Apri il menu principale

Michael Massee

attore statunitense

BiografiaModifica

Nato a Kansas City nel 1952, da Holly e Jack Groo Massee, crebbe a Parigi dove la sua famiglia era emigrata. Dopo le scuole superiori, si stabilì a New York dove si laureò presso l'Hunter College e studiò recitazione al Neighborhood Playhouse School of the Theatre[1]. Ottenne il suo primo ruolo cinematografico nel 1991, interpretando Joe in My father is coming di Monika Treut.

Massee è noto per essere l'uomo che accidentalmente uccise Brandon Lee sul set de Il corvo con un colpo di pistola a salve malfunzionante. Massee rimase fortemente scosso dall'incidente e cadde in profonde crisi depressive. Tuttavia il dramma fu un episodio accidentale causato dalla disorganizzazione della troupe e Massee fu scagionato da ogni accusa poiché ignaro del fatto che l'arma fosse difettosa. L'attore non riuscì mai a superare del tutto il tormento di quella tragedia dichiarando nel 2005: «Non penso che tu possa mai riprenderti da qualcosa del genere»[1]. Inoltre rivelò di non aver mai visto il film[2]. La sua carriera cinematografica era appena agli inizi all'epoca della realizzazione de Il corvo.

Ritiratosi per un anno dalle scene, riprese l'attività interpretando ruoli secondari o poco più che comparsate in film come Seven, Amistad, Catwoman, The Game, The Amazing Spider-Man, The Amazing Spider-Man 2 - Il potere di Electro e lavorò in molte serie TV statunitensi tra cui Alias, Revelations, 24, Criminal Minds e Rizzoli & Isles. Morì il 20 ottobre 2016 per un tumore allo stomaco all'età di 64 anni[1].

Vita privataModifica

Nel 1997 sposò Ellen Sussdorf, da cui ebbe due figli: Jack e Lily[1]. La coppia possedeva un negozio d'abbigliamento a Los Angeles.

Filmografia parzialeModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

Doppiatori italianiModifica

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Michael Massee è stato doppiato da:

Da doppiatore è sostituito da:

NoteModifica

  1. ^ a b c d Daniel E. Slotnik, Michael Massee, 64, Screen Villain Haunted by the Accidental Death of Brandon Lee, Dies, su nytimes.com. URL consultato il 29 ottobre 2016.
  2. ^ Shawn Jones, C2E2: Hudson, Todd & Massee Revisit 20 Years of “The Crow”, su cbr.com. URL consultato il 29 ottobre 2016.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN164365968 · ISNI (EN0000 0001 1272 5154 · LCCN (ENno2011003535 · GND (DE1062327594 · WorldCat Identities (ENno2011-003535