Foto della testa di un mezzomarinaio

Il mezzomarinaro, mezzo marinaro, mezzomarinaio, mezzo marinaio, gaffa, gancio d'accosto o alighiero[1], è uno strumento della navigazione marittima formato da una lunga asta di legno, d'alluminio o di fibra di vetro che termina con un uncino, utilizzato per avvicinare il natante alla costa (o molo) durante la manovra di ormeggio, oppure per recuperare cime od oggetti ad esse collegati.

Con l'uncino si agganciano le cime o gli appigli (ad esempio un corpo morto) utili a far forza per avvicinare o allontanare l'imbarcazione, specialmente in direzione laterale.

Il termine "mezzomarinaro", nato dalla traduzione del latino mesonauta e del greco tardo μεσοναύτης[2], prima di assumere il significato attuale era, al tempo della marina velica, utilizzato per indicare il mozzo, ovvero il ragazzo che apprendeva il mestiere di marinaio assolvendo nello stesso tempo gli incarichi più umili di bordo.[3]

Royal NavyModifica

Nella Royal Navy il grado midshipman, la cui traduzione italiana è mezzomarinaio è equivalente, secondo la comparazione dei gradi delle varie marine militari membri della NATO, come stabilito dal documento ufficiale STANAG 2116, ovvero, l'accordo sulle norme sui codici per i gradi del personale militare, al Guardiamarina della Marina Militare Italiana.

NoteModifica

Altri progettiModifica