Apri il menu principale

Mille lire al mese (film)

film del 1939 diretto da Max Neufeld (aiuto Luigi Zampa)
Mille lire al mese
Paese di produzioneItalia
Anno1939
Durata80 min
Dati tecniciB/N
Generecommedia
RegiaMax Neufeld
SoggettoOreste Biancoli
SceneggiaturaLuigi Zampa, dialoghi di Gherardo Gherardi
ProduttoreEttore Rosboch
Produttore esecutivoCarlo Della Posta
Casa di produzioneItalcine
Distribuzione in italianoICI
FotografiaErnest Mullratt
MontaggioGiorgio Simonelli
MusicheFelice Montagnini - canzoni originali di Carlo Innocenzi
ScenografiaOttavio Scotti
Interpreti e personaggi

Mille lire al mese è un film di Max Neufeld del 1939.

Nei titoli di testa il regista appare con il nome italianizzato di Massimiliano Neufeld.

Indice

TramaModifica

Un ingegnere elettronico viene chiamato dalla direzione della televisione ungherese per collaudare i nuovi impianti televisivi. Giunge nella capitale, Budapest, insieme alla fidanzata, alla stazione ha modo di scontrarsi e schiaffeggiare proprio il direttore della televisione magiara, ignorando chi fosse.

La fidanzata per rimediare alle conseguenze che potrebbero derivare dallo scontro, si reca nella farmacia di un suo amico, gli chiede di sostituirsi all'ingegnere e di presentarsi al direttore della Tv, facendosi passare per il tecnico televisivo, nel primo giorno di lavoro.

Il direttore però segue il lavoro del nuovo assunto e, nel frattempo, gli corteggia pure la fidanzata. Alla fine, quando l'equivoco sarà chiarito, si ritirerà in buon ordine.

ProduzioneModifica

Il film è stato realizzato negli stabilimenti SAFA di Roma.

Commedia di ambiente ungherese, come erano molti film di quell'epoca, prende spunto dagli esperimenti di trasmissioni televisive, che in quel periodo si svolgevano anche in Italia. Le trasmissioni sperimentali erano irradiate dalle stazioni di Roma, Milano, Torino: molti negozi avevano già in vetrina i nuovi apparecchi, ma la guerra interruppe tutto. Bisognerà aspettare il dopoguerra per i nuovi esperimenti, che portarono all'inizio delle trasmissioni nel 1954.

Diventerà molto popolare (più dello stesso film) l'omonima canzone Mille lire al mese di Carlo Innocenzi e Alessandro Sopranzi.

La criticaModifica

Luigi Chiarelli, su Film del 7 gennaio 1939: "La trama sembra complicata a raccontarla, ma tutto è esposto con tanta chiarezza e gli episodi si seguono con logica così spontanea e conseguente, che per lo spettatore ogni cosa appare logica e naturale".

Mario Pannunzio, nelle pagine di Omnibus del 21 gennaio 1939 «È bastato che qualche critico appassionato raccomandasse con melliflua simpatia di vedere Mille lire al mese, perché un pubblico innumerevole accorresse a riempire la sala del Corso Cinema, obbligando i ritardatari, la seconda sera a seguire in piedi la proiezione. Ma davvero il pubblico si diverte in quel modo? Quei personaggi sollevati da onde schiumose e sbattuti qua e là come relitti di un misero naufragio, potevano destare qualche sorriso...»

Manifesti e locandineModifica

La realizzazione dei manifesti del film, per l'Italia, fu affidata al pittore cartellonista Anselmo Ballester, spettacolare il 140x200, dove appare, per la prima volta uno schermo televisivo, dal quale sembra uscire il volto di Alida Valli.

BibliografiaModifica

  • Francesco Savio, Ma l'amore no, Sonzogno editore, Milano 1975, pag. 217.
  • AA.VV. La città del cinema, produzione e lavoro nel cinema italiano 1930/1970, Napoleone editore 1979.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema