Michael Jarboe Sheehan

arcivescovo cattolico statunitense
Michael Jarboe Sheehan
arcivescovo della Chiesa cattolica
Coat of arms of Michael Jarboe Sheehan.svg
Love one another consantly
 
TitoloSanta Fe
Incarichi attualiArcivescovo emerito di Santa Fe
Incarichi ricoperti
 
Nato9 luglio 1939 (80 anni) a Wichita
Ordinato presbitero12 luglio 1964
Nominato vescovo25 marzo 1983 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato vescovo17 giugno 1983 dall'arcivescovo Patrick Fernández Flores
Elevato arcivescovo17 agosto 1993 da papa Giovanni Paolo II
 

Michael Jarboe Sheehan (Wichita, 9 luglio 1939) è un arcivescovo cattolico statunitense, dal 27 aprile 2015 arcivescovo emerito di Santa Fe.

BiografiaModifica

Monsignor Michael Jarboe Sheehan è nato a Wichita, Kansas, da John Sheehan e Mildred (nata Jarboe). È cresciuto a Texarkana, Texas.

Formazione e ministero sacerdotaleModifica

Ha frequentato il St. John's High School Seminary e il seminario dell'Assunzione a San Antonio. Venne quindi inviato a Roma per studi.

Il 12 luglio 1964 è stato ordinato presbitero per la diocesi di Dallas-Fort Worth. L'anno successivo ha conseguito la licenza in sacra teologia presso la Pontificia Università Gregoriana di Roma. Tornato in patria è stato vicario parrocchiale della parrocchia dell'Immacolata Concezione a Tyler dal 1965 al 1968. È poi tornato a Roma dove nel 1971 ha conseguito il dottorato in diritto canonico presso la Pontificia Università Lateranense. Da quell'anno al 1976 ha ricoperto l'incarico di segretario generale aggiunto della Conferenza statunitense dei vescovi cattolici. Tornato in diocesi è stato rettore del seminario "Santa Trinità" a Dallas dal 1976 al 1982 e parroco della parrocchia dell'Immacolata Concezione a Grand Prairie dal 1982 alla nomina episcopale.

Ministero episcopaleModifica

Il 25 marzo 1983 papa Giovanni Paolo II lo ha nominato vescovo della nuova diocesi di Lubbock. Ha ricevuto l'ordinazione episcopale il 17 giugno successivo dall'arcivescovo metropolita di San Antonio Patrick Fernández Flores, coconsacranti il vescovo di Amarillo Leroy Theodore Matthiesen e quello di Dallas Thomas Ambrose Tschoepe.

Il 6 aprile 1993 è diventato amministratore apostolico dell'arcidiocesi di Santa Fe, sede vacante dopo le dimissioni di monsignor Robert Fortune Sanchez, accusato di avere avuto una relazione con diverse donne e criticato per la cattiva gestione dei preti accusati di abusi su minori.

Il 17 agosto 1993 papa Giovanni Paolo II lo ha nominato arcivescovo metropolita di Santa Fe. Prese possesso dell'arcidiocesi il 21 settembre successivo.

Dal 18 giugno 2003 al 25 novembre 2003 è stato amministratore apostolico della diocesi di Phoenix, sede vacante dopo le dimissioni di monsignor Thomas Joseph O'Brien che in un incidente automobilistico aveva investito e ucciso una persona.

Nell'agosto del 2009 ha denunciato gli attacchi di alcuni dei suoi colleghi vescovi all'Università di Notre Dame contrari del fatto che il presidente Barack Obama pronunciasse il suo discorso di inizio e ricevesse una laurea honoris causa.[1] Monsignor Sheehan ha detto che la comunità cattolica rischia di isolarsi dal resto del paese e che rifiutare di parlare con un politico o di rifiutare la comunione a causa di una differenza su un singolo problema è controproducente.[1]

Monisgnor Sheehan è stato un esplicito oppositore della convivenza e dei suoi effetti sul matrimonio. Ha pubblicato diverse lettere sulla convivenza e sugli effetti che genera nei bambini.[2][3]

Nel maggio del 2012 ha compiuto la visita ad limina.

Il 27 aprile 2015 papa Francesco ha accettato la sua rinuncia al governo pastorale dell'arcidiocesi per raggiunti limiti di età.

Oltre all'inglese, parla italiano e spagnolo.

Genealogia episcopaleModifica

Successione apostolicaModifica

NoteModifica

  1. ^ a b Tom Roberts, Bishop decries 'combative tactics' of a minority of U.S. bishops, in National Catholic Reporter, 26 agosto 2009.
  2. ^ Dal sito dell'arcidiocesi di Santa Fe. (PDF), su archdiocesesantafe.org. URL consultato il 14 settembre 2018 (archiviato dall'url originale il 4 luglio 2017).
  3. ^ Dal sito dell'arcidiocesi di Santa Fe. (PDF), su archdiocesesantafe.org. URL consultato il 14 settembre 2018 (archiviato dall'url originale il 24 giugno 2016).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN187362354 · ISNI (EN0000 0003 5640 5982 · LCCN (ENno2011160210 · WorldCat Identities (ENlccn-no2011160210