Michael Coe

archeologo, antropologo e scrittore statunitense
(Reindirizzamento da Michael D. Coe)

Michael D. Coe (New York, 14 aprile 1929New Haven, 25 settembre 2019) è stato un archeologo, antropologo e scrittore statunitense.

BiografiaModifica

Michael Douglas Coe (meglio noto come Michael D. Coe o solamente Michael Coe) è principalmente noto per i suoi studi sulle civiltà mesoamericane precolombiane e, in particolare, per la sua ricerca sulla civiltà Maya, dove è considerato uno dei massimi studiosi del Ventesimo secolo[1]. Coe ha svolto approfondite ricerche in molti siti archeologici americani: dal Messico al Sudamerica. Si è specializzato in studi comparativi delle antiche civiltà delle foreste tropicali, come quelle dell'America Centrale e del Sud-est asiatico. Nel 2005 divenne professore emerito di Antropologia presso la Yale University, curatore emerito della collezione di Antropologia del Museo di Storia Naturale di Harvard al Peabody, di cui già fu curatore dal 1968 al 1994.[2]

Con oltre quattro decenni di esperienza di ricerca sul campo, Coe è stato un autore prolifico di testi scientifici, su molti temi archeologici, antropologici e etnostorici. Redasse inoltre anche una serie di opere più popolari per lettori non specializzati, molte delle quali sono diventate dei best seller e vengono costantemente ristampate in varie lingue.

Coe si laureò in antropologia all'Università di Harvard nei primi anni 1950. Durante gli studi conobbe la figlia del biologo evolutivo e noto emigrato russo Theodosius Dobzhansky, Sophie, che era allora studentessa di antropologia al Radcliffe College; con lei si sposò nel 1955[3]. Sophie ha tradotto dal russo l'importante volume dell'epigrafista Yuri Valentinovich Knorosov, La scrittura degli indiani Maya (1967)[4]. Knorosov basa i suoi studi sull'alfabeto fonetico De Landa ed è accreditato come colui che ha trovato la chiave che ha portato alla decifrazione del sistema di scrittura dei Maya.

Premi e riconoscimentiModifica

Nel corso della sua lunga carriera scientifica, Coe è stato insignito di numerosi riconoscimenti grazie ai suoi contributi sostanziali nei campi di archeologia e antropologia. Fra questi, vi sono:

Opere tradotte in italianoModifica

NoteModifica

  1. ^ Edward H Merrin, The Olmec World of Michael Coe, in Edward Merrin. URL consultato l'11 novembre 2011.
  2. ^ Peabody Museum staff (2005)
  3. ^ Coe (1992), p.154.
  4. ^ Stuart and Houston 1989: 15,85; Scarborough 1994: 40
  5. ^ Museo Popol Vuh (nd)

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN108528692 · ISNI (EN0000 0000 8173 4153 · LCCN (ENn79072841 · GND (DE115472355 · BNF (FRcb12017758k (data) · NDL (ENJA00436245 · WorldCat Identities (ENn79-072841