Milestones (Miles Davis)

album di Miles Davis del 1958
Milestones
ArtistaMiles Davis
Tipo albumStudio
Pubblicazione1º dicembre 1958[1][2]
Durata47:36 originale
68:18 nella riedizione
Dischi1
Tracce6 + 3 tracce addizionali nella riedizione.
GenereJazz
EtichettaColumbia - CL1193
ProduttoreGeorge Avakian
Registrazione4 febbraio 1958 - 4 marzo 1958
Notei brani 1-2 sono stati registrati nella seconda sessione, quelli dal 6 al 9 nella prima.
Miles Davis - cronologia
Album successivo
(1959)

Milestones (Columbia, 1958) è la prima e unica prova discografica in studio del sestetto di Miles Davis (il famoso primo quintetto con l'aggiunta di Cannonball Adderley). Si tratta anche dell'ultima seduta in studio che vide riunita la sezione ritmica composta da Garland, Jones e Chambers (sia Jones sia Garland abbandonarono la formazione poco tempo dopo la registrazione)

In questo album, Davis inizia a cimentarsi (soprattutto nel brano che dà il titolo all'album) con il tipo di jazz modale che avrebbe poi definitivamente adottato e reso popolare nell'album Kind of Blue.

TracceModifica

  1. Dr. Jackle (Jackie McLean) 4 marzo 1958 - 5:45
  2. Sid's Ahead (Miles Davis) 4 marzo 1958 - 12:59
  3. Two Bass Hit (John Lewis-Dizzy Gillespie) [take 2] 4 febbraio 1958 - 5:10
  4. Milestones (Miles Davis) [take 3] 4 febbraio 1958 - 5:42
  5. Billy Boy (tradizionale, arrangiamento di Ahmad Jamal) [take 1] 4 febbraio 1958 - 7:11
  6. Straight, No Chaser (Thelonious Monk) [take 2] 4 febbraio 1958 - 10:35
  7. Two Bass Hit (John Lewis-Dizzy Gillespie) [take 1] 4 febbraio 1958 - 4:30
  8. Milestones (Miles Davis) [take 2] 4 febbraio 1958 - 5:59
  9. Straight, No Chaser (Thelonious Monk) [take 1, voci dei musicisti alla fine] 4 febbraio 1958 - 10:27

Billy Boy è suonata solo dal trio (piano, basso batteria). L'assolo di Garland in Straight, no Chaser (6) comprende una riarmonizzazione con block chords (tipica di Garland) di un famoso assolo di Davis sul tema di Now's the time di Charlie Parker. In Sid's Ahead, come leggiamo dall'autobiografia di Miles Davis, fu lo stesso trombettista a suonare il pianoforte perché Red aveva dato di matto mentre Miles cercava di spiegargli qualcosa e aveva mollato.

FormazioneModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Miles Davis' The Original Mono Recordings Collects Nine Of Miles' Earliest Columbia Albums, Recorded 1956 To 1961, Sony Music Entertainment, 4 settembre 2013. URL consultato il 19 settembre 2013.
  2. ^ (EN) Chris DeVito; Yasuhiro Fujioka; Wolf Schmaler; David Wild, The John Coltrane Reference, a cura di Lewis Porter, New York, Routledge, 2013, p. 511, ISBN 978-1-135-11257-8. URL consultato il 28 agosto 2013.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Jazz: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di jazz