Miramax Films
Logo
StatoStati Uniti Stati Uniti
Forma societariaLimited liability company
Fondazione1979
Fondata da
Sede principaleSanta Monica e Minato
GruppoBeIN Media (51%), ViacomCBS (49%)
SettoreDistribuzione
ProdottiFilm
Sito webwww.miramax.com

La Miramax Films è una delle più importanti case di produzione e distribuzione cinematografiche mondiali. Dal 1993 al 2010 è stata controllata dalla Disney.

StoriaModifica

Fondata nel 1979 dai fratelli Harvey e Robert "Bob" Weinstein, deve il suo nome alla combinazione dei nomi dei loro genitori, Max e Miriam. Inizialmente la compagnia fu creata con l'intenzione di distribuire film indipendenti, non ritenuti vantaggiosi e scartati dalle major più importanti.

Inaspettatamente anche per i due fondatori, la compagnia acquistò film che resero in maniera straordinaria al botteghino, rendendola una leader della rivoluzione dei film indipendenti che travolse Hollywood negli anni novanta.

Nel 1993 la Miramax fu acquistata per 75 milioni di dollari dalla The Walt Disney Company, che la rese, con l'arrivo di nuovi ingenti capitali e solidi appoggi, una delle case di produzione e distribuzione più potenti. Harvey e Bob Weinstein rimasero comunque alla direzione della compagnia con una larga autonomia, rispetto al resto delle altre compagnie della Disney, anche se quest'ultima aveva comunque l'ultima parola sulle scelte di produzione della Miramax (come per esempio il caso della difficoltosa distribuzione del documentario Fahrenheit 9/11 di Michael Moore, 2004).

I fratelli Weinstein, in seguito a queste e ad altre critiche, lasciarono la guida della società il 30 settembre 2005 per fondare la The Weinstein Company, lasciando il posto di presidente a Daniel Batsek.

Nell'ottobre 2009 la Disney annunciò una riduzione dello staff del 70% e del numero di pellicole prodotte, che scese alla metà (tre film l'anno) e le funzioni amministrative e distributive, prima autonome, furono associate alla casa madre.

Nel gennaio 2010 la Disney ha messo in vendita la Miramax. Varie compagnie, tra le quali anche gli stessi Weinstein, si sono dette interessate. Il New York Times ne stima un costo di 700 milioni di dollari.

Il 30 luglio la Disney ha annunciato di aver venduto la casa cinematografica Miramax per circa 660 milioni di dollari a una società di investimenti (Colony Capital), mettendo fine a mesi di colloqui tra il gruppo e vari offerenti.

Il 3 marzo 2016 è stata ceduta al gruppo qatariota BeIN Media.

Il Caso WeinsteinModifica

Il 6 ottobre 2017 un'inchiesta del The New York Times l'ha accusato di molestie sessuali ai danni di alcune attrici di Hollywood, tra le quali Ashley Judd e Rose McGowan. In conseguenza dello scandalo, il 9 ottobre 2017 Weinstein è stato licenziato dalla società che aveva co-fondato. Contro di lui si sono poi aggiunte le denunce per abusi sessuali e stupro di varie attrici. Quando l'attrice Paz de la Huerta lo accusa di un doppio stupro nel suo appartamento a New York nel 2010, la polizia di New York ne ipotizza il possibile arresto. Weinstein ha ingaggiato degli ex-agenti del Mossad israeliano per rintracciare le donne molestate e far pressione su di loro affinché ritirassero le loro accuse contro di lui. Tali denunce comporteranno per Weinstein la sua immediata espulsione dall'Academy of Motion Picture Arts and Sciences e l'avvio dell'iter da parte del presidente francese Emmanuel Macron per ritirargli la Legion d'onore conferitagli dall'ex presidente Nicolas Sarkozy nel 2012. In seguito è stato anche accusato di sfruttamento della prostituzione. Vi sono poi state le accuse di una sua assistente. Lo studio fondato da Harvey Weinstein e dal fratello Robert è stato poi citato in giudizio dal procuratore dello stato di New York per non aver tutelato i suoi dipendenti dalle molestie sessuali e dalle intimidazioni del produttore cinematografico.

Il 25 maggio 2018 Harvey Weinstein si è presentato al commissariato di Lower Manhattan a New York per consegnarsi alle autorità. L'ex produttore è in stato di arresto con l'accusa di aver stuprato una donna e aver costretto un'altra a praticargli sesso orale; la cauzione è stata fissata a un milione di dollari.

Il 24 febbraio 2020 viene riconosciuto colpevole di violenza sessuale e stupro e condannato l'11 marzo successivo a 23 anni di carcere.

Filmografia parzialeModifica

ProduzioneModifica

DistribuzioneModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN155064711 · ISNI (EN0000 0004 1346 0903 · LCCN (ENno94027623 · GND (DE10005956-9 · WorldCat Identities (ENlccn-no94027623