Mikael Ymer

tennista svedese
Mikael Ymer
Ymer M. RGQ19 (21) (48002588912).jpg
Mikael Ymer nel 2019
Nazionalità Svezia Svezia
Altezza 183 cm
Peso 75 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 38-41 (48.1%)
Titoli vinti 0
Miglior ranking 67º (2 marzo 2020)
Ranking attuale 72º (30 agosto 2021)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 3T (2021)
Francia Roland Garros 3T (2021)
Regno Unito Wimbledon 2T (2021)
Stati Uniti US Open 1T (2020, 2021)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 6-7 (46.15%)
Titoli vinti 1
Miglior ranking 187º (16 ottobre 2017)
Ranking attuale 1465º (23 agosto 2021)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 23 agosto 2021

Mikael Ymer (Skövde, 9 settembre 1998) è un tennista svedese.

La sua famiglia è di origine etiope. Ha un fratello maggiore, Elias, che ha anch'egli intrapreso la carriera tennistica, e uno minore, Rafael, nato nel 2006, che ha dichiarato di voler seguire le loro orme.[1]

CarrieraModifica

JuniorModifica

A livello giovanile raggiunge il risultato più importante a Wimbledon 2015 dove viene sconfitto in finale da Reilly Opelka col punteggio di 7-65, 6-4.

ProfessionistaModifica

2014Modifica

Durante l'anno partecipa a tre tornei Futures in Svezia, raggiungendo il secondo turno nei primi due, sconfitto rispettivamente dal fratello Elias e da Bastian Trinker e il quarto di finale nell'ultimo torneo battendo in serie Xin Gao e Maxim Dubarenco prima di arrendersi ad Isak Arvidsson. Riceve una wildcard per il torneo di qualificazioni dei due tornei ATP 250 svedesi di Stoccolma e Båstad fallendo in entrambe le occasioni. Chiude l'anno da numero 1254 ATP in singolare. In doppio partecipa al solo F2 di Svezia in coppia con Igor Tubic perdendo nei quarti di finale.

2015Modifica

Inizia l'anno raggiungendo i quarti di finale a due tornei Futures di Adalia e Candia. Esce poi prematuramente dall'F2 di Båstad, prima di conquistare il suo primo titolo la settimana successiva superando in finale Dragos Nicolae Madaras. A inizio settembre raggiunge i quarti di finale a Calgary sconfitto da Tennys Sandgren. Mentre a fine mese nel Futures di Falun riesce a spingersi fino alla semifinale fermato da Adrian Sikora. Il 4 ottobre raggiunge la sua seconda finale a Danderyd sconfitto da Joe Salisbury. La settimana seguente riceve una wildcard per il torneo di Stoccolma, dove viene sconfitto al primo turno da Alexander Zverev.

Viene convocato per il secondo turno di playoff di coppa Davis contro la Danimarca, vincendo entrambi i suoi incontri di singolare contro Frederik Nielsen e nel turno decisivo contro Christian Sigsgaard. Prova quindi per la prima volta le qualificazioni per un torneo Challenger al Slovak Open di Bratislava, venendo sconfitto al primo turno dal futuro finalista Lukáš Lacko, mentre la settimana successiva prova le qualificazioni di Brescia, venendo sconfitto al secondo turno di qualificazioni dal fratello Elias.

In doppio partecipa a quattro tornei del circuito Futures, perdendo al primo turno di Heraklion e Calgary, nei quarti di finale Karlskrona e raggiungendo la sua prima finale a Båstad in coppia con Daniel Appelgren sconfitti da Jonathan Mridha e Fred Simonsson.

Chiude così l'anno da 596º in singolare e 1471º in doppio.

2016Modifica

A fine agosto si qualifica per il torneo Città di Como Challenger e supera al primo turno Danilo Petrović col punteggio di 0-6, 6-4, 6-4, prima di arrendersi al turno successivo a Marco Cecchinato. Viene poi convocato in Coppa Davis per il primo turno di playoff contro l'Olanda perdendo entrambi i suoi incontri di singolare contro Robin Haase e Tim van Rijthoven. Ad inizio ottobre si qualifica per il BFD Energy Challenger spingendosi fino alle semifinali dove viene sconfitto da Jan Satral. Entra in tabellone al Morocco Tennis Tour 2016 dove supera al primo turno Jordi Samper-Montana prima di arrendersi a Damir Džumhur. La settimana successiva riceve la wildcard per il tabellone di singolare e doppio al torneo di Stoccolma. In singolare vince la sua prima partita in un tabellone principale contro Fernando Verdasco[2] prima di venire sconfitto dalla testa di serie numero 3 del tabellone Ivo Karlović mentre in doppio col fratello Elias il 23 ottobre vince il suo primo titolo superando in finale Michael Venus e Mate Pavić con un doppio 6-1. Chiude così l'anno da 497º in singolare e 276º in doppio.

2017Modifica

Inizia la stagione vincendo il 5 marzo il Futures di Lilla, battendo in finale Botic Van de Zandschulp col punteggio di 6-2, 6-3. Riceve poi una wildcard per il Miami Open dove viene sconfitto in due set da Robin Haase. Non riesce a qualificarsi per il Challenger di Barletta. A Barcellona viene sconfitto al primo turno da Andreas Seppi. Dopo aver fallito le qualificazioni in diversi Challenger, riesce a spingersi fino in semifinale al Båstad Challenger, sconfitto da Leonardo Mayer. Riceve una wildcard per il 250 di Båstad dove viene eliminato da Henri Laaksonen, nel doppio in coppia col fratello raggiunge le semifinali.

2019Modifica

Nella stagione 2019, Mikael ottiene vari successi a livello Challenger e partecipa alle Next Gen Atp Finals, dove si ferma ai gironi di qualificazione.

2020Modifica

Inizia la stagione sul cemento di Doha dove, dopo aver passato le qualificazioni battendo in due set la wild-card Mousa Shanan Zayed al primo turno, conquista l'accesso al tabellone principale vincendo in tre set sullo spagnolo Alejandro Davidovich Fokina. Nel turno successivo viene eliminato in tre set da Aljaz Bedene.

Si iscrive alle qualificazioni del torneo di Auckland nelle quali ha la meglio di Frank Dancevic al primo turno e di Mackenzie McDonald al secondo turno, regolando entrambi in due set. Entrato nel tabellone principale, fa il suo esordio battendo Frances Tiafoe in 3 set. Viene eliminato negli ottavi di finale da Hubert Hurkacz con il punteggio di 2-6;6-7.

Agli Australian Open elimina al primo turn il giapponese Uchiyama in tre set prima di capitolare contro la testa di serie n.16 Karen Kachanov in cinque set.

Partecipa all'open di Montpellier eliminando al primo turno la giovane promessa italiana Jannik Sinner in due set per poi cedere al turno successivo contro Filip Krajinović con l'incredibile risultato di 1-6,1-6

Nel torneo di Marsiglia giunge nuovamente al secondo turno dove, dopo aver battuto il francese Richard Gasquet in tre set, viene battuto dal ben più quotato Stefanos Tsitsipas che gli concede solamente quattro giochi.

Tenta successivamente l'accesso al torneo del Dubai, ma è costretto al ritiro al primo turno di qualificazione contro Evgenij Donskoj. Il 2 marzo 2020 ottiene il suo best ranking, salendo alla posizione numero 67 della classifica ATP.

Dopo la sosta forzata dovuta alla pandemia di Covid-19, torna in campo nel Western & Southern Open, venendo eliminato nel primo turno di qualificazioni dal sudafricano Lloyd Harris. Non ha maggiore fortuna agli US Open poiché viene eliminato al primo turno da Filip Krajinovic in tre set.

StatisticheModifica

SingolareModifica

Finali perse (1)Modifica

Legenda
Grande Slam (0)
ATP Finals (0)
ATP Masters 1000 (0)
ATP Tour 500 (0)
ATP Tour 250 (1)
N. Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 28 agosto 2021   Winston-Salem Open, Winston-Salem Cemento   Il'ja Ivaška 0-6, 2-6

DoppioModifica

Vittorie (1)Modifica

Legenda doppio
Grande Slam (0)
ATP World Tour Finals (0)
ATP Masters 1000 (0)
ATP World Tour 500 (0)
ATP World Tour 250 (1)
Numero Data Torneo Superficie Compagno Avversari in Finale Punteggio
1. 23 ottobre 2016   Stockholm Open, Stoccolma Cemento (i)   Elias Ymer   Michael Venus
  Mate Pavić
6-1, 6-1

Tornei minoriModifica

SingolareModifica

Vittorie (3)Modifica
Legenda tornei minori
Challenger (1)
Futures (2)
Numero Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 17 maggio 2015   Sweden F3, Båstad Terra battuta   Dragos Nicolae Madaras 2-6, 6-1, 6-2
2. 5 marzo 2017   France F4, Lilla Cemento indoor   Botic Van de Zandschulp 6-2, 6-3
3. 6 gennaio 2019   Internationaux de Nouvelle-Calédonie, Numea Cemento   Noah Rubin 6-3, 6-3
Finali perse (2)Modifica
Legenda tornei minori
Challenger (1)
Futures (1)
Numero Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 4 ottobre 2015   Sweden F5, Danderyd Cemento indoor   Joe Salisbury 63-7, 6-3, 3-6
2. 14 aprile 2019   Murcia Open, Murcia Terra battuta   Roberto Carballés Baena 6-2, 0-6, 2-6

DoppioModifica

Finali perseModifica
Legenda tornei minori
Challenger (0)
Futures (1)
Numero Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 10 maggio 2015   Sweden F2, Båstad Terra battuta   Daniel Appelgren   Jonathan Mridha
  Fred Simonsson
1-6, 7-65, [7-10]

NoteModifica

  1. ^ (SV) Bröderna Ymer namngav yngre brodern efter Rafael Nadal, su svt.se, 10 aprile 2020. URL consultato il 23 agosto 2021.
  2. ^ Fabrizio Zocco, Tennis, Atp 250 Stoccolma: Mikael Ymer demolisce Verdasco, su sportface.it, 18 ottobre 2016.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica