Apri il menu principale
Migrant Offshore Aid Station
MOAS logo.png
TipoONG
Fondazione2013
Malta
FondatoreChristopher Catrambone, Regina Catrambone
Scoporicerca e soccorso
Sede centraleMalta Sliema
Area di azioneMalta Malta
Italia Italia
PresidenteStati Uniti Regina Catrambone
Sito web

La Migrant Offshore Aid Station (MOAS) è una organizzazione non governativa specializzata nella ricerca e soccorso, fondata dagli imprenditori italo-americani Christopher Catrambone e Regina Catrambone. Tra agosto 2014 e ottobre 2015 MOAS ha salvato oltre 14.000 persone nel Mar Mediterraneo, impiegando la nave da 40 metri Phoenix[1][2]. L'organizzazione ha ricevuto un'ondata di donazioni dopo la morte di Alan Kurdi[3], che le ha permesso di espandere la propria attività nel Mar Egeo e nel Sudest Asiatico[4].

Il 12 gennaio 2016 MOAS ha così prestato assistenza ai rifugiati della guerra civile siriana naufragati sulle spiagge dell'isola di Gaidaro. Il gruppo includeva un bambino di 2 anni, divenuto la prima vittima dell'anno tra i migranti[5].

Indice

OperazioniModifica

Le operazioni di MOAS sono coordinate dall'isola di Malta, al centro del Mediterraneo e vicino alle isole italiane di Sicilia e Lampedusa. Italia e Malta sono al centro della rotta migratoria che dal Nordafrica conduce in Europa e negli ultimi anni hanno coordinato ed effettuato centinaia di soccorsi, salvando migliaia di vite in mare[6][7][8].

MOAS opera in stretta collaborazione con il centro di coordinamento dei soccorsi responsabile dell'area per ridurre le morti in mare, fornendo viveri, acqua, giubbotti di salvataggio e cure mediche ai battelli di migranti in difficoltà[9]. Per questo l'organizzazione opera con equipaggi di professionisti, inclusi nuotatori soccorritori, medici ed infermieri. Una volta recuperati a bordo i migranti, l'organizzazione segue le indicazioni del centro di coordinamento per il loro sbarco nei porti di accoglienza.

PhoenixModifica

La nave da ricerca dell'organizzazione, la Phoenix, è un battello da 40 metri e 483 tonnellate di stazza, con scafo in acciaio, costruito nel 1973. L'equipaggio è costituito da 18 persone, inclusi marinai, soccorritori e personale medico. Dispone di una infermeria di bordo, di due RHIB di soccorso e di droni per la ricerca in mare aperto[10].

Droni SchiebelModifica

La Phoenix imbarca due aeromobili a pilotaggio remoto Camcopter S-100 dell'austriaca Schiebel, utilizzati per la ricerca in mare aperto[11]. Questi droni ad ala rotante hanno un'autonomia di 100 km (praticamente la distanza tra Malta e Sicilia) o 6 ore di volo ed una velocità massima di 200 km/h[12]. Una volta individuata un'imbarcazione necessitante di soccorso, le telecamere dei velivolo possono fornire immagini in tempo reale sia alla nave madre che ai centri di coordinamento a Malta ed in Italia, con una risoluzione tale da consentire la lettura di messaggi scritti su fogli dai migranti[13]

MissioniModifica

2014Modifica

La Migration Offshore Aid Station partì per la sua prima missione lunedì 25 agosto 2014, che sarebbe durata 20 giorni. La Phoenix salpò dal Porto Grande (Malta) verso mezzogiorno, dopo la conferenza stampa tenuta a Birgu. Nel pomeriggio, mentre rientrava verso Malta per caricare altro equipaggiamento, la nave effettuò il suo primo soccorso a favore di un pescatore maltese la cui imbarcazione, col motore in panne, andava alla deriva al largo di Delimara (vicino Marsaxlokk); il pescatore e suo figlio attrassero l'attenzione dell'equipaggio agitando le braccia e rimasero affiancati alla Phoenix fino all'arrivo dei soccorsi[14].

Il primo soccorso a migranti venne effettuato il 30 agosto, con il recupero di un gruppo di 250 palestinesi e siriani, inclusi 40 bambini. Lo stesso giorno, la Phoenix prestò assistenza a 96 migranti subsahariani alla deriva su un gommone e salvati da un mercantile[15]. L'8 settembre due soccorsi portarono a bordo 700 migranti, tra i quali 83 donne e bambini, compreso un neonato di 2 giorni[16]. Altri 1.500 migranti furono recuperati in ottobre, portando il totale ad oltre 3.000 vite[17].

L'organizzazione lanciò in ottobre una raccolta fondi, che nel 2015 raggiunse la cifra di 70.000 dollari. A febbraio MOAS lanciò un appello all'industria marittima ed ai naviganti, chiedendo di rispondere attivamente all'emergenza. I marittimi in transito nel Mediterraneo erano infatti sopraffatti dal numero di rifugiati in transito dalla Libia all'Italia dopo che missioni tipo l'Operazione Mare nostrum italiana non erano più operative. Dichiarò MOAS: “A causa del gran numero di imbarcazioni di migranti e dell'assenza di asset dell'Unione europea per intercettarli, le imbarcazioni commerciali sono diventate la prima linea del soccorso. Eppure, mercantili e marinai civili sono impreparati per questo tipo di travolgente situazione di emergenza. Essi non hanno personale medico e non hanno familiarità con le cure da prestare alle persone coinvolte. E questa rappresenta una parte importante del processo, che non si limita al solo salvataggio ma anche al prendersi cura di naufraghi che possono versare in condizioni critiche per le loro vite, come abbiamo imparato a Lampedusa."[18]

2015Modifica

MOAS continuò ad operare nel Mediterraneo centrale tra maggio e settembre 2015. In questa campagna prestò assistenza ad oltre 9.000 rifugiati, portando il totale delle vite salvate alla fine del 2015 ad oltre 12.000.

2016Modifica

Da dicembre 2015 MOAS iniziò ad operare nel Mar Egeo, utilizzando la Topaz Responder[19], una nave da soccorso offshore da 51 metri presa in leasing, dotata di due lance da soccorso ad alta velocità, battezzate Alan e Galip in onore dei due fratellini curdi la cui morte aveva scioccato il mondo nel settembre 2015. Il 2 gennaio annunciò di aver salvato una nave con 39 migranti, 11 dei quali feriti dalla violenza dell'impatto con gli scogli di un'isola. Un bambino di tre mesi in severa ipotermia venne recuperato e stabilizzato[20].

Tra giugno e settembre 2016 si stima che il solo Topaz Responder abbia portato in salvo 16.000 persone[21].

La fondazione e i partenariatiModifica

MOAS è stata fondata dopo il tragico 2013, quando due barconi, uno carico di migranti provenienti da Eritrea e Somalia ed uno di rifugiati siriani, erano affondati sulla rotta tra Nordafrica ed Europa[22][23]. Ogni anno migliaia di migranti, la maggior parte provenienti dall'Africa subsahariana, rischiano la vita in mare tentando la pericolosa traversata su imbarcazioni precarie. Christopher e Regina Catrambone[24][25] hanno dato vita al progetto nel 2013 con lo scopo ultimo di eliminare per quanto possibile le perdite di vite in mare[26][27]. MOAS non opera da traghetto, ma usa tutte le sue risorse per assistere i rispettivi centri di coordinamento di soccorso nella localizzazione e ridurre le sofferenze di esseri umani in difficoltà, salvando le loro vite se necessario.[Affermazione enfatica, di parte e priva di riscontro obiettivo]

MOAS ha ricevuto vari riconoscimenti da quando è entrato in attività, tra i quali l'Ordine al merito della Repubblica italiana[28] e la Medaglia per il Servizio della Repubblica maltese (Midalja għall-Qadi tar-Repubblika)[29], un premio per l'impegno civile da parte del think tank maltese Today Public Policy Institute nel novembre 2015[30] e, nel 2016, The Geuzen Medal olandese[31].

L'organizzazione è composta da operatori umanitari, professionisti della sicurezza, personale medico e operatori marittimi esperti, impegnati per risolvere la situazione dei migranti e per combattere i pericoli che devono affrontare nel tentativo di trovare una vita libera dalla violenza[32]. Il direttore del progetto è il brig. gen. (rit.) Martin Xuereb, capo di stato maggiore della difesa di Malta[33][34][35]

Medici senza frontiere ha collaborato con MOAS da maggio a settembre 2015 a bordo della Phoenix, attendendo alle cure di 6.985 persone recuperate dal personale MOAS, con una squadra di sei persone, tra personale logistico, reporter e personale medico.[36].

A seguito dell'intensificarsi dei flussi migratori tra la Turchia e la Grecia, il MOAS, al fine di soccorrere le persone che cercano di raggiungere l'Europa attraverso il mar Egeo, firmò il 19 dicembre 2015 una convenzione con Corpo italiano di soccorso dell'Ordine di Malta (CISOM). Le equipe sanitarie composti da medici e infermieri del CISOM, sono stati imbarcati sulla Topaz Responder, 24 h per un totale di 134 giorni, calcolati sino alla fine della missione che è terminata il 30 aprile 2016. I risultati dell'Aegean SAR Operations sono stati: 1154 migranti salvati, di cui 205 bambini, 30 operazioni SAR, 80 terapie salvavita somministrate [1].

Nella successiva campagna del 2016 in Mediterraneo centrale, il Topaz Responder lasciava Malta il 6 giugno con a bordo una squadra sanitaria della ONG italiana Emergency[37], collaborazione terminata già in agosto per motivi economici[38].

Sempre a giugno, la Phoenix[39], grazie ad una convenzione tra MOAS e Federazione internazionale delle società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa, partiva invece con il personale sanitario di bordo fornito da Croce Rossa Italiana. Da agosto anche sulla Topaz Responder[40] il personale della CRI subentrava a quello di Emergency. Su ognuna delle due navi hanno operato a turno una squadra costituita da un medico, due infermieri ed un team coordinator.

OnorificenzeModifica

  Medaglia per il servizio alla Repubblica (Midalji għall-Qadi tar-Repubblika)
«Di iniziativa della Presidente della Repubblica»
— 13 dicembre 2015[41]
  Medaglia dei pezzenti (Geuzenpenning)
«Per la ricerca e il soccorso di profughi nel Mar Mediterraneo, Mar Egeo, Golfo del Bengala e del Mar delle Andamane
— 14 marzo 2016[42]

NoteModifica

  1. ^ The family that saved 3,000 lives, BBC, 10 novembre 2014. URL consultato il 12 marzo 2015.
  2. ^ Patrick Kingsley Migration correspondent, ‘We need to be united’: the family sailing to rescue refugees lost at sea, su theguardian.com, 11 dicembre 2015. Ospitato su The Guardian.
  3. ^ Jessica Elgot, Charity behind migrant-rescue boats sees 15-fold rise in donations in 24 hours, su theguardian.com, 3 settembre 2015. Ospitato su The Guardian.
  4. ^ Allied Newspapers Ltd, MOAS to launch missions in Aegean Sea, South East Asia and Central Mediterranean, su timesofmalta.com.
  5. ^ Toddler becomes first casualty of refugee crisis in 2016 – CatholicHerald.co.uk, su catholicherald.co.uk.
  6. ^ BBC News - Rise in illegal migration into European Union, Bbc.com. URL consultato il 12 luglio 2014.
  7. ^ Italian navy helping immigrant detection, timesofmalta.com, 28 maggio 2014. URL consultato il 12 luglio 2014.
  8. ^ Couple sets sail on life saving mission, CNN, 10 novembre 2014. URL consultato il 13 marzo 2015.
  9. ^ MOAS: Home, Moas.eu. URL consultato il 12 luglio 2014.
  10. ^ This millionaire uses drones to rescue thousands of African migrants are at sea, Mashable, 12 marzo 2015. URL consultato il 12 marzo 2015.
  11. ^ This American Millionaire is Using Drones to Rescue Migrants in Africa, Gizmodo UK, 6 marzo 2015. URL consultato il 12 marzo 2015.
  12. ^ 1First MOAS Private Migrant Rescue Mission Starts on Wednesday, independent.com.mt. URL consultato il 25 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 3 settembre 2014).
  13. ^ Maltese Fisherman and His Young Song are First to be Rescued by Privately Funded Migrant Aid Station, timesofmalta.com. URL consultato il 25 agosto 2014.
  14. ^ Maltese Fisherman and His Young Song are First to be Rescued by Privately Funded Migrant Aid Station, Times of Malta. URL consultato il 25 agosto 2014.
  15. ^ MOAS rescue mission saves its first migrants, Times of Malta. URL consultato il 30 agosto 2014.
  16. ^ Sailing to save lives, Daily Sabah. URL consultato il 16 settembre 2014.
  17. ^ MOAS saves 3,000 lives in 60 days, Migrant Offshore Aid Station (MOAS). URL consultato il 31 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 17 febbraio 2015).
  18. ^ Search and rescue charity Migrant Offshore Aid Station (MOAS) launches urgent fundraising appeal to expand operations after latest Lampedusa tragedy, Migrant Offshore Aid Station (MOAS). URL consultato il 13 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 24 marzo 2015).
  19. ^ Vessel Details, Topaz Responder, su MarineTraffic, MarineTraffic.com, 2016. URL consultato il 28 dicembre 2016.
    «Length Overall x Breadth Extreme: 50.9m × 13m».
  20. ^ Migrant Offshore Aid Station (MOAS) rescues shipwrecked Syrians on Greek island of Agathonisi - MOAS, su moas.eu, 2 gennaio 2016.
  21. ^ CBC documentary captures life of asylum seekers on rescue boat, su CBC, CBC, 26 ottobre 2016. URL consultato il 28 dicembre 2016.
    «Ayed's time on the ship will be featured on a new episode of the fifth estate, Oct. 28, on CBC Television. She tells The Current's Anna Maria Tremonti that Responder has rescued an estimated 16,000 people between June and September and 30,000 for the whole year.».
  22. ^ 102 migrants brought to Malta, timesofmalta.com. URL consultato il 12 luglio 2014.
  23. ^ Couple Spend Life Savings On Boat And Drones To Stop Migrant Deaths In The Med, Huffington Post, 17 luglio 2014. URL consultato il 13 marzo 2015.
  24. ^ Good samaritans launch mission to save migrants in the Mediterranean, The Guardian, 16 luglio 2014. URL consultato il 13 marzo 2015.
  25. ^ Meet the American Couple Saving Thousands Trying to Get to Europe, Time, 22 dicembre 2014. URL consultato il 13 marzo 2015.
  26. ^ Benefactor Couple Fund First Ever Private Migrant Rescue at Sea Mission, The Sunday Times of Malta, 13 luglio 2014. URL consultato il 13 luglio 2014.
  27. ^ Hurricane Katrina Survivor Now Saves Lives in Mediterranean Sea, NBC News. URL consultato il 15 marzo 2015.
  28. ^ Copia archiviata, su ilquotidianoweb.it. URL consultato il 7 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 28 gennaio 2016).
  29. ^ Malta awards MOAS the Medal of the Republic - MOAS, su moas.eu, 13 dicembre 2015.
  30. ^ MOAS directors receive the PSI award for civic engagement, Malta Today, 16 novembre 2015. URL consultato il 21 dicembre 2015.
  31. ^ Stichting Geuzenverzet 1940-1945, su geuzenpenning.nl.
  32. ^ MOAS: Who We Are, Moas.eu. URL consultato il 12 luglio 2014 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2014).
  33. ^ No One Deserves to Die at Sea, MaltaToday. URL consultato il 13 luglio 2014.
  34. ^ No One Deserves to Die at Sea, The Malta Independent on Sunday. URL consultato il 13 luglio 2014 (archiviato dall'url originale il 23 luglio 2014).
  35. ^ Private Seenotretter im Mittelmeer: "Was wollen Sie tun - die Leute ertrinken lassen?", Spiegel Online, 11 novembre 2014. URL consultato il 13 marzo 2015.
  36. ^ MSF Medical Team Concludes Work With Migrant Offshore Aid Station in Mediterranean, su doctorswithoutborders.org, 23 settembre 2015.
  37. ^ EMERGENCY & MOAS iniziano insieme una missione per il salvataggio dei migranti nel mare Mediterraneo, su emergency.it, 6 giugno 2016.
  38. ^ Conclusa la collaborazione tra Emergency e MOAS, su emergency.it, 2 agosto 2016.
  39. ^ Croce Rossa Italiana su una delle navi di MOAS per garantire assistenza sanitaria a bordo, su cri.it, giugno 2016.
  40. ^ Croce Rossa a bordo di MOAS: al sicuro 327 persone migranti soccorse stamattina nel Mediterraneo, su cri.it, agosto 2016.
  41. ^ Times of Malta, su timesofmalta.com. URL consultato l'8 maggio 2017.
  42. ^ Stichting Geuzenpenning, su geuzenpenning.nl. URL consultato l'8 maggio 2017.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica