Monarchia del Regno Unito

monarchia parlamentare del Regno unito e dei suoi territori d'oltremare
(Reindirizzamento da Monarchia britannica)

La monarchia del Regno Unito, detta anche monarchia britannica, è la monarchia costituzionale parlamentare del Regno Unito, delle sue dipendenze e dei suoi territori d'oltremare. L'attuale monarca e capo di stato, il re Carlo III, è diventato re alla morte di sua madre, la regina Elisabetta II, l'8 settembre 2022. La monarchia britannica è stata istituita così come la conosciamo oggi nel 1215, con l' emano della Magna Carta Liberatum.

Stemma reale del Regno Unito

Il monarca e la sua famiglia immediata svolgono varie mansioni ufficiali, cerimoniali, diplomatiche e di rappresentanza. Poiché la monarchia è costituzionale, il monarca è limitato dal parlamento e dalla costituzione, ha funzioni imparziali come conferire onorificenze e nominare il primo ministro. Il monarca è, per tradizione, il comandante in capo delle Forze armate britanniche. Sebbene l'autorità esecutiva formale sul governo del Regno Unito sia ancora del Re, tramite la prerogativa reale del monarca, questi poteri possono essere utilizzati secondo le leggi emanate in Parlamento e, in pratica, con i limiti di convenzioni e precedenti.

Ruolo costituzionaleModifica

Nella Costituzione non codificata del Regno Unito, il monarca (indicato nella legislazione esclusivamente come "il Sovrano" e chiamato Sua Maestà) è il capo dello Stato. L'immagine del Monarca è usata per indicare la sovranità britannica e l'autorità del governo: il loro profilo, ad esempio, appare sulla valuta, e il loro ritratto negli edifici governativi. Il Sovrano è inoltre menzionato e oggetto di canti, fedeli brindisi e saluti. "God Save the King" (o, in alternativa, "God Save the Queen") è l'inno nazionale britannico. Al Sovrano e ai suoi legittimi successori vengono prestati giuramenti di fedeltà.

Il monarca prende poca parte diretta al governo. L'esercizio dei poteri formali del sovrano è quasi tutto delegato, per statuto o per convenzione, a ministri o a funzionari della Corona o ad altri enti pubblici. Così gli atti di stato compiuti in nome della Corona, come le nomine della Corona, anche se eseguiti personalmente dal Monarca, come il discorso del re e l'apertura statale del parlamento, dipendono da decisioni prese altrove:

  • Il potere legislativo è esercitato dal Re in Parlamento, da e con il parere e il consenso della Camera dei Lord e della Camera dei Comuni.
  • Il potere esecutivo è esercitato dal governo di Sua Maestà, che comprende i ministri, principalmente il primo ministro e il gabinetto, che è tecnicamente un comitato del Consiglio privato. Hanno la direzione delle Forze Armate della Corona, del Servizio Civile e di altri Funzionari della Corona come i Servizi Diplomatici e Segreti (il Sovrano riceve alcuni rapporti di intelligence straniera prima del primo ministro).
  • Il potere giudiziario è conferito alle varie magistrature del Regno Unito, che per costituzione e statuto[ godono dell'indipendenza giudiziaria del governo.
  • La Chiesa d'Inghilterra, di cui il sovrano è il capo titolare, ha le proprie strutture legislative, giudiziarie ed esecutive.
  • I poteri indipendenti dal governo sono legalmente concessi ad altri enti pubblici per statuto o strumento statutario come un Ordine in Consiglio, Commissione reale o altro.

Il ruolo del sovrano come monarca costituzionale è in gran parte limitato a funzioni apartitiche, come la concessione di onorificenze. Tale ruolo è riconosciuto sin dal XIX secolo. Il potere esecutivo è esercitato dal governo di Sua Maestà, che comprende i ministri, principalmente il primo ministro e il gabinetto, che è tecnicamente un comitato del Consiglio privato. Lo scrittore costituzionale Walter Bagehot identificò la monarchia nel 1867 come la "parte dignitosa" piuttosto che la "parte efficiente" del governo.

FinanzeModifica

Fino al 1760, il monarca sosteneva tutte le spese ufficiali dalle entrate ereditarie, che includevano i profitti del Crown Estate (il portafoglio di proprietà reale).

Re Giorgio III ha accettato di cedere le entrate ereditarie della Corona in cambio della lista civile, e questo accordo è durato fino al 2012. Una sovvenzione annuale per i servizi immobiliari pagata per il mantenimento delle residenze reali e una borsa reale annuale per i viaggi. La lista civile copriva la maggior parte delle spese, comprese quelle per il personale, le visite di stato, gli impegni pubblici e l'intrattenimento ufficiale. La sua dimensione veniva fissata dal Parlamento ogni 10 anni; tutto il denaro risparmiato è stato riportato al successivo periodo di 10 anni.Dal 2012 al 2020, la lista civile e le sovvenzioni saranno sostituite con un'unica sovvenzione sovrana, che sarà fissata al 15% delle entrate generate dal Crown Estate.

Il Crown Estate è uno dei più grandi portafogli immobiliari del Regno Unito, con partecipazioni per 7,3 miliardi di sterline nel 2011. È tenuto in amministrazione fiduciaria e non può essere venduto o posseduto dal Sovrano a titolo privato. Nei tempi moderni, i profitti ceduti dal Patrimonio della Corona al Tesoro hanno superato la Lista Civile e le Sovvenzioni. Ad esempio, la Crown Estate ha prodotto 200 milioni di sterline nel 2007-2008, mentre il finanziamento parlamentare dichiarato per il monarca è stato di 40 milioni di sterline durante lo stesso periodo. Come la Crown Estate, la terra e le attività del Ducato di Lancaster, un portafoglio di proprietà del valore di £ 383 milioni nel 2011, sono detenute in trust. Le rendite del Ducato fanno parte della Borsa Privata, e sono utilizzate per le spese non sostenute dalle sovvenzioni parlamentari. I "Paradise Papers", trapelati nel 2017, mostrano che il Ducato di Lancaster deteneva investimenti nei paradisi fiscali britannici delle Isole Cayman e delle Bermuda. Il Ducato di Cornovaglia è una proprietà simile tenuta in custodia per far fronte alle spese del figlio maggiore del monarca. La Royal Collection, che comprende opere d'arte e gioielli della Corona, non è di proprietà personale del sovrano ed è tenuta in custodia, così come i palazzi occupati nel Regno Unito come Buckingham Palace e il Castello di Windsor. Il Sovrano è soggetto a imposte indirette come l'imposta sul valore aggiunto e dal 1993 la Regina ha pagato l'imposta sul reddito e l'imposta sulle plusvalenze sul reddito personale. Le sovvenzioni parlamentari al Sovrano non sono trattate come entrate in quanto sono esclusivamente per spese ufficiali.I repubblicani stimano che il costo reale della monarchia, inclusa la sicurezza e il reddito potenziale non rivendicato dallo Dtato, come i profitti dei ducati di Lancaster e Cornovaglia e l'affitto di Buckingham Palace e del Castello di Windsor, sia di 334 milioni di sterline all'anno. Le stime della ricchezza della Regina variavano, a seconda che fossero inclusi i beni posseduti da lei personalmente o tenuti in custodia per la nazione.

La rivista Forbes ha stimato la sua ricchezza in 450 milioni di dollari nel 2010, ma non era disponibile alcuna cifra ufficiale. Nel 1993, il Lord Chamberlain disse che le stime di 100 milioni di sterline erano "grossolanamente sopravvalutate".Jock Colville, che era il suo ex segretario privato e direttore della sua banca, Coutts, stimò la sua ricchezza nel 1971 a 2 milioni di sterline (l'equivalente di circa 30 milioni di sterline oggi. Il Sunday Times Rich List 2020 ha stimato la ricchezza personale di Elisabetta II a 350 milioni di sterline, rendendola la 372a persona più ricca del Regno Unito.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica