Mish'al bin Abd al-Aziz Al Sa'ud

principe, politico e imprenditore saudita

Mishʿal bin ʿAbd al-ʿAzīz Āl Saʿūd (Riad, 5 settembre 1926Riad, 3 maggio 2017) è stato un principe, politico e imprenditore saudita, membro della famiglia reale Āl Saʿūd.

Mishʿal bin ʿAbd al-ʿAzīz Āl Saʿūd
Il principe è il primo da destra
Principe dell'Arabia Saudita
Stemma
Stemma
Nome completoMishʿal bin ʿAbd al-ʿAzīz bin ʿAbd al-Raḥmān Āl Saʿūd
NascitaRiad, 5 settembre 1926
MorteRiad, 3 maggio 2017 (90 anni)
SepolturaCimitero al-Adl, 4 maggio 2017
DinastiaDinastia Saudita
PadreAbd al-Aziz dell'Arabia Saudita
MadreShāhida
ReligioneIslam sunnita
Mishʿal bin ʿAbd al-ʿAzīz Āl Saʿūd

Presidente del Consiglio di Fedeltà
Durata mandato10 dicembre 2007 –
3 maggio 2017
MonarcaRe Abd Allah
Re Salman
Predecessore-
Successorevacante

Governatore della Provincia della Mecca
Durata mandato1963 –
1971
MonarcaRe Sa'ud
Re Faysal
PredecessoreMut'ib bin 'Abd al-'Aziz Al Sa'ud
SuccessoreFawwaz bin Abd al-Aziz Al Saud

Ministro della Difesa
Durata mandato12 maggio 1951 –
1953
MonarcaRe Abd al-Aziz
Re Sa'ud
PredecessoreMansur bin Abd al-Aziz Al Sa'ud
SuccessoreFahad bin Sa'ud Al Sa'ud

Vice Ministro della Difesa
Durata mandato1943 –
12 maggio 1951
MonarcaRe Abd al-Aziz
Predecessore-
SuccessoreMut'ib bin 'Abd al-'Aziz Al Sa'ud

Primi anni di vita

modifica

Il principe Mishʿal è nato a Riyāḍ nel 1926[1], tredicesimo figlio del re ʿAbd al-ʿAzīz.[2]

Era fratello germano dei principi Manṣūr e Mutaib e della principessa Qumash che è morta il 26 settembre 2011.[3] La loro madre era un'armena, Shāhida (morta nel 1938)[4] che taluni hanno riferito che fosse la moglie preferita del re.[5][6]

Carriera

modifica

Il principe Mishʿal ha servito come ministro della Difesa dal 12 maggio 1951 al 1953[7][8] sostituendo il fratello Manṣūr, quando questi morì per avvelenamento da alcol dopo una festa organizzata dall'allora governatore di Riyad Nasser bin Abd al-Aziz Al Sa'ud nel 1951.[9] Fino a tale data, il principe Mishʿal aveva servito come Vice Ministro della Difesa. Quando divenne ministro, il fratello minore Mutayyib è stato nominato suo vice.[5][10] Come ministro della Difesa, divenne uno dei principi più ricchi della nazione. Ha comprato terreni demaniali per prezzi molto convenienti e da questi ha prodotto profitti straordinari. I suoi modi sono stati segnalati come seri, tranquilli e dignitosi. A causa della sua mancanza di istruzione ed esperienza, il principe Mishʿal ha rischiato di lasciare il ministero completamente disorganizzato. Si appoggiò quindi pesantemente al consiglio e alle raccomandazioni da consulenti stranieri.[10] Egli esercitava una notevole influenza nel governo del re.[10] A causa della notevole potenza di Mishʿal, re ʿAbd al-ʿAzīz, ha contrastato la sua influenza attraverso la nomina di ʿAbd Allāh bin Fayṣal come ministro della Sanità e dell'Interno.[10]

Allo stesso tempo, re ʿAbd al-ʿAzīz ha accorpato il Ministero della Forza Aerea al ministero guidato dal principe Mishʿal per evitare questioni di volo che l'avrebbero fatto dipendere dal principe Ṭalāl, l'allora ministro della Comunicazione.[10] Mishʿal e Ṭalāl non erano d'accordo, sul fatto che l'Arabia Saudita dovesse avere due flotte di compagnie aeree.[10] Nell'aprile del 1955, il principe Ṭalāl si dimise e il Ministero delle Comunicazioni è stato fuso con quello delle finanze.[10] Nel maggio 1955, il re Saʿūd ha ricreato la Guardia Nazionale. Questa è stato guidato dal figlio di Saʿūd, il principe Khālid, che ha sostituito un cittadino comune.[10] Questa mossa ha indebolito il principe Mishʿal perché aveva spesso usato le risorse della vecchia Guardia Nazionale.[10]

Altre posizioni

modifica

Mishʿal e il fratello Mutayyib sono stati estromessi dalle rispettive cariche da re Saʿūd, ma nel 1963 re Fayṣal affidò loro la carica di governatore e di vice governatore, rispettivamente. In particolare, ha servito come governatore della Provincia della Mecca[2] dal 1963 al 1971. Il principe ha lasciato l'incarico nel 1971 per ragioni che non sono del tutto chiare.[5] Mishʿal è stato nominato Presidente del Consiglio di Fedeltà il 10 dicembre 2007.[11]

Successione al trono

modifica

Il principe si è lamentato più di una volta del fatto che avrebbe dovuto essere indicato come principe ereditario, in quanto aveva servito come governatore e ministro ed era più anziano di alcuni dei suoi fratelli. Non è un evento accidentale che la sua impresa, Mishaal International, insieme con i suoi partner tedeschi e cinesi, sia il concorrente principale nella costruzione della gran parte del nuovo sistema ferroviario del regno, affare che vale molti miliardi di dollari.[9] Si sostiene che sia stato immediatamente escluso dalla successione su pressione dei fratelli Sudayrī.[2]

Influenza

modifica

Mishʿal bin ʿAbd al-ʿAzīz non ha ricoperto una posizione ufficiale per decenni, fino alla sua nomina a Presidente del Consiglio di Fedeltà. Si dedicò ampiamente ad interessi commerciali e alle corse di cammelli e all'allevamento. Tuttavia, ha goduto di un ruolo chiave nella gerarchia della famiglia. È anziano quasi quanto il re e il principe ereditario. È stato imparziale nella politica della famiglia, è anche noto per il favore nutrito verso re ʿAbd Allāh e per l'essere suo stretto alleato.[2] La sua posizione neutrale lo hanno reso perfetto per essere nominato presidente del Consiglio di Fedeltà. Questo ruolo è considerato una posizione significativa, dandogli influenza nel processo decisionale in materia di successione.[12]

Attività commerciali

modifica

Mishʿal bin ʿAbd al-ʿAzīz è un importante uomo d'affari, con consistenti investimenti nei settore immobiliare, assicurativo, elettrico, petrolifero e cementifero.

È fondatore dell'Al Shoula Group, che è un importante investitore in sviluppi immobiliari in tutto il Vicino Oriente in partnership con investitori come Dubai Emaar Group, Kuwait Bayt Al Mal Investment Company e dell'Al Rajhi Tameer Group. Consociata interamente alla proprietà di Al Shoula, Dhahran Global è attiva in ampie aree del petrolio e della petrolchimica compreso lo sviluppo di gasdotti, la produzione di petrolio e gas, servizi petroliferi e commercio internazionale dei prodotti.[13] Il CEO di Al Shoula Group è suo figlio, il principe Abd al-Aziz.[13]

Il principe Mishʿal è anche presidente del consiglio di amministrazione della Yanbu Cement company, fondata nel 1976.[14]

Nell'ottobre 2009, Mishʿal è stato ricoverato in ospedale a Ginevra, a quanto pare dopo aver subito un ictus.[12] Poi, tornò in Arabia Saudita dopo un trattamento medico non specificato a Beirut nel dicembre 2009.[5]

Vita personale

modifica

I figli del principe sono Fayṣal, Muḥammad, Manṣūr, ʿAbd al-ʿAzīz, Turkī, Khāled, Bandar, Saʿūd, Sulṭān, Alanoud, Mishael, Madawī, Ḥaṣṣa, Nūf, Nūra, Sāra, Māha e Lulwa.

Il principe Mishʿal è il terzo più anziano figlio sopravvissuto del re ʿAbd al-ʿAzīz dopo il principe Bandar e il re ʿAbd Allāh

È sostenitore delle corse di cammelli tradizionale e delle corse di cavalli, e possiede dromedari e cavalli da corsa preziosi. Ogni anno, patrocina corse di cammelli nel regno. Si occupa anche di falconeria tradizionale.

Morte e funerale

modifica

Il principe è morto a Riad il 3 maggio 2017. Le preghiere funebri si sono tenute il giorno successivo nella Grande Moschea di La Mecca dopo la preghiera della sera. La salma è stata poi sepolta nel cimitero al-Adl della città.

  1. ^ The Allegiance Council, in APS Diplomat News Service, 27 ottobre 2011. URL consultato il 16 marzo 2013.
  2. ^ a b c d Nabil Mouline, Power and generational transition in Saudi Arabia (PDF), in Critique Internationale, vol. 46, April–June 2012, pp. 1-22. URL consultato il 24 aprile 2012.
  3. ^ Custodian of the Two Holy Mosques performs funeral prayer on the soul of Princess Gumash bint Abdulaziz, su alriyadh.gov.sa, Riyadh Municipality, 27 settembre 2011. URL consultato il 12 agosto 2012.
  4. ^ Biography of Shahida, su datarabia.com, Datarabia. URL consultato il 10 agosto 2012.
  5. ^ a b c d Joseph A. Kechichian, Succession in Saudi Arabia, New York City, Palgrave, 2001.
  6. ^ Simon Henderson, After King Abdullah (PDF) (Policy Paper), su Washington Institute, agosto 2009. URL consultato il 28 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 21 ottobre 2012).
  7. ^ Land Forces History, su rslf.gov.sa, Royal Saudi Land Forces (RSLF). URL consultato il 12 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 31 luglio 2017).
  8. ^ Talal Kapoor, Nayif's Departure: Spring Cleaning in The Royal Court?, su Datarabia, 8 giugno 2012. URL consultato il 10 giugno 2012.
  9. ^ a b The new successıon law preserves the monarchy, su Wikileaks, 22 novembre 2006. URL consultato il 21 aprile 2012.
  10. ^ a b c d e f g h i S. Hertog, Rt-Princes Brokers and Bureaucrats Z, Cornell University Press, 23 febbraio 2011, p. 46, ISBN 978-0-8014-5753-1. URL consultato il 15 gennaio 2013.
  11. ^ Prince Mishaal to head Allegiance Commission: Saudi launches royal succession committee, in Al Arabiya, 10 dicembre 2007. URL consultato il 10 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 14 dicembre 2013).
  12. ^ a b Talal Kapoor, Briefing: Prince Mish'al's Health Condition, su datarabia.com, Datarabia, 7 luglio 2010. URL consultato l'11 maggio 2012.
  13. ^ a b Al Shoula Group, su dhahran-global.com, Dhahran Global Company. URL consultato il 29 maggio 2012.
  14. ^ History, su yanbucement.com, Yanbu Cement Company. URL consultato il 29 maggio 2012.