Mistero alle Bermuda

film del 2001 diretto da Lewis Teague
Mistero alle Bermuda
Mistero alle Bermuda.jpg
il titolo, nel film
Titolo originaleThe Triangle
Paese di produzioneStati Uniti d'America, Stati Uniti d'America
Anno2001
Durata92 min
Generethriller, fantascienza, fantastico
RegiaLewis Teague
Casa di produzioneGeorge Street Pictures
FotografiaMichael Seresin
MontaggioSteven Weisberg
Effetti specialiRoger Guyett, Stephen Hamilton, John Richardson
MusicheJohn Williams
ScenografiaStuart Craig
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Mistero alle Bermuda è un film del 2001 diretto da Lewis Teague.

TramaModifica

Tommy è un avvocato di Chicago e fa sempre un sogno molto strano: si trova su una nave che sembra completamente morta e sembra essere inseguito da qualcosa, arrivato alla porta 116 vede una ragazza che sembra avvertirlo di un pericolo, lui apre la porta e si vede un uomo con una mazza da cricket in mano, sanguinante alla testa, che sembra intenzionato a colpirlo e ucciderlo. Un giorno il suo amico Stuart lo chiama per una vacanza e, pur avendo molti impegni, Tommy riesce a ritagliarsi del tempo per andare con lui. Stuart, all'insaputa di Tommy, porterà con sé la sua nuova fidanzata Julia ed assieme a loro verrà anche Gus, un ragazzo amante del computer e afflitto da problemi cardiaci. Gus, quando comincia ad avere paura deve prendere delle pastiglie per il cuore; mentre i suoi amici lo chiamano per questo viaggio, lui sta osservando su internet le varie scomparse misteriose sul triangolo delle Bermude, nota in particolare la scomparsa della Queen of Scots, una nave inglese scomparsa prima della seconda guerra mondiale (1939), l'ultima comunicazione di quella nave riguardava una strana nebbia gialla dove la nave andava addentrarsi e gli strumenti di navigazione andavano completamente in tilt.

Una volta arrivati all'isola di San Sebastian nelle Bermude decidono di andare a pescare, ciò però pare ad un certo punto impossibile poiché la carta di credito di Stuart sembra bloccata, e quindi i ragazzi sono impossibilitati a prendere una barca, o almeno non quella che Stuart diceva di aver prenotato. Allora Stuart comincia un'accesa discussione con un addetto alle navi del porto che gli dice che tutti i capitani sono occupati. Si vede allora costretto a dare dei soldi all'addetto, ed egli gli risponde che un capitano è ancora libero, il capitano Louis Morgan, che non sembra tanto disposto a fare sconti per la sua nave, infatti vuole 700 dollari al giorno quando a Stuart era stato detto che gli sarebbero bastati 500 dollari al giorno, Tommy, che in precedenza con Gus aveva assistito ad un rito vudù dove si evocava Bakalu (uno spirito malvagio) si tira allora indietro perché gli sembra ingiusto che per pescare debbano pagare 700 dollari giornalieri, anche se poi Stuart lo convince a pagare subito per i 3 giorni che avrebbero trascorso nel triangolo delle Bermuda. Con Louis c'è anche il suo secondo, o meglio, la sua seconda, Charlotte, che Tommy scopre essere la ragazza del suo sogno. La nave non è nelle migliori condizioni ma i sei partono ugualmente, Stuart propone a Julia di fare un'immersione ma questa preferisce fare semplicemente una nuotata, quindi Stu (come veniva denominato da Julia) s'immerge con la tuta da sommozzatore mentre Julia fa una semplice nuotata. Ad un certo punto Julia viene tirata giù da qualcosa, lei non lo può vedere perché sott'acqua, ma quel qualcosa è un bambino, un bambino con la testa insanguinata; per fortuna Tommy la sente gridare e corre a salvarla. Nel frattempo Stuart trova sott'acqua una chiave, la chiave della stanza 116. Tornati sulla barca Julia racconta l'accaduto e Tommy è convinto che sia stato Stuart a toccarla involontariamente, ma Stuart dice di non essersi minimamente avvicinato a Julia.

Il giorno dopo Stuart chiede ai due ragazzi se lui e la sua fidanzata sarebbero potuti tornare indietro, poiché ella era rimasta sconvolta dall'evento del giorno precedente. Tommy e Gus non sembrano apprezzare e alla fine è la stessa Julia a dire di rimanere poiché non vuole fare la figura della rompiscatole. Finalmente i ragazzi iniziano a pescare e Stuart sembra aver preso un pesce spada enorme, quando ad un certo punto l'amo si spezza ed i ragazzi entrano nella nebbia gialla di cui parlava la storia della Queen of Scots: gli strumenti di navigazione vanno completamente in tilt e la nave si ferma, poiché il serbatoio della benzina, già difettoso da prima, risultava completamente distrutto e Louis non aveva pezzi di ricambio con sé. Gus comincia a supporre che anche loro sarebbero scomparsi assieme alla loro nave ed ingerisce la prima pastiglia per il cuore. I ragazzi sembrano disperati ma si para, accanto a loro, una nave; Gus nota che la nave è la Queen of Scots, scomparsa nel 1939. I ragazzi trovano strano che nessuno abbia notato quella nave in molti anni, ma visto il bisogno di pezzi di ricambio, decidono di salirci per prenderli. Stuart e Tommy si avviano con un gommone verso la nave e salgono tramite una scala, che tra l'altro quando i ragazzi avevano avvistato la nave non c'era. I due arrivano sul ponte della nave, che sembra distrutto, la nave tra l'altro è completamente deserta, intanto arrivano anche gli altri, i ragazzi si dirigono verso il salone principale, vedono inoltre in manifesto di James Barrow, un attore famoso all'epoca che era sulla nave assieme a sua moglie a suo figlio Forrest, si mormorava che Barrow avesse problemi mentali. Dalla sala principale i ragazzi decidono di dividersi, Tommy, Stuart e Louis andranno a cercare qualcosa di utile per la nave, mentre gli altri tre rimarranno nella sala principale.

Tommy, Louis e Stuart arrivano nella sala di comando, dove trovano il diario di bordo, poi Stuart si divide dal gruppo dicendo che era impossibilitato ad andare avanti poiché la sua torcia non funzionava, ma, invece, la sua torcia funzionava benissimo, e si addentra da solo in un corridoio dove sente una voce che dice Forrest, ti devo uccidere, solo dopo, dal diario di bordo, si scoprirà che la voce è di James Barrow che si era rivelato veramente pazzo, poiché uccise sua moglie e suo figlio con un oggetto contundente, Stuart entra in una stanza dove trova il libro mastro di bordo. Louis e Tommy trovano il motore, Louis prende qualche pezzo e poi i due decidono di tornare indietro, mentre ritornano nella sala principale, vedono l'ascensore muoversi, cosa impossibile dato che la nave non aveva energia elettrica secondo Louis, dall'ascensore spunta fuori una palla da cricket. Una volta tornati tutti alla sala principale i ragazzi tornano alla loro nave, che però è scomparsa, è rimasto solo il gommone, impossibile da usare poiché aveva una capienza di a mala pena 3 persone, tutti credono sia stato Stuart, poiché è rimasto solo per molto tempo e non sembrava molto favorevole ad andare via dalla nave fantasma poiché secondo lui conteneva delle ricchezze immense. Costretti a restare Louis decide di andare nella sala motore per cercare di far ripartire la nave, Stuart dice di andare con Louis ma anche stavolta mente, poiché tornerà nel corridoio dove entrerà nella stanza 116 e comincerà ad immaginare di perdere sangue dalla testa, allo specchio vedrà James Barrow, sul letto troverà una mazza da cricket che poi porterà con sé, intanto Gus vede lo stesso bambino che aveva cercato di affogare Julia il giorno prima e lo insegue dicendogli che non gli avrebbe fatto del male, Gus arriva allora nella stanza 116, che si chiude da sola, la sua ansia sale e tutte la pasticche gli cadono per terra, lui nel tentativo di raccoglierle viene spaventato dal bambino che rispunta da sotto il letto, e quindi Gus muore; Tommy intanto sta facendo lo stesso sogno ma con una fine diversa, quando apre non c'è l'uomo con la mazza da cricket in mano, c'è Gus che chiede aiuto, Charlotte ha fatto lo stesso sogno e rivela a Tommy che anche lei faceva il suo stesso sogno tutte le notti. I due raggiungono con paura la stanza 116 ma per Gus è ormai troppo tardi. Confermando dopo lo shock, un'intuizione che era venuta Charlotte in quelle ore. E cioè che sul piroscafo non siano proprio soli, ma che esso sia un luogo che "trasudi malvagità" secondo le sue testuali parole, avendo quindi intorno al loro un'entità maligna e minacciosa che si muove e che ha come scopo il metterli l'uno contro l'altro e ucciderli. Scoprendo sempre in quel momento, che si tratta di proprio dello spirito udito da Tommy durante la cerimonia a San Sebastian.

Nel frattempo Stuart, ormai posseduto dall'entità, trova il caveau della nave e cerca di prendere qualche dollaro, Julia lo ferma e scopre che Stuart è povero, ciò spiegava la carta di credito bloccata, Julia però lo ama ancora, ma la voce di James Barrow dice a Stuart di uccidere Julia, Stuart obbedisce prendendo la mazza da cricket e andando dietro Julia (la scena dell'omicidio non è mostrata nel film). Allora Tommy e Charlotte vanno a cercare Stuart e Julia, trovano delle tracce di sangue che si fermano dove venivano buttati i rifiuti, là Tommy vede il corpo di Julia ormai morta con un colpo alla testa, poi Stuart chiude Tommy e Charlotte dentro la discarica e apre le pompe dell'acqua, in modo tale da farli affogare. La prossima vittima di Stuart è ovviamente Louis, che vedendo il suo amico avvicinarsi non si preoccupa e si volta, Stuart allora lo colpisce con la mazza da cricket e po' gli spara al petto con la pistola che lo stesso Louis si era portato con sé. Charlotte e Tommy riescono ad uscire dalla discarica e si dividono, Tommy trova il corpo di Louis e Charlotte viene raggiunta da Stuart, che tenterà di ucciderla, ma un provvidenziale intervento di Tommy metterà Stuart fuori combattimento. Tommy e Charlotte allora vanno sul ponte della nave per prendere il gommone, Tommy versa una sostanza infiammabile sul ponte della nave, getta via la mazza da cricket, che viene però raccolta da Stuart, ancora vivo, colpirà Tommy e proprio mentre sembra voler sferrare il colpo di grazia Charlotte tira la corda che circondava il piede di Stuart che scivola dalla nave e muore impiccato. I due montano sul gommone ma non è ancora finita, la nave si muove da sola, e punta dritta verso di loro, Tommy spara con la pistola per gli SOS sulla nave in modo tale che essa prenda fuoco, al terzo tentativo Tommy colpisce la nave che viene incendiata e affondata. Il film termina con la guardia costiera che li trova, la cosa strana è che la notizia viene data al telegiornale poiché la nave su cui Tommy e Charlotte si trovavano (ossia quella del capitano Louis Morgan) era scomparsa quattro anni prima, quindi per Tommy e Charlotte era passato solamente un giorno da quando si erano addentrati nella nebbia ed erano saliti sulla nave, mentre in realtà passarono ben quattro anni.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica