Apri il menu principale

Michael Doohan

pilota motociclistico australiano
Michael Doohan
Mick Doohan 1990 Japanese GP.jpg
Mick Doohan nel 1990 al GP del Giappone
Nazionalità Australia Australia
Motociclismo IlmorX3-003.png
Carriera
Carriera in Superbike
Esordio 1988
Miglior risultato finale 12º nel 1988
Gare disputate 4
Gare vinte 3
Podi 3
Punti ottenuti 30
Pole position 1
Giri veloci 1
Carriera nel Motomondiale
Esordio 1989 in classe 500
Stagioni dal 1989 al 1999
Mondiali vinti 5
Gare disputate 137
Gare vinte 54
Podi 95
Punti ottenuti 2298
Pole position 58
Giri veloci 46
 

Michael Sydney Doohan, anche detto "Mick" Doohan (Brisbane, 4 giugno 1965), è un pilota motociclistico australiano, cinque volte consecutive campione del mondo nella classe 500 dal 1994 al 1998. Anche suo fratello, Scott Doohan, ha corso come pilota professionista.[1]

Indice

CarrieraModifica

Dopo aver gareggiato e vinto nei campionati australiani, si fa conoscere al pubblico internazionale nel campionato mondiale Formula TT dove nel 1987 ottiene subito un podio nella gara giapponese sul circuito di Sugo dove gareggia come wildcard, per poi passare al campionato mondiale Superbike, dove nel 1988 vince una gara in Giappone ed entrambe quelle in Australia. Dopo ha sempre gareggiato nella classe 500 riuscendo a vincere numerosissime corse e ben cinque titoli mondiali consecutivi: le 54 vittorie conseguite nella 500 consentono a Doohan di essere il terzo pilota di sempre per numero di vittorie nella classe regina, preceduto solo da Valentino Rossi e Giacomo Agostini.

Originario della Gold Coast, vicino a Brisbane, ha debuttato nel motomondiale nel 1989 con una Honda NSR 500. Dopo aver gareggiato con successo nel corso dei primi anni novanta, raggiungendo il 3º posto in classifica nel motomondiale 1990 e il 2º l'anno successivo, ha rischiato l'amputazione di una gamba a causa di un serio incidente, occorsogli nel GP d'Olanda sul circuito di Assen nel 1992, incidente che ha comunque provocato dei danni permanenti e l'assenza in alcuni gran premi; durante la prima parte della stagione aveva accumulato un vantaggio tale che al termine dell'anno è comunque riuscito ugualmente a riconfermare il secondo posto dell'anno precedente, perdendo solo all'ultima gara il titolo mondiale a favore di Wayne Rainey. Dopo un duro periodo di rieducazione e grazie all'aiuto di medici come Claudio Costa, è ritornato a correre, vincendo per ben cinque volte consecutive il Campionato Mondiale della classe 500 tra il 1994 ed il 1998.

Un tratto peculiare del modo di guidare di Doohan nel periodo successivo all'incidente era quello di azionare il freno posteriore anziché tramite il normale pedale di destra (per l'impossibilità di modulare la forza necessaria a causa della gamba ferita) mediante un comando a mano (una leva addizionale "a spinta" posta sulla sinistra del manubrio). Alcuni commentatori hanno sostenuto che tale tecnica di guida costituiva per Doohan un vantaggio nel controllo del freno posteriore, sebbene nulla vietasse agli altri corridori di provare tale soluzione (ed alcuni in effetti la tentarono).

Nel 1997 ha ottenuto il record di 12 vittorie in una sola stagione nella classe regina, che è durato fino al Gran Premio di Valencia del 2014, quando Marc Márquez ha conquistato la tredicesima vittoria in una stagione. Tuttavia le gare in calendario nel motomondiale 1997 erano 15, contro le 18 gare previste per il 2014.

Nel 1999 ha subito un nuovo sfortunato incidente che, a causa della nuova rottura della gamba, ne ha causato il forzato ritiro. Dopo il ritiro dalle corse ha lavorato come consulente per il reparto corse della Honda, tale rapporto si è concluso al termine della stagione 2004.

Nel suo palmarès vi è anche una vittoria nella 8 Ore di Suzuka del 1991, corsa in coppia con il connazionale Wayne Gardner.

Risultati in garaModifica

Campionato mondiale SuperbikeModifica

1988 Moto                   Punti Pos.
Yamaha 31 1 1 1 30 12º
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Non disputata/Non valida Non qual./Non part. Squalificato Ritirato

MotomondialeModifica

1989 Classe Moto                               Punti Pos.
500 Honda Rit 8 8 Rit NP 3 8 6 9 8 8 4 81
1990 Classe Moto                               Punti Pos.
500 Honda Rit 2 4 3 Rit 3 4 4 6 4 4 4 9 1 2 179
1991 Classe Moto                               Punti Pos.
500 Honda 2 2 2 1 1 3 1 2 Rit 2 3 3 2 2 3 224[2]
1992 Classe Moto                           Punti Pos.
500 Honda 1 1 1 1 2 2 1 NP 12 6 136
1993 Classe Moto                             Punti Pos.
500 Honda Rit 4 7 4 2 Rit 2 2 1 Rit 3 2 Rit 156
1994 Classe Moto                             Punti Pos.
500 Honda 3 1 2 1 1 1 1 1 1 2 1 3 1 2 317
1995 Classe Moto                           Punti Pos.
500 Honda 1 1 2 Rit Rit 1 1 1 1 2 2 1 4 248
1996 Classe Moto                               Punti Pos.
500 Honda 5 1 6 1 1 1 1 2 1 2 2 1 2 1 8 309
1997 Classe Moto                               Punti Pos.
500 Honda 1 1 2 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 2 Rit 340
1998 Classe Moto                             Punti Pos.
500 Honda Rit 1 2 1 2 Rit 1 2 1 Rit 1 1 1 1 260
1999 Classe Moto                                 Punti Pos.
500 Honda 4 2 NP 33 17º
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qual./Non part. Ritirato/Non class. Squalificato "-" Dato non disp.
Fonte dei dati: motogp.com, racingmemo.free.fr, autosport.com, jumpingjack.nl, pilotegpmoto.com.

NoteModifica

  1. ^ (FR) La course moto en Famille..., racingmemo.free.fr.
  2. ^ I punti effettivamente conquistati sarebbero 239 ma, per le regole sugli scarti in vigore quell'anno, ne vengono conteggiati solamente 224

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN87496988 · ISNI (EN0000 0001 1451 0958 · LCCN (ENn99280544 · GND (DE121622185 · WorldCat Identities (ENn99-280544