naja, Grant Marshall, Andrew Vowles, Horace Hinds)
  2. Risingson – 4:58 (Robert Del Naja, Grant Marshall, Andrew Vowles, Lou Reed, Pete Seeger)
  3. Teardrop – 5:29 (Robert Del Naja, Grant Marshall, Andrew Vowles, Elizabeth Fraser)
  4. Inertia Creeps – 5:56 (Robert Del Naja, Grant Marshall, Andrew Vowles)
  5. Exchange – 4:11 (Robert Del Naja, Grant Marshall, Andrew Vowles, Bob Hilliard, Mort Garson)
  6. Dissolved Girl – 6:07 (Robert Del Naja, Grant Marshall, Andrew Vowles, Sara Jay, Matt Schwartz)
  7. Man Next Door – 5:55 (John Holt)
  8. Black Milk – 6:20 (Robert Del Naja, Grant Marshall, Andrew Vowles, Elizabeth Fraser)
  9. Mezzanine – 5:54 (Robert Del Naja, Grant Marshall, Andrew Vowles)
  10. Group Four – 8:13 (Robert Del Naja, Grant Marshall, Andrew Vowles, Elizabeth Fraser)
  11. (Exchange) – 4:14 (Robert Del Naja, Grant Marshall, Andrew Vowles, Horace Hinds, Bob Hilliard, Mort Garson)
Traccia bonus nell'edizione giapponese
  1. Superpredators (The Mad Professor Remix) – 5:12
CD bonus nell'edizione deluxe del 2018
  1. Metal Banshee (Mad Professor Mix) – 5:48
  2. Angel (Angel Dust) – 6:03
  3. Teardrop (Mazaruni Dub One) – 6:04
  4. Inertia Creeps (Floating on Dubwise) – 6:05
  5. Risingson (Setting Sun Dub Two) – 4:53
  6. Exchange (Mountain Steppers Dub) – 5:43
  7. Wire (Leaping Dub) – 5:20
  8. Group Four (Security Forces Dub) – 8:13

FormazioneModifica

Gruppo
Altri musicisti
  • Neil Davidge – arrangiamento, programmazione, tastiera, campionatore
  • Horace Andy – voce
  • Elizabeth Fraser – voce
  • Sara Jay – voce
  • Angelo Bruschini – chitarra
  • John Harris – basso
  • Bob Locke – basso
  • Winston Blisset – basso
  • Andy Gangadeen – batteria
  • Dave Jenkins – tastiera aggiuntiva
  • Michael Timothy – tastiera aggiuntiva
Produzione

ClassificheModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Barney Hoskyns, Mezzanine, Rolling Stone, 28 maggio 1998. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  2. ^ (DE) Gold & Platin, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 15 luglio 2018. Digitare "Mezzanine" in "Titel", dunque premere "Suchen".
  3. ^ (EN) Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato il 15 luglio 2018.
  4. ^ (FR) Gold-/Platin-Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 15 luglio 2018.
  5. ^ Mezzanine (certificazione), Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 15 luglio 2018.
  6. ^ (NO) Trofeer, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 15 luglio 2018 (archiviato dall'url originale il 5 novembre 2012).
  7. ^ (EN) ARIA Charts - Accreditations - 1998 Albums, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 15 luglio 2018.
  8. ^ (NL) Goud en Platina - Albums 2004, Ultratop. URL consultato il 15 luglio 2018.
  9. ^ (DA) Certificeringer, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 18 settembre 2019.
  10. ^ (FR) Les Certifications, Syndicat national de l'édition phonographique. URL consultato il 15 luglio 2018.
  11. ^ (EN) NZ Top 40 Abums Chart, The Official New Zealand Music Chart. URL consultato il 15 luglio 2018.
  12. ^ (EN) Massive Attack, Mezzanine, British Phonographic Industry. URL consultato il 5 gennaio 2019.
  13. ^ (DE) Edelmetall 2004, Schweizer Hitparade. URL consultato il 15 luglio 2018.
  14. ^ (EN) John Bush, Mezzanine, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  15. ^ a b c (EN) Chris Jones, Massive Attack Mezzanine Review, BBC. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  16. ^ (EN) Nate Patrin, Pitchfork, 8 gennaio 2017, Attack: Mezzanine https://pitchfork.com/reviews/albums/22703-mezzanine/Massive Attack: Mezzanine. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  17. ^ (EN) Stephen Armstrong, Massive Attack are releasing an album in a new format: DNA, Wired, 19 ottobre 2018. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  18. ^ a b c d e f g h i j k l m (EN) Massive Attack - Mezzanine, Ultratop. URL consultato il 10 febbraio 2019.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica