Apri il menu principale

Mia moglie, che imbrogliona!

film del 1931 diretto da Kurt Gerron
Mia moglie, che imbrogliona!
Titolo originaleMeine Frau, die Hochstaplerin
Lingua originaletedesco
Paese di produzioneGermania
Anno1931
Durata91 min
Dati tecniciB/N
rapporto: 1.20 : 1
Generecommedia
RegiaKurt Gerron
ProduttoreJoseph Than Bruno Duday (production manager)
Casa di produzioneUniversum Film (UFA)
FotografiaKarl Puth e Eugen Schüfftan
MontaggioConstantin Mick
MusicheWilly Kollo
ScenografiaOtto Erdmann e Hans Sohnle
TruccoAdolf Braun e Friedrich Havenstein
Interpreti e personaggi

Mia moglie, che imbrogliona! (Meine Frau, die Hochstaplerin) è un film del 1931 diretto da Kurt Gerron.

TramaModifica

Peter Bergmann lavora in banca. Il suo è un lavoro modesto e tranquillo; anche troppo per Jutta, sua moglie, che aspira a qualcosa di meglio. Così, la donna si dà da fare: prenota una stanza in un lussuoso albergo dove prima incontra Marty, un grosso commerciante di salsicce. Gli racconta che il marito è un direttore di banca e che lui, con la sua fabbrica, potrebbe aiutarlo a superare una crisi finanziaria. Poi, vede anche la moglie di un fabbricante di senape in rotta con il marito, che le vuole impedire una carriera da cantante. Se Jutta riuscisse a farli riconciliare, la signora le promette una ricca ricompensa.

La determinata Jutta trova presto il modo di risolvere la questione. Non solo, trova anche il sistema per far associare il produttore di salsicce a quello di senape, che diventano soci. Inoltre, Peter, suo marito, finisce per essere nominato direttore da Marty.

ProduzioneModifica

Il film fu prodotto nel 1931 dall'Universum Film (UFA) con il titolo di lavorazione Die Hochstaplerin.

DistribuzioneModifica

Distribuito dall'Universum Film (UFA) con il visto di censura B.29683 del 25 agosto 1931 che ne proibiva la visione ai minori, il film uscì nelle sale cinematografiche tedesche presentato in prima il 18 settembre 1931 al Gloria-Palast di Berlino[1].

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Gregor Ball/Eberhard Spiess, Heinz Rühmann und seine Filme - Goldmann Verlag München, 1982 ISBN 3-442-10213-8

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema