Apri il menu principale
Michele Di Giesi
Michele di giesi.jpg

Ministro delle poste e delle telecomunicazioni
Durata mandato 18 ottobre 1980 –
26 giugno 1981
Predecessore Clelio Darida
Successore Remo Gaspari

Ministro del lavoro e della previdenza sociale
Durata mandato 28 giugno 1981 –
1º dicembre 1982
Predecessore Franco Foschi
Successore Vincenzo Scotti

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature VI, VII, VIII, IX
Gruppo
parlamentare
PSDI
Collegio Bari
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Socialista Democratico Italiano
Professione Sindacalista

Michele Di Giesi (Bari, 4 settembre 1927Roma, 20 novembre 1983) è stato un politico italiano.

BiografiaModifica

Esponente del PSDI è stato più volte ministro della Repubblica Italiana. Nel 1970 venne eletto consigliere regionale in Puglia e fu vicepresidente della giunta di centrosinistra presieduta da Trisorio Liuzzi fino al 1972. Eletto per la prima volta alla Camera dei deputati il 17 maggio 1972 (VI Legislatura), viene riconfermato anche per la VII dove ricopre il ruolo di Ministro senza portafoglio con la delega agli interventi nel Mezzogiorno. Nella successiva Legislatura, ricopre ancora quel ruolo; per poi divenire Ministro delle poste e delle telecomunicazioni nel (Governo Forlani) e, nei successivi 2 esecutivi guidati da Spadolini, Ministro del lavoro e della previdenza sociale e in seguito, sarà per 2 volte Ministro della marina mercantile. Rifiutò l'incarico di ministro senza portafoglio per gli affari regionali nel governo Craxi decidendo di dedicarsi alla vita interna al PSDI.

Di Giesi aveva anche aspirato alla poltrona di segretario del PSDI.

Muore a causa di un infarto nella sua abitazione di Roma a 56 anni.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica