Michele Bonelli

cardinale italiano e primo duca di Salci

Michele Bonelli, al secolo Antonio Bonelli (Bosco Marengo, 25 novembre 1541Roma, 28 marzo 1598), è stato un cardinale italiano.

Michele Bonelli, O.P.
cardinale di Santa Romana Chiesa
Ritratto del cardinale Bonelli, opera di Scipione Pulzone del 1586
 
Incarichi ricoperti
 
Nato25 novembre 1541 a Bosco
Ordinato presbitero18 novembre 1565 dal cardinale Giovanni Antonio Serbelloni
Nominato vescovo20 marzo 1591 da papa Gregorio XIV
Consacrato vescovo2 aprile 1591 dal cardinale Girolamo Bernerio
Creato cardinale6 marzo 1566 da papa Pio V
Deceduto28 marzo 1598 (56 anni) a Roma
 

Biografia

modifica

Nacque nel 1541 a Bosco, nei pressi di Alessandria, secondogenito di Marco e Dominina de' Gibertis. Pronipote di papa Pio V (sua madre, Dominina de' Gibertis, era figlia di Gardina, sorella del pontefice), mutò il suo nome di battesimo (Antonio) in quello religioso di "Michele" nel 1559, quando entrò nell'Ordine dei frati predicatori.

Ordinato sacerdote, divenne professore di teologia a Perugia. Il papa lo creò cardinale presbitero del titolo di Santa Maria sopra Minerva nel concistoro del 6 marzo 1566 e lo nominò Cardinal Nepote e Sovrintendente Generale dello Stato Ecclesiastico: in tal veste, fu incaricato di numerose missioni diplomatiche (in Francia, in Spagna); venne posto anche alla guida di alcune congregazioni.

Come "Cardinal Nepote" promosse la bonifica della zona detta dei Pantani, situata fra la Colonna Traiana e il Tempio della Pace: la via da lui fatta tracciare attorno al 1570 fu detta Via Alessandrina proprio per l'appellativo di Alessandrino che gli derivava dall'essere nato nella provincia di Alessandria. Egli dette anche il nome a un'altra via nella stessa zona, Via Bonella, distrutta per l'apertura di Via dell'Impero.

Il 20 marzo 1591 venne nominato cardinale-vescovo di Albano.

Morì il 28 marzo 1598 all'età di 57 anni.

Genealogia episcopale e successione apostolica

modifica

La genealogia episcopale è:

La successione apostolica è:

Voci correlate

modifica

Altri progetti

modifica

Collegamenti esterni

modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN62720300 · ISNI (EN0000 0000 1967 7880 · SBN CNCV001849 · BAV 495/365523 · CERL cnp01231759 · GND (DE132840936