Milizia Popolare Ucraina

Milizia Popolare Ucraina
(in ucraino:Українська Міліція)
(in tedesco: Ukrainische Miliz)[1]
Descrizione generale
Attiva23 giugno 1941 – novembre 1941
NazioneGermania Governatorato Generale
Germania Reichskommissariat Ukraine
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La Milizia Popolare Ucraina o Milizia Nazionale Ucraina (in ucraino: Українська Народна Міліція),[2] fu una formazione paramilitare creata dall'Organizzazione dei Nazionalisti Ucraini (OUN) nel territorio del Governatorato Generale della Polonia occupata e successivamente nel Reichskommissariat Ukraine durante la seconda guerra mondiale. Fu istituita nel corso dell'Operazione Barbarossa, l'invasione dell'Unione Sovietica del 1941.

FormazioneModifica

La Milizia Popolare Ucraina, creata nel giugno 1941, ha preceduto la fondazione ufficiale della Polizia Ausiliaria Ucraina a metà agosto 1941 da parte di Heinrich Himmler. Esistono prove storiche conclusive che indicano che i membri della milizia giocarono un ruolo di primo piano nei pogrom di Leopoli del 1941,[2] con il conseguente massacro di 6000 ebrei polacchi,[3] dopo che l'esercito tedesco raggiunse Lwów (Lemberg) alla fine del giugno nella Polonia orientale occupata dai sovietici (ora Lviv, in Ucraina).[4] Inizialmente la Milizia agiva in modo indipendente, con la benedizione delle SS, ma in seguito si limitò ad operazioni congiunte (Aktionen) con le unità tedesche o comunque operava direttamente sotto il comando nazista.[5]

La Milizia popolare ucraina fu attiva nei territori occupati dietro le linee della Wehrmacht, assistendo la polizia di sicurezza tedesca e le Einsatzgruppen mentre l'esercito continuava ad avanzare in direzione di Zhytomyr, Rivne e Kiev. Heinrich Himmler fu nominato Capo delle SS e della Polizia per i Territori Orientali il 17 luglio 1941 e decretò la formazione delle unità Schutzmannschaft tra gli ausiliari non tedeschi. A metà agosto riunì i primi miliziani, sorti sotto il governo militare, per formare il nucleo dell'Ukrainische Hilfspolizei ufficiale.[6] Prima di allora, i membri della Milizia ucraina compilarono gli elenchi di obiettivi, specie nelle città precedentemente polacche con una considerevole presenza di popolazione polacco-ebraica, per le filiali del KdS, assistendo anche nei rastrellamenti come nel caso di Stanisławów, Włodzimierz Wołyński e Lutsk.[7][8][9][10] A Korosten, la Milizia ha radunato 238 ebrei descritti come "fonte di continui disordini" e ha compiuto autonomamente gli omicidi.[11] A Sokal, il 30 giugno 1941 arrestarono e giustiziarono 183 ebrei soprannominati "i commissari", a cui seguirono altre località.[1]

Entro il 7 agosto 1941 le stazioni della Milizia popolare ucraina furono stabilite nella maggior parte delle aree conquistate dalla Wehrmacht tra cui Leopoli (Lwów, Lemberg), Tarnopol, Stanislavov (Stanisławów, oggi Ivano-Frankivsk), Lutsk (Łuck), Rovno, Yavoriv, Kamenetz-Podolsk, Drohobych (Drohobycz), Dubno, Sambir, Kostopol, Sarny, Zolochiv, Berezhany, Pidhaytsi, Kolomyya, Rava-Ruska, Radekhiv, Terebovlia, Zbarazh, Zhytomyr, Fastov e altri.[12]

Istruzioni della Milizia popolare ucrainaModifica

Il dovere dichiarato della Milizia popolare ucraina era quello di mantenere l'ordine nei territori appena occupati difendendo la popolazione ucraina dagli attacchi dei resti sparsi dell'Armata Rossa, uccidendo i membri della resistenza o i paracadutisti sovietici catturati dietro le linee tedesche, confiscando le armi, registrando i funzionari ex comunisti o gli specialisti portati nell'Ucraina occidentale dalle regioni orientali, e sparando ai saccheggiatori o a coloro che furono sorpresi a nascondere le armi da fuoco, nonché i collaboratori dello stato sovietico e dei diversivi sovietici.

I regolamenti della Milizia popolare ucraina consentirono agli ebrei di unirsi, ma solo in base a regole rigorose che richiedevano loro di indossare le stelle gialle sui loro vestiti. Ai polacchi e ai russi era espressamente vietato entrare nelle forze armate.[13][14]

L'OUN che controllava la Milizia popolare ucraina era fortemente contraria alla struttura di potere sovietica, stabilita in Galizia dopo le annessioni sovietiche, in particolare l'NKVD. Il comando cercò di neutralizzare quegli elementi particolari che l'OUN riteneva fossero fondamentali per proiettare il potere sovietico sull'Ucraina. Le istruzioni emesse nel maggio 1941 dall'OUN nel Distrikt Galizien furono molto specifiche su chi fosse il nemico.[15]

«Ci sono elementi che danno appoggio al regime sovietico e all'NKVD, che, con la creazione del nuovo potere rivoluzionario in Ucraina, deve essere neutralizzato (cioè liquidato; унешкідливлені). Questi elementi sono:

  1. i moscoviti (russi) inviati nelle terre ucraine per rafforzare il potere di Mosca in Ucraina;
  2. gli ebrei, individualmente e come gruppo nazionale;
  3. gli stranieri, per lo più asiatici, che Mosca usa per colonizzare l'Ucraina per trasformare il Paese in una scacchiera etnica;
  4. i polacchi nelle terre dell'Ucraina occidentale che non hanno rinunciato al sogno di costruire una Grande Polonia a spese delle terre ucraine, anche se la Grande Polonia diventerà rossa." Fine della citazione.[9]»

Gli obiettivi della Milizia popolare erano di facilitare l'eradicazione dei sospetti membri dell'NKVD e del Partito Comunista, compresi i pubblici ministeri o i cittadini sovietici che durante il governo sovietico hanno collaborato con loro. Tutti gli eminenti non ucraini dovevano essere sepolti. La Milizia popolare, secondo le istruzioni, è stata consigliata di agire in modo tale che "l'esercito e le autorità alleate" (cioè la polizia di sicurezza tedesca e la Gestapo) "traessero evidenti benefici dall'esistenza della Milizia popolare."[16]

Dipartimento di sicurezza dello Stato della MiliziaModifica

La struttura della Milizia popolare ucraina comprendeva anche un "dipartimento politico" - simile alla Gestapo (familiare dell'organizzazione OUN-R) - chiamato "Polizia di Stato segreta".[17]

Il 25 giugno 1941, Yaroslav Stetsko scrisse a Stepan Bandera che l'OUN aveva "formato una Milizia per rimuovere gli ebrei".[14] Dopo la proclamazione della "Stato ucraino con il leader Stepan Bandera" nel suo governo è stato creato l'UDB (Dipartimento della Sicurezza dello Stato). Il 2 luglio 1941 la Milizia popolare OUN di Bandera, fondata dal gruppo Yaroslav Stetsko a Lemberg, fu posta sotto il comando della Sicherheitspolizei e della Gestapo.[18]

Se disponibile, il personale della Milizia popolare dell'OUN di Bandera doveva utilizzare le uniformi dell'esercito sovietico catturate con una fascia da braccio giallo-blu indossata sulla manica sinistra. Se tali indumenti militari non erano a portata di mano, i membri dovevano indossare una fascia da braccio bianca con il nome Milizia popolare (Народна Міліція).[19]

NoteModifica

  1. ^ a b Frank Grelka, Ukrainischen Miliz, Otto Harrassowitz Verlag, 2005, pp. 283–284, ISBN 3447052597. URL consultato il 17 luglio 2015.
  2. ^ a b John-Paul Himka, Ще кілька слів про львівський погром (A few words about the Lviv pogrom), su istpravda.com.ua, Історична правда, 25 febbraio 2013. URL consultato il 14 luglio 2015. Vedi anche: John-Paul Himka, The Lviv Pogrom of 1941: The Germans, Ukrainian Nationalists, and the Carnival Crowd, in Canadian Slavonic Papers, vol. 53, 2–4, 2011, pp. 209–243, DOI:10.1080/00085006.2011.11092673, ISSN 0008-5006 (WC · ACNP).
  3. ^ Peter Longerich, Holocaust: The Nazi Persecution and Murder of the Jews, Oxford, New York, Oxford University Press, 2010, p. 194, ISBN 978-0-19-280436-5.
  4. ^ USHMM, Lwów, in Holocaust Encyclopedia, United States Holocaust Memorial Museum. URL consultato il 14 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 7 marzo 2012).
  5. ^ Jakob Weiss, The Lemberg Mosaic, New York: Alderbrook Press, 2011; pp. 165–174 (chpt. Prison Massacre), 206–210 (chpt. Petlura Days).
  6. ^ Symposium Presentations, The Holocaust and [German] Colonialism in Ukraine: A Case Study (PDF), su ushmm.org, The Center for Advanced Holocaust Studies of the United States Holocaust Memorial Museum, settembre 2005, pp. 15, 18–19, 20. URL consultato il 7 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 16 agosto 2012).
  7. ^ The KdS stands for the Kommandateur der Sicherheitspolizei und des SD, or the Regional Command of the Sipo (Sicherheitspolizei) and SD (Sicherheitsdienst, the intelligence branch of the SS).
  8. ^ PWL, Mord w Czarnym Lesie (Murder in the Black Forest), su pwl1943.republika.pl, PWL-Społeczna organizacja kresowa. URL consultato il 14 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 27 novembre 2014).
  9. ^ a b I. K. Patrylyak (2004), Військова діяльність ОУН(Б) у 1940—1942 роках (The Military Activities of the OUN (B), 1940–1942). Shevchenko University; Institute of History of Ukraine, Kiev, pp. 522–524 (4–6/45 in PDF).
  10. ^ Іван Качановський, Сучасна політика пам'яті на Волині щодо ОУН(б) та нацистських масових вбивств, su uamoderna.com, Україна модерна (Contemporary politics of memory about OUN (b) in Volhynia and the Nazi massacres), 30 marzo 2013. URL consultato il 14 luglio 2015.
  11. ^ Ronald Headland (1992), Messages of Murder: A Study of the Reports of the Einsatzgruppen of the Security Police and the Security Service, 1941–1943. Fairleigh Dickinson Univ. Press, pp. 125–126. ISBN 0838634184.
  12. ^ Р. П. Шляхтич, ОУН в 1941 році: документи: В 2-х частинах Ін-т історії України НАН України (OUN in 1941: Documents in 2 volumes). Institute of History of Ukraine. Kiev: Ukraine National Academy of Sciences of Ukraine, 2006, pp. 426–427. ISBN 966-02-2535-0. Abstract, with links to PDF files.
  13. ^ Patrylyak 2004, pp. 527 (9 in PDF), and 563 (45 in PDF).
  14. ^ a b Dzyobak, Ilyushyn I.I. and I.K. Patrylyak et al. та інші Організація українських націоналістів і Українська повстанська армія (The Organization of the Ukrainian Nationalists and the Ukrainian Insurgent Army). Institute of History of Ukraine. Kiev: National Academy of Sciences of Ukraine, 2004, p. 63.
  15. ^ Patrylyak 2004, p. 524 (6 in PDF).
  16. ^ Patrylyak 2004, p. 550.
  17. ^ Lysenko, A.E. and I.K. Patrylyak. Матеріали та документи Служби безпеки ОУН (б) у 1940–х (Materials and Documents of the Security Service of the OUN (b) in the 1940s). Kiev: Institute of History of Ukraine, 2003, p. 7. ISBN 966-02-2729-9.
  18. ^ Patrylyak 2004, p. 231.
  19. ^ OUN in 1941, p. 130. Stepan Bandera faction.

BibliografiaModifica

  • ОУН в 1941 році: документи: В 2-х частинах Ін-т історії України НАН України – OUN in 1941: Documents: in 2 volumes Institute of History of Ukraine Ukraine National Academy of Sciences of Ukraine K. 2006 ISBN 966-02-2535-0
  • I. K. Patrylyak (2004), Військова діяльність ОУН(Б) у 1940—1942 роках (The Military Activities of the OUN (B), 1940–1942). Університет імені Шевченко, Ін-т історії України НАН України Київ (Institute of History of Ukraine).
  • Pohl D. Nationalsozialistische Judenverfolgung in Ostgalizien 1941–1944: Organisation und Durchfuhrung eines staatlichen Massen-verbrechens. – Munich, 1997