Michel Léonard Béguine

scultore francese

Michel Léonard Béguine (Uxeau, 9 agosto 1855Parigi, 29 marzo 1929) è stato uno scultore francese.

BiographieModifica

Michel Léonard Béguine era figlio di un insegnante a Uxeau e viene ammesso all'École nationale supérieure des beaux-arts dove studia con Aimé Millet e Auguste Dumont.

Nel 1878 ottiene una menzione d'onore al Salon des artistes français e, nel 1887, una medaglia di seconda classe . Dopo una medaglia d'argento all'Esposizione Universale del 1889, a quella del 1900, si aggiudica una borsa di viaggio negli Stati Uniti dove si classifica nel 1893 alla Fiera mondiale di Chicago.

Nel 1902 corona la sua carriera con una medaglia di prima classe al Salon del 1902.

Il 4 ottobre 1904 viene nominato Cavaliere della Legion d'Onore.

Michel Léonard Béguine muore nella sua casa parigina il 29 marzo 1929 e sepolto a Parigi nel cimitero di Montparnasse.

È considerato un precursore dell'Art Nouveau[1].

Opere esposte in collezioni pubblicheModifica

 
Monumento a Ernest Rousselle (1901), Parigi, boulevard Auguste Blanqui.

NoteModifica

  1. ^ Bernard Morot-Gaudry, « La sculpture en Morvan au XX et début du XXI », Bulletin de l'Académie du Morvan, n° 82, 2017, p. 24.
  2. ^ « Monument aux morts de 1870, ou A la mémoire des enfants du canton de Bourbon-Lancy, morts pour la patrie – Bourbon-Lancy », on line su e-monumen.net.
  3. ^ « Monument aux morts de 14-18, ou La Victoire – Bourbon-Lancy », on line su e-monumen.net.
  4. ^ « Monument aux morts de 14-18, ou L’Ame des ruines – Bretenoux », on line su e-monumen.net.
  5. ^ Ernest Rousselle (1836-1896), presidente del consiclio del dipartimento della Senna, conosciuto per le sue attività a favore dell'infanzia.
  6. ^ « Monument à Ernest Rousselle – Paris (75013) », on line e-monumen.net.
  7. ^ « Le Printemps – Paris (XXe) (fondu) », on line e-monumen.net.
  8. ^ trun.free.fr trun.free.fr.

BibliografiaModifica

Bernard Morot-Gaudry, La sculpture en Morvan au XX et début du XXI, Bulletin de l'Académie du Morvan. n°82, 2017, p.21.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN313569244 · ISNI (EN0000 0004 4577 2303 · BNF (FRcb15599621c (data) · WorldCat Identities (ENviaf-313569244