Mobile Suit Gundam Unicorn

Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il videogioco tratto dalla serie, vedi Mobile Suit Gundam Unicorn (videogioco).
Mobile Suit Gundam Unicorn
機動戦士ガンダムUC(ユニコーン)
(Kidō senshi Gandamu Yunikōn)
Generefantascienza
Light novel
AutoreHarutoshi Fukui
Char. designYoshikazu Yasuhiko
Mecha designHajime Katoki
EditoreKadokawa Shoten
RivistaGundam Ace
1ª edizionefebbraio 2007 – agosto 2009
Volumi10 (completa) +1 extra
Volumi it.inedito
OAV
RegiaKazuhiro Furuhashi
SoggettoHarutoshi Fukui
Composizione serieYasuyuki Muto
Char. designYoshikazu Yasuhiko (character design originale), Kumihiko Takahashi
Mecha designKunio Ōkawara (mecha design originale), Hajime Katoki, Junya Ishigaki
Dir. artisticaShigemi Ikeda
MusicheHiroyuki Sawano
StudioSunrise
1ª edizione20 febbraio 2010 – 6 giugno 2014
Episodi7 (completa)
Rapporto16:9
Durata ep.50 min (ep. 1-6)
90 min (ep. 7)
Editore it.Dynit
1ª edizione it.22 febbraio 2012 – 29 ottobre 2014
Episodi it.7 (completa)
Durata ep. it.50 min (ep. 1-6)
90 min (ep. 7)
Dialoghi it.Ad Libitum
Studio dopp. it.Studio P.V.
Dir. dopp. it.Donatella Fanfani, Fabrizio Mazzotta
Preceduto daChar's Counterattack
Seguito daGundam F91
Manga
Mobile Suit Gundam Unicorn: Bande Dessinée
TestiHarutoshi Fukui
DisegniKouzou Oomori
EditoreKadokawa Shoten
RivistaGundam Ace
Targetseinen
1ª edizione26 gennaio 2010 – 26 dicembre 2016
Tankōbon17 (completa)
Volumi it.inedito
Serie TV anime
Mobile Suit Gundam Unicorn RE:0096
RegiaKazuhiro Furuhashi
Composizione serieYasuyuki Muto
MusicheHiroyuki Sawano
StudioSunrise
ReteTV Asahi
1ª TV3 aprile – 11 settembre 2016
Episodi22 (completa)
Rapporto16:9
Durata ep.24 min
1º streaming it.Crunchyroll (sottotitolata)

Mobile Suit Gundam Unicorn (機動戦士ガンダムUC(ユニコーン) Kidō senshi Gandamu Yunikōn?) è una serie di light novel dello scrittore giapponese Harutoshi Fukui, con disegni di Yoshikazu Yasuhiko e Hajime Katoki. È ambientata nello Universal Century della saga di Gundam. Nel 2010 ne è iniziata la trasposizione in una serie OAV di sei episodi e in un manga. Successivamente, in data 14 maggio 2012, è stata ufficialmente annunciata da Sunrise l'aggiunta di un settimo episodio alla serie OAV. In Italia l'OAV è stato pubblicato dalla Dynit.

TramaModifica

U.C. 0001 La colonizzazione dello spazio sta per dare inizio a una nuova era. Tuttavia, durante la cerimonia del cambio di calendario la colonia spaziale di Laplace, residenza ufficiale del Primo Ministro della Federazione Terrestre, viene ridotta in frantumi da un attacco terroristico. Un giovane di nome Syam Vist, entrato a far parte dei terroristi dopo essere caduto in miseria, viene coinvolto nell'esplosione, scoprendo la presenza di qualcosa tra le macerie.

U.C. 0096. La colonia manifatturiera Industrial 7 è in fase di completamento e fluttua nell'orbita di Lagrange Point 1. Un giovane di nome Banagher Links, cresciuto senza alcun ricordo di suo padre, incontra Audrey Burne, una misteriosa fanciulla imbarcata clandestinamente su una nave diretta verso la colonia. Mentre un misterioso Mobile Suit bianco viene sottoposto a innumerevoli test, i portavoce di Neo Zeon si infiltrano all'interno della colonia alla ricerca di qualcosa di importante. Banagher non sa ancora di essere stato coinvolto nelle oscure macchinazioni che circonderanno lo Scrigno di Laplace, e presto entrerà in contatto con quello che viene definito la chiave dello Scrigno, l'Unicorn Gundam.

MediaModifica

Light novelModifica

Gundam Unicorn in Giappone è stato pubblicato a puntate dalla Kadokawa Shoten sulla rivista mensile Gundam Ace, dove è apparso la prima volta il 26 dicembre 2006; in seguito la storia è stata raccolta in undici volumi più un prologo in formato tankōbon. La sua pubblicazione è stata preceduta da un'intensa campagna di lancio della Bandai, forte anche di un trailer animato di circa un minuto.

GiapponeseKanji」 - RōmajiData di prima pubblicazione
Giapponese
1「ユニコーンの日(上)」 - Yunikōn no hi (jō)21 settembre 2007[1]
ISBN 978-4-04-713969-5
2「ユニコーンの日(下)」 - Yunikōn no hi (ge)21 settembre 2007[2]
ISBN 978-4-04-713970-1
3「赤い彗星」 - Akai suisei20 dicembre 2007[3]
ISBN 978-4-04-715003-4
4「パラオ攻略戦」 - Parao kōryaku sen24 aprile 2008[4][5]
ISBN 978-4-04-715060-7 (ed. regolare)
ISBN 978-4-04-715018-8 (ed. limitata)
5「ラプラスの亡霊」 - Rapurasu no bōrei24 luglio 2008[6]
ISBN 978-4-04-715084-3
6「重力の井戸の底で」 - Jūryoku no ido no soko de23 ottobre 2008[7]
ISBN 978-4-04-715112-3
7「黒いユニコーン」 - Kuroi yunikōn24 dicembre 2008[8]
ISBN 978-4-04-715143-7
8「宇宙と惑星と」 - Sora to hoshi to23 aprile 2009[9] (ed. regolare)
15 aprile 2009[10] (ed. limitata)
ISBN 978-4-04-715229-8 (ed. regolare)
ISBN 978-4-04-715197-0 (ed. limitata)
9「虹の彼方に(上)」 - Niji no kanata ni (jō)20 agosto 2009[11]
ISBN 978-4-04-715286-1
10「虹の彼方に(下)」 - Niji no kanata ni (ge)20 agosto 2009[12]
ISBN 978-4-04-715287-8
11「不死鳥狩り」 - Fushichō kari26 marzo 2016[13]
ISBN 978-4-04-103921-2

MangaModifica

Un adattamento manga intitolato Mobile Suit Gundam Unicorn Bande Dessinée (機動戦士ガンダムUC(ユニコーン)バンデシネ Kidō Senshi Gandamu Yunikōn Bandeshine?) è stato serializzato sulla rivista Gundam Ace della Kadokawa Shoten dal gennaio 2010 al dicembre 2016. Il manga è stato scritto da Fukui Harutoshi e illustrato da Kouzou Oomori. I vari capitoli sono stati raccolti in diciassette volumi tankōbon usciti tra il 26 luglio 2010 ed il 25 febbraio 2017.

Data di prima pubblicazione
Giapponese
121 luglio 2010[14]ISBN 978-4-04-715491-9
224 novembre 2010[15]ISBN 978-4-04-715567-1
323 marzo 2011[16]ISBN 978-4-04-715665-4
424 novembre 2011[17]ISBN 978-4-04-120020-9
528 marzo 2012[18]ISBN 978-4-04-120212-8
622 giugno 2012[19]ISBN 978-4-04-120287-6
720 novembre 2012[20]ISBN 978-4-04-120532-7
820 marzo 2013[21] (ed. regolare)
28 febbraio 2013[22] (ed. limitata)
ISBN 978-4-04-120642-3 (ed. regolare)
ISBN 978-4-04-120662-1 (ed. limitata)
921 settembre 2013[23]ISBN 978-4-04-120844-1
1025 gennaio 2014[24]ISBN 978-4-04-121036-9
1110 giugno 2014[25]ISBN 978-4-04-121120-5
1226 novembre 2014[26] (ed. regolare)
10 dicembre 2014[27] (ed. limitata)
ISBN 978-4-04-102462-1 (ed. regolare)
ISBN 978-4-04-101933-7 (ed. limitata)
1326 maggio 2015[28]ISBN 978-4-04-103079-0
1426 dicembre 2015[29] (ed. regolare)
10 dicembre 2015[30] (ed. limitata)
ISBN 978-4-04-103778-2 (ed. regolare)
ISBN 978-4-04-103103-2 (ed. limitata)
1526 aprile 2016[31]ISBN 978-4-04-104149-9
1626 ottobre 2016[32]ISBN 978-4-04-104875-7
1725 febbraio 2017[33]ISBN 978-4-04-105218-1

AnimeModifica

 
Copertina del primo DVD dell'edizione italiana dell'anime

Nell'aprile 2009 la Bandai ne ha annunciato la trasposizione in un anime,[34] in particolare un OAV di sei episodi di circa 60 minuti ciascuno[35]. Dopo l'anteprima mondiale a Hong Kong il 6 febbraio, il 20 febbraio 2010 il primo episodio è stato proiettato in alcuni cinema di Tokyo, Osaka, Nagoya, Fukuoka e Sapporo, e distribuito in formato video per PS3 e PSP[36]. Alla prima giapponese della proiezione del quinto episodio, Black Unicorn, la Sunrise ha poi annunciato l'aggiunta di un settimo episodio di 90 minuti[37]. Dai 7 episodi dell'OAV sono poi stati ricavati 22 episodi di 20 minuti trasmessi in televisione in Giappone dal 3 aprile all'11 settembre 2016 con il titolo Mobile Suit Gundam Unicorn RE:0096 (機動戦士ガンダムユニコーン RE:0096 Kidō senshi Gandamu Yunikōn RE:0096?)[38]. La versione televisiva è stata trasmessa in simulcast in Italia da Crunchyroll[39].

Mobile Suit Gundam Unicorn
Titolo italiano
GiapponeseKanji」 - Rōmaji
Prima edizione
GiapponeseItaliano
1Il giorno dell'Unicorno
「ユニコーンの日」 - Yunikōn no hi
20 febbraio 2010
22 febbraio 2012
2La Cometa Rossa
「赤い彗星」 - Akai suisei
12 novembre 2010
14 marzo 2012
3Il fantasma di Laplace
「ラプラスの亡霊」 - Rapurasu no bōrei
5 marzo 2011
18 aprile 2012
4In fondo al pozzo della gravità
「重力の井戸の底で」 - Jūryoku no ido no soko de
12 novembre 2011
23 maggio 2012
5Lo Unicorn Nero
「黒いユニコーン」 - Kuroi Yunikōn
19 maggio 2012
1º novembre 2012
6Due mondi, due domani
「宇宙と地球と」 - Uchū to chikyū to
2 marzo 2013
22 marzo 2013
7Al di là dell'Arcobaleno
「虹のかなたに」 - Niji no kanata ni
6 giugno 2014
29 ottobre 2014
Mobile Suit Gundam Unicorn RE:0096
Titolo italiano
GiapponeseKanji」 - Rōmaji
In onda
Giapponese
1Anno 0096: Partenza
「96年目の出発」 - Kyūjūroku-nenme no tabidachi
3 aprile 2016
2Primo sangue
「最初の血」 - Saisho no chi
10 aprile 2016
3Lo chiamavano Gundam
「それはガンダムと呼ばれた」 - Sore wa Gandamu to yobareta
17 aprile 2016
4Full Frontal all'inseguimento
「フル・フロンタル追撃」 - Furu Furontaru tsuigeki
24 aprile 2016
5Scontro con la Cometa Rossa
「激突・赤い彗星」 - Gekitotsu: Akai Suisei
1º maggio 2016
6Sotto la maschera
「その仮面の下に」 - Sono kamen no shimo ni
8 maggio 2016
7Battaglia per la conquista di Palau
「パラオ攻略戦」 - Parao kouryakusen
15 maggio 2016
8Laplace, il luogo dove tutto ebbe inizio
「ラプラス, 始まりの地」 - Rapurasu, hajimari no chi
22 maggio 2016
9Retribution
「リトリビューション」 - Ritoribyūshon
29 maggio 2016
10Dalla Terra incandescente
「灼熱の大地から」 - Shakunetsu no daichi kara
5 giugno 2016
11Scontro a Torrington
「トリントン攻防」 - Torinton kōbō
12 giugno 2016
12Una guerra personale
「個人の戦争」 - Kojin no sensō
26 giugno 2016
13Il soldato Banagher Links
「戦士, バナージ・リンクス」 - Senshi, Banāji rinkusu
3 luglio 2017
14La battaglia mortale dei due Unicorn
「死闘、二機のユニコーン」 - Shitō, ni-ki no Yunikōn
17 luglio 2016
15Coloro che attendono nello spazio
「宇宙(そら)で待つもの」 - Sora de matsu mono
24 luglio 2016
16La sfera di prosperità reciproca dei Side
「サイド共栄圏」 - Saido kyōeiken
31 luglio 2016
17Il recupero della Nahel Argama
「奪還! ネェル・アーガマ」 - Dakkan! Neeru Āgama
7 agosto 2016
18Battaglia fatidica
「宿命の戦い」 - Shukumei no tatakai
14 agosto 2016
19Lo spazio s'illumina di nuovo
「再び光る宇宙」 - Futatabi hikaru uchū
21 agosto 2016
20Lo Scrigno di Laplace
「ラプラスの箱」 - Rapurasu no hako
28 agosto 2016
21Fino ai confini del mondo
「この世の果てへ」 - Kono yono hate e
4 settembre 2016
22Ritorno
「帰還」 - Kikan
11 settembre 2016

musicheModifica

eding sigle finaliModifica

VideogiocoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Mobile Suit Gundam Unicorn (videogioco).

Un videogioco d'azione sviluppato da FromSoftware e pubblicato da Namco Bandai uscì l'8 marzo 2012 per PlayStation 3 esclusivamente in Giappone[40][41].

NoteModifica

  1. ^ (JA) 機動戦士ガンダム UC (1) ユニコーンの日 (上), Kadokawa Shoten. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  2. ^ (JA) 機動戦士ガンダム UC (2) ユニコーンの日 (下), Kadokawa Shoten. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  3. ^ (JA) 機動戦士ガンダム UC (3) 赤い彗星, Kadokawa Shoten. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  4. ^ (JA) 機動戦士ガンダムUC (4) パラオ攻略戦, Kadokawa Shoten. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  5. ^ (JA) 機動戦士ガンダムUC (4) 特装版 パラオ攻略戦, Kadokawa Shoten. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  6. ^ (JA) 機動戦士ガンダムUC (5) ラプラスの亡霊, Kadokawa Shoten. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  7. ^ (JA) 機動戦士ガンダムUC (6) 重力の井戸の底で, Kadokawa Shoten. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  8. ^ (JA) 機動戦士ガンダムUC (7) 黒いユニコーン, Kadokawa Shoten. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  9. ^ (JA) 機動戦士ガンダムUC (8) 宇宙と惑星と, Kadokawa Shoten. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  10. ^ (JA) 機動戦士ガンダムUC (8) 特装版, Kadokawa Shoten. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  11. ^ (JA) 機動戦士ガンダムUC (9) 虹の彼方に (上), Kadokawa Shoten. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  12. ^ (JA) 機動戦士ガンダムUC (10) 虹の彼方に (下), Kadokawa Shoten. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  13. ^ (JA) 機動戦士ガンダムUC (11) 不死鳥狩り, Kadokawa Shoten. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  14. ^ (JA) 機動戦士ガンダムUC バンデシネ (1), Kadokawa Shoten. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  15. ^ (JA) 機動戦士ガンダムUC バンデシネ (2), Kadokawa Shoten. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  16. ^ (JA) 機動戦士ガンダムUC バンデシネ (3), Kadokawa Shoten. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  17. ^ (JA) 機動戦士ガンダムUC バンデシネ (4), Kadokawa Shoten. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  18. ^ (JA) 機動戦士ガンダムUC バンデシネ (5), Kadokawa Shoten. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  19. ^ (JA) 機動戦士ガンダムUC バンデシネ (6), Kadokawa Shoten. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  20. ^ (JA) 機動戦士ガンダムUC バンデシネ (7), Kadokawa Shoten. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  21. ^ (JA) 機動戦士ガンダムUC バンデシネ (8), Kadokawa Shoten. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  22. ^ (JA) 機動戦士ガンダムUC バンデシネ (8) 特装版, Kadokawa Shoten. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  23. ^ (JA) 機動戦士ガンダムUC バンデシネ (9), Kadokawa Shoten. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  24. ^ (JA) 機動戦士ガンダムUC バンデシネ (10), Kadokawa Shoten. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  25. ^ (JA) 機動戦士ガンダムUC バンデシネ (11), Kadokawa Shoten. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  26. ^ (JA) 機動戦士ガンダムUC バンデシネ (12), Kadokawa Shoten. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  27. ^ (JA) 機動戦士ガンダムUC バンデシネ (12) 特装版, Kadokawa Shoten. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  28. ^ (JA) 機動戦士ガンダムUC バンデシネ (13), Kadokawa Shoten. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  29. ^ (JA) 機動戦士ガンダムUC バンデシネ (14), Kadokawa Shoten. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  30. ^ (JA) 機動戦士ガンダムUC バンデシネ (14) 特装版, Kadokawa Shoten. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  31. ^ (JA) 機動戦士ガンダムUC バンデシネ (15), Kadokawa Shoten. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  32. ^ (JA) 機動戦士ガンダムUC バンデシネ (16), Kadokawa Shoten. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  33. ^ (JA) 機動戦士ガンダムUC バンデシネ (17), Kadokawa Shoten. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  34. ^ (EN) Egan Loo, Gundam Unicorn Anime Officially Announced (Updated), in Anime News Network, 22 aprile 2009. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  35. ^ (EN) Egan Loo, Gundam Unicorn to Be 6 50-Minute OVAs (Update 2), in Anime News Network, 21 agosto 2009. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  36. ^ (EN) Egan Loo, Gundam Unicorn's World Premiere in Hong Kong on 2/6, in Anime News Network, 28 gennaio 2010. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  37. ^ Aggiunto il settimo episodio alla saga!, Dynit, 14 maggio 2012. URL consultato il 18 dicembre 2019 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2015).
  38. ^ (EN) Crystalyn Hodgkins, Gundam UC Anime Gets TV Broadcast With New Opening, Ending Themes (Updated), in Anime News Network, 20 febbraio 2016. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  39. ^ Sonia Starsong, Mobile Suit Gundam Unicorn RE:0096 va ad aggiungersi al catalogo simulcast di Crunchyroll, Crunchyroll, 31 marzo 2016. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  40. ^ (JA) 『機動戦士ガンダムUC』がプレイステーション3でゲーム化!, in Famitsū, 10 novembre 2011. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  41. ^ (EN) Anoop Gantayat, More Details on From's Gundam UC PS3 Conversion, in Andriasang, 9 novembre 2011. URL consultato il 18 dicembre 2019.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga