Apri il menu principale

Michele Vicino

cantautore, produttore discografico ed editore musicale italiano
Michele Vicino
Michele Vicino 1975.jpg
Michele Vicino nel 1975
NazionalitàItalia Italia
GenerePop
Dance
Periodo di attività musicale1966 – in attività
StrumentoChitarra

Michele Vicino (Milano, 20 giugno 1948) è un cantautore, produttore discografico editore musicale. italiano.

Indice

BiografiaModifica

Michele Vicino, dopo essersi avvicinato alla musica e al canto durante l'infanzia trascorsa in Sudamerica, nel 1959 è tornato in Italia e nel 1966 ha esordito vincendo, con la canzone Tu, il concorso "Premio per la miglior canzone", al PalaLido di Milano.

Nel 1967 ha incontrato Andrea Lo Vecchio e Roberto Vecchioni, i quali lo hanno inserito come cantante solista nella band Pop Seven (prodotta dalla Dischi Ricordi), con cui ha inciso il brano cover Barbara Ann dei Beach Boys e fatto provini discografici per il Clan Celentano, con il compositore Nando De Luca.

Ha firmato nel 1968 un contratto con la Ri-Fi e con Andrea Lo Vecchio e inciso (con il nome d'arte "Re Maik") tre singoli: Monotonia, Angela - brano arrangiato da Enrico Intra e suonato in studio dal gruppo pop Quelli, diventati in seguito Premiata Forneria Marconi - e Fiori bianchi per te, versione in italiano di un brano francese, con testo di Mogol. Quest'ultima canzone è stata proposta alla trasmissione RAI Settevoci, presentata da Pippo Baudo.

Ha lavorato come cabarettista, nel 1969, al Derby Club di Milano

Nel 1976 ha firmato un'esclusiva, come autore compositore, con la Warner Chappell Music Italiana, dove ha lavorato con autori di rilievo, come Cristiano Minellono, Beppe Cantarelli, Renato Brioschi, Valerio Negrini, Gianni Belfiore.

Con il suo vero nome, nel 1978 ha firmato un contratto con la Fonit Cetra e inciso due singoli: Donna mia, brano scritto con Cristiano Minellono e In due, brano scritto insieme a Gianni Belfiore e con il quale ha partecipato al Festival di Sanremo 1979 - Sezione Giovani.[1]

Si è riproposto nel 1981 come cantautore con il nome d'arte "Peter Cromo" e ha firmato un contratto con la WEA Italiana, con cui ha pubblicato l'album Allarembaggio, Mamma!. Ha prodotto nel 1982, per la WEA Italiana, il gruppo musicale RADAR. È stato nominato nel 1986 direttore generale della CBS Publishing Italia e ha ricoperto questa carica fino al 1992. È diventato produttore del cantautore Danilo Amerio, che ha partecipato al Festival di Sanremo 1995 con il brano Ho bisogno d'amore.

Tra le sue ulteriori coproduzioni sono annoverate quelle con Linda Wesley, con il cantante Raynard J., con Patty Pravo, Annalisa Minetti, L@ra, Gipsy Kings e con Papa Winnie. Nel 1998, facendo la spola tra Giamaica e Cuba, ha realizzato insieme a Carlos Bess l'album Adelante, coinvolgendo nel progetto la famiglia Marley, compreso il figlio Ky-Mani Marley. Nel 2002, con il nome d'arte di "Miguel El Flaco", ha composto e interpretato il singolo Morena.

Vertenza contro Prince, per plagioModifica

L'iter giudiziario - che ha contrapposto il batterista Bruno Bergonzi e Michele Vicino a Prince, la cui canzone The Most Beautiful Girl in the World è stata ritenuta identica a Takin' Me To Paradise, scritta da Bergonzi, prodotta da Vicino e pubblicata nel 1983 - si è concluso con condanna definitiva di Prince per plagio, con sentenza della Corte di Cassazione, a maggio 2015.[2][3] Il 5 dicembre 2007 la condanna di Prince fu confermata in secondo grado, con sentenza della Corte d'Appello di Roma.[2][3]

DiscografiaModifica

Discografia solistaModifica

AlbumModifica

  • 1981 - Allarembaggio, Mamma! (come Peter Cromo)

SingoliModifica

  • 1970 - Angela (come Re Maik)
  • 1970 - Monotonia (come Re Maik)
  • 1970 - Fiori Bianchi Per Te (come Re Maik)
  • 1978 - Donna Mia (come Michele Vicino)
  • 1979 - In Due (come Michele Vicino)
  • 1981 - Ti Pentirai (come Peter Cromo)
  • 2002 - Morena (come Miguel El Flaco)
  • 2002 - Adelante (come Miguel El Flaco)

ProduzioniModifica

AlbumModifica

  • 1980 - Bart Baker and The Blue Birds Bart Baker and The Blue Birds
  • 1983 - Riccardo Tempesti Riccardo Tempesti
  • 1985 - Jay Rolandi Call Me Baby

SingoliModifica

  • 1979 - Antonio Fogar La Mamma del Sole
  • 1979 - Machondo Cuore di Panna
  • 1979 - Molly Foster Laughin' Trough My Tears
  • 1979 - Nathalie Have Fun
  • 1979 - Strawberry's Week End in Paris
  • 1983 - Brando What Now My Love
  • 1980 - Anna Rusticano Mi sveglio e mi rivoglio
  • 1983 - Raynard Jay Takin' Me To Paradise
  • 1984 - Jack Basehart Crazy Rhythm
  • 1984 - O' Gar Playback Fantasy
  • 1984 - Paul Qualley Please Please
  • 1985 - Antonella Ruggiero[4] Sul Mare
  • 1985 - Jay Rolandi Stories
  • 1985 - Call Me Me Baby
  • 1985 - Nataele Le Ragazze di Milano

NoteModifica

  1. ^ Eddy Anselmi, 2009, p. 937.
  2. ^ a b (EN) Mark Worden, Prince's Italian Plagiarism Case Drags On, su Billboard, 20 luglio 2016.
  3. ^ a b La causa per plagio fra due autori italiani e Prince ha finalmente un esito, in Rolling Stone, 20 luglio 2016.
  4. ^ Cantante omonima dell'ex solista dei Matia Bazar

BibliografiaModifica

  • Eddy Anselmi, Festival di Sanremo. Almanacco illustrato della canzone italiana, Modena, Panini, 2009, SBN IT\ICCU\UFE\0916581.

Collegamenti esterniModifica