Apri il menu principale
Moise Kean
Moise Kean - 2015 - Juventus FC (youth team) (cropped).jpg
Kean nel 2015 con le giovanili della Juventus
Nazionalità Italia Italia
Altezza 182 cm
Peso 72 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Everton
Carriera
Giovanili
2007Asti
2007-2010Torino
2010-2017Juventus
Squadre di club1
2016-2017Juventus3 (1)
2017-2018Verona19 (4)
2018-2019Juventus13 (6)
2019-Everton9 (0)
Nazionale
2015Italia Italia U-156 (2)
2015Italia Italia U-164 (3)
2015-2017Italia Italia U-1717 (8)
2017-2018Italia Italia U-196 (4)
2018Italia Italia U-201 (2)
2018-Italia Italia U-218 (3)
2018-Italia Italia3 (2)
Palmarès
Transparent.png Europei di calcio Under-19
Argento Finlandia 2018
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 19 ottobre 2019

Moise Bioty Kean (AFI: [ˈmɔis ˈkin][1]; Vercelli, 28 febbraio 2000) è un calciatore italiano, attaccante dell'Everton, della nazionale italiana e della nazionale under-21 italiana.

BiografiaModifica

È figlio di genitori originari della Costa d'Avorio, arrivati a Vercelli nel 1990, dove Moise nasce dieci anni dopo.[2] Con la sopravvenuta separazione tra i suoi genitori, all'età di 5 anni Moise si trasferisce con la madre e i suoi due fratelli ad Asti, dove trascorre il resto dell'infanzia e dell'adolescenza.[3]

Caratteristiche tecnicheModifica

È un attaccante forte fisicamente, rapido e di buona tecnica individuale. Schierato prevalentemente come punta centrale, ben si disimpegna anche da seconda punta.[4]

CarrieraModifica

ClubModifica

Gli iniziModifica

Inizia a interessarsi al calcio grazie al fratello maggiore Giovanni, tirando i primi calci nell'oratorio Don Bosco di Asti.[3] Entrambi approdano poi nel vivaio della principale squadra cittadina, l'Asti.[3] Nonostante non abbia ancora 10 anni, e per questo non sia ancora tesserabile dalla società biancorossa, Moise si fa presto notare contro avversari più grandi di lui, tanto da ottenere e superare un provino che lo fa entrare nel più blasonato settore giovanile del Torino.[3]

Rimane in granata fino al 2010 quando, su spinta di uno zio di famiglia (a sua volta padre di Abdoulaye Bamba, anche lui calciatore), passa ai concittadini della Juventus[3] dove compie tutta la restante trafila delle giovanili fino alla formazione Primavera di Fabio Grosso: con questa, nel 2016 raggiunge la finale scudetto persa ai tiri di rigore contro i pari età della Roma.[5]

Juventus e VeronaModifica

Nel corso della stagione 2016-2017 fa la spola tra le giovanili[6] e la prima squadra di Massimiliano Allegri, cui inizia a essere frequentemente aggregato. Con quest'ultima, il 19 novembre 2016 fa il suo esordio in Serie A, all'età di 16 anni e 9 mesi, subentrando a Mandžukić sul finire nella vittoriosa sfida interna contro il Pescara (3-0); tre giorni dopo debutta anche in Champions League nella vittoriosa trasferta contro il Siviglia (3-1), rilevando Pjanić nel finale: diviene così il primo calciatore nato negli anni 2000 a esordire in Serie A e in Champions League.[7] Partecipando da comprimario alla vittoria dello scudetto, il 27 maggio 2017 trova spazio per realizzare anche la sua prima rete in Serie A, a 17 anni, decisiva per vincere l'ultima partita di campionato sul campo del Bologna (2-1): diviene così il primo della sua annata ad andare a segno in uno dei massimi campionati europei.[7]

Dopo aver firmato il suo primo contratto,[8] e in vista della sua prima stagione da professionista, nell'estate 2017 la Juventus cede Kean in prestito al neopromosso Verona.[9] Esordisce in maglia gialloblù il successivo 10 settembre, subentrando nella sconfitta interna contro la Fiorentina (0-5); il 1º ottobre dello stesso anno sigla il suo primo gol coi veneti, nel pari sul campo del Torino (2-2).[10] Realizza la sua prima doppietta in Serie A il 28 gennaio 2018, nella vittoriosa trasferta di Firenze (4-1).[11] Termina la stagione, che vede la retrocessione della squadra scaligera in Serie B, con 19 presenze e 4 gol in campionato.

Nell'estate 2018 fa ritorno alla Juventus, stavolta inserito in pianta stabile nella rosa della prima squadra.[12] Inizialmente impiegato marginalmente, trova il primo gol il 12 gennaio 2019, alla prima da titolare con i torinesi, siglando il definitivo 2-0 nella gara di Coppa Italia vinta sul campo del Bologna.[13] Da qui in avanti si ritaglia sempre più spazio,[14][15] e con 13 presenze e 6 gol nella seconda metà di campionato — tra cui la sua prima doppietta in maglia bianconera, nella vittoriosa sfida interna dell'8 marzo 2019 contro l'Udinese (4-1),[16] e la rete che il 6 aprile decide la classica contro il Milan (2-1)[17] — emerge quale maggiore rivelazione stagionale della squadra juventina,[14][15] dando stavolta un contributo importante nella vittoria dello scudetto,[15] il secondo personale per Kean.

EvertonModifica

Nell'estate 2019 si trasferisce in Inghilterra, acquistato dall'Everton[18] per 27,5 milioni di euro più bonus.[19] Il successivo 10 agosto fa il suo debutto con la maglia dei Toffees, nella partita di Premier League sul campo del Crystal Palace (0-0), subentrando nella ripresa a Calvert-Lewin.[20]

NazionaleModifica

GiovaniliModifica

In possesso del doppio passaporto ivoriano e italiano, Kean ha optato per quest'ultima nazionale, rappresentando i colori italiani sin dalla selezione giovanile Under-15. Con l'Under-17 ha partecipato alle edizioni 2016 e 2017 dell'Europeo di categoria, realizzando un gol in entrambe le manifestazioni.

Nel settembre 2017 esordisce nell'Under-19, selezione con cui ha tuttavia un approccio problematico in avvio, dato che nello stesso mese viene allontanato dal ritiro azzurro, insieme con il collega Scamacca, per intemperanze disciplinari.[21] Una volta richiamato in nazionale, nel luglio 2018 partecipa all'Europeo di categoria in Finlandia, dove emerge tra i protagonisti del cammino italiano. Trova la sua prima rete nella manifestazione, e con l'U-19, nella terza e ultima sfida della fase a gironi contro la Norvegia (1-1), risultato che apre agli azzurrini le porte della semifinale;[22] qui, contro la Francia segna il definitivo 2-0 che qualifica l'Italia alla finale.[23] Nell'atto conclusivo contro il Portogallo, dopo essere subentrato all'intervallo con la sua nazionale sotto di due reti, segna una doppietta che porta la gara ai tempi supplementari, dove tuttavia i lusitani s'imporranno 4-3 relegando gli azzurrini al secondo posto.[24]

Nel successivo settembre fa il suo debutto con l'Under-20, siglando una doppietta nel 3-0 alla Polonia durante il Torneo 8 Nazioni.[25]

L'11 ottobre 2018 debutta anche con l'Under-21, giocando titolare nell'amichevole persa a Udine contro il Belgio (0-1);[26] quattro giorni dopo segna il suo primo gol con gli azzurrini, realizzando un calcio di rigore nella vittoriosa amichevole di Vicenza contro la Tunisia Under-23 (2-0).[27] Nel frattempo entrato nel giro della nazionale maggiore, torna in Under-21 nel 2019, convocato per l'Europeo di categoria ospitato dall'Italia.[28] Dopo essere sceso in campo nelle prime due partite della manifestazione, viene escluso dal commissario tecnico Luigi Di Biagio per motivi disciplinari, insieme al collega Zaniolo, dalla terza gara della fase a gironi,[29] che sancisce l'eliminazione azzurra.

MaggioreModifica

Il 16 novembre 2018 riceve la sua prima convocazione in nazionale A, da parte del commissario tecnico Roberto Mancini.[30] Debutta con la nazionale maggiore quattro giorni dopo, a 18 anni e 9 mesi, subentrando a Berardi nell'amichevole vinta a Genk contro gli Stati Uniti (1-0); diventa così il primo nato negli anni 2000 a vestire la maglia azzurra.[31]

Il 23 marzo 2019, in occasione della vittoriosa partita di Udine contro la Finlandia (2-0), valevole per le qualificazioni al campionato d'Europa 2020, scende in campo per la prima volta da titolare trovando anche il suo primo gol in azzurro, quello del definitivo raddoppio: all'età di 19 anni e 23 giorni diventa così il secondo più giovane marcatore nella storia della nazionale dopo Bruno Nicolè.[32]

StatisticheModifica

Presenze e reti nei clubModifica

Statistiche aggiornate al 19 ottobre 2019.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2016-2017   Juventus A 3 1 CI 0 0 UCL 1 0 SI 0 0 4 1
2017-2018   Verona A 19 4 CI 1 0 - - - - - - 20 4
2018-2019   Juventus A 13 6 CI 1 1 UCL 3 0 SI 0 0 17 7
Totale Juventus 16 7 1 1 4 0 0 0 21 8
2019-2020   Everton PL 9 0 FACup+CdL 0+1 0 - - - - 10 0
Totale carriera 44 11 3 1 4 0 0 0 51 12

Cronologia presenze e reti in nazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
20-11-2018 Genk Italia   1 – 0   Stati Uniti Amichevole -   62’
23-3-2019 Udine Italia   2 – 0   Finlandia Qual. Euro 2020 1
26-3-2019 Parma Italia   6 – 0   Liechtenstein Qual. Euro 2020 1
Totale Presenze 3 Reti 2
Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia Under-21
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
11-10-2018 Udine Italia Under-21   0 – 1   Belgio Under-21 Amichevole -   59’
15-10-2018 Vicenza Italia Under-21   2 – 0   Tunisia Under-23 Amichevole 1   60’
15-11-2018 Ferrara Italia Under-21   1 – 2   Inghilterra Under-21 Amichevole 1   80’
16-6-2019 Bologna Italia Under-21   3 – 1   Spagna Under-21 Europeo Under-21 2019 - 1º turno -   60’
19-6-2019 Bologna Italia Under-21   0 – 1   Polonia Under-21 Europeo Under-21 2019 - 1º turno -   46’
6-9-2019 Catania Italia Under-21   4 – 0   Moldavia Under-21 Amichevole -   46’
10-9-2019 Castel di Sangro Italia Under-21   5 – 0   Lussemburgo Under-21 Qual. Europeo Under-21 2021 1   32’ -   46’
10-10-2019 Dublino Irlanda Under-21   0 – 0   Italia Under-21 Qual. Europeo Under-21 2021 -   46’ -   64’
Totale Presenze 8 Reti 3

PalmarèsModifica

ClubModifica

Competizioni giovaniliModifica

Juventus: 2015

Competizioni nazionaliModifica

Juventus: 2016-2017, 2018-2019
Juventus: 2016-2017
Juventus: 2018

NoteModifica

  1. ^ (EN) Everton FC [@Everton], Moise Kean (pronounced: 'moys keen'). You're welcome (Tweet), su twitter.com, 4 agosto 2019.
  2. ^ Marina Salvetti, La madre di Kean: «Grazie Juve, con te è diventato un uomo», su tuttosport.com, 25 marzo 2019.
  3. ^ a b c d e Fabrizio Salvio, Il viaggio di Mosè inizia qui, in SportWeek (La Gazzetta dello Sport), nº 16 (933), 20 aprile 2019, pp. 34-40.
  4. ^ Alessandro Aliberti, Juventus, il futuro dei bianconeri si chiama Kean, su tuttosport.com, 22 gennaio 2016. URL consultato il 2 ottobre 2017.
  5. ^ La Primavera si ferma solo ai rigori, su juventus.com, 4 giugno 2016.
  6. ^ Termina il cammino in campionato della Primavera, su juventus.com, 7 giugno 2017.
  7. ^ a b Kean, il primo ragazzo del 2000 a fare gol, su tuttosport.com, 27 maggio 2017. URL consultato il 2 ottobre 2017.
  8. ^ Juve-Kean, rinnovo fino al 2020: la firma nelle prossime ore, su gazzetta.it, 13 luglio 2017.
  9. ^ Verona, c'è Kean in prestito dalla Juve. Niente scambio con Matri, Pazzini resta, su gazzetta.it, 31 agosto 2017. URL consultato il 2 ottobre 2017.
  10. ^ Fabrizio Turco, Torino-Verona 2-2, Kean e Pazzini gelano Mihajlovic, su repubblica.it, 1º ottobre 2017. URL consultato il 2 ottobre 2017.
  11. ^ Benedetto Ferrara, Fiorentina-Verona 1-4: i viola si arrendono tra i fischi, su repubblica.it, 28 gennaio 2018.
  12. ^ Lorenzo Bettoni, Kean resta alla Juve: tra Raiola e dirigenza, i motivi della scelta, su calciomercato.com, 1º settembre 2018.
  13. ^ Marco Gaetani, Bologna-Juventus 0-2: Bernardeschi e Kean, bianconeri ai quarti senza fatica, su repubblica.it, 12 gennaio 2019.
  14. ^ a b Simone Eterno, Moise Kean, gioiellino tra i gioiellini: se non ce la fa Ronaldo, l'alternativa è già pronta, su it.eurosport.com, 8 aprile 2019.
  15. ^ a b c Juventus, la favola di Kean: dalla panchina alla firma sullo scudetto, su corrieredellosport.it, 20 aprile 2019.
  16. ^ Kean show, la Juve cala il poker: Udinese ko 4-1, su sport.sky.it, 8 marzo 2019.
  17. ^ Federico Sala, Juventus-Milan 2-1: Kean colpisce ancora, bianconeri a un passo dal titolo, su repubblica.it, 6 aprile 2019.
  18. ^ (EN) Howard Frost, Everton Sign Striker Kean, su evertonfc.com, 4 agosto 2019.
  19. ^ Grazie Moise, e buona fortuna!, su juventus.com, 4 agosto 2019.
  20. ^ Moise Kean, esordio senza gol in Premier: entra e l'Everton resta in dieci, su liberoquotidiano.it, 11 agosto 2019.
  21. ^ Nazionale Under 19, Scamacca e Kean allontanati dal ritiro, su sport.sky.it, 3 settembre 2017.
  22. ^ L'Italia pareggia con Kean si prende le semifinali e la qualificazione al Mondiale Under 20, su figc.it, 22 luglio 2018.
  23. ^ Una grande Italia conquista la finale. Domenica in campo contro il Portogallo, su figc.it, 26 luglio 2018.
  24. ^ Italia straordinaria, ma non basta. Azzurrini battuti ai supplementari dal Portogallo, su figc.it, 29 luglio 2018.
  25. ^ Torneo 8 Nazioni. L'Italia parte forte: 3-0 contro la Polonia con i gol di Kean e Scamacca, su figc.it, 6 settembre 2018.
  26. ^ Al 'Friuli' prove di Europeo: il Belgio passa nel finale, gli Azzurrini si fermano al palo, su figc.it, 11 ottobre 2018.
  27. ^ L'Italia riprende la corsa verso l'Europeo: battuta 2-0 la Tunisia con i gol di Parigini e Kean, su figc.it, 15 ottobre 2018.
  28. ^ Parte l'avventura europea: Di Biagio ufficializza la lista dei 23 Azzurrini, su figc.it, 6 giugno 2019.
  29. ^ Di Biagio: "Kean e Zaniolo? Regole infrante più volte, dovevo intervenire", su it.eurosport.com, 22 giugno 2019.
  30. ^ Azzurri a caccia di conferme con il Portogallo. Mancini: "Vogliamo la Final Four, ma l'obiettivo è l'Europeo", su figc.it, 16 novembre 2018.
  31. ^ Italia, Kean nella storia: primo millennial azzurro in campo, su sport.sky.it, 20 novembre 2018.
  32. ^ Luca Stamerra, Italia, Moise Kean nella storia: è il secondo più giovane di sempre a segnare in Nazionale, su it.eurosport.com, 23 marzo 2019.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica